Rivista Informat

by Informat-Press

Trascina per sfogliare le pagine, fai click per leggere gli articoli

Compatibile con Webkit browser (Safari, Chrome, Firefox)

COVER STORY L'INFORMAZIONE IN TEMPO REALE
< Flip

Informat Paper News - Intersezioni

Nuove regole per la privacy Intersezioni - Pubblicato 2018.05.23

Il 25 maggio prossimo entrerà in vigore il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione

Tecnico ispettore del biologico per le produzioni vegetali e agroalimentari Intersezioni - Pubblicato 2017.01.24

L'Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali, in collaborazione con la Federazione italiana agricoltura biologica e biodinamica, organizza un corso per Tecnico ispettore del biologico per le produzioni vegetali e agroalimentari, riconosciuto ai sensi del Reg. CE 834/07 e succ. mod. Scopo del corso è la qualifica del personale incaricato di svolgere le attività ispettive disciplinate dal Reg. CE 834/07 nel settore delle produzioni vegetali e dei prodotti trasformati biologici. Programma: qui allegato. Periodo di svolgimento: 9, 10, 11, 16, 17 febbraio 2017. Iscrizione: compilare in ogni sua parte il modulo al seguente link (indicare nella sezione Indicazione del corso il codice 4.02). Contributo di partecipazione: 660 euro +IVA per i dottori agronomi e i dottori forestali iscritti allOrdine di Milano e allOrdine di Varese (700 euro + IVA per gli iscritti di altri Ordini). Il corso partecipa al programma di formazione permanente dei dottori agronomi e dei dottori forestali per 5 CFP. Sede del corso: Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali di Milano, Via Giovanni Pacini 13, Milano. Mezzi pubblici: MM2 Piola, Autobus 39, 62, Filobus 90, 91, Tram, 23, 33, FS Milano Lambrate.

Rischio e valutazioni biologiche Intersezioni - Pubblicato 2017.01.24

Dopo la presentazione delle Linee guida per la valutazione di stabilità delle piante arboree ornamentali, elaborate dal Dipartimento Sistemi verdi della Federazione regionale degli Ordini dei dottori agronomi e dei dottori forestali della Lombardia (cfr. Giorgetti M., Linee guida per la valutazione di stabilità delle piante arboree ornamentali, Intersezioni, 73, 20 aprile 2016) molti collegi si sono posti il problema di come affrontare il concetto di rischio introdotto per la prima volta dalle Linee guida nella prassi di valutazione della stabilità nel nostro Paese. Il coordinatore delle Linee guida ricorda che la valutazione del rischio di possibili danni a cose e persone nelleventualità che si verifichi un cedimento, sebbene sia stata fino a oggi facoltativa, viene sempre più richiesta dai committenti, soprattutto quando questi sono compagnie assicurative a livello europeo e internazionale. D'altra parte, vi sono esperienze e metodi elaborati in altri paesi, soprattutto negli Stati Uniti d'America e in Gran Bretagna, che integrano l'analisi del rischio nella valutazione "biologica" della stabilità degli alberi. Il seminario, che si terrà a Milano il 27 febbraio prossimo, intende approfondire questi aspetti partendo dai profili culturali che si rifanno alla storia della probabilità, esaminando gli approcci cognitivi e psicologici, inquadrando giuridicamente la responsabilità professionale conseguente alle attività di valutazione, indagando gli elementi essenziali degli aspetti assicurativi connessi alla materia per proporre, infine, una breve rassegna dei criteri adottati nei paesi anglosassoni per la qualificazione professionale nell'ambito di procedimenti standardizzati per la valutazione del "rischio albero". Programma: qui allegato. Coordinamento scientifico: Ginevra Galli, Consigliere Segretario dell'Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali di Milano. Sede: Aula G09 Università degli studi di Milano, Via Camillo Golgi 19, Milano (Mezzi pubblici: MM2 Lambrate, Autobus 61, Filobus 93, Tram 5, 23, 33, FS Milano Lambrate). Ammissione: preadesione a odaf@odaf.mi.it entro il 17 febbraio 2017. Vale l'ordine di preadesione fino a esaurimento dei posti disponibili. Contributo di partecipazione: 45 euro, seminario grauito per studenti e personale dell'Università degli Studi di Milano. Il seminario partecipa al programma di formazione permanente dei dottori agronomi e dei dottori forestali per 0,875 CFP di cui 0,5 CFP metaprofessionali.

Valutazione della stabilità degli alberi Intersezioni - Pubblicato 2017.01.24

Lobiettivo principale del corso è la comprensione globale della pianta e dei segnali che questa esprime in quanto, considerata la continua evoluzione delle conoscenze nel settore e il rapido miglioramento degli strumenti diagnostici, le apparecchiature elettroniche non sono da sole sufficienti alla diagnosi. Trattandosi di un campo in cui si utilizzano anche diversi strumenti diagnostici, oltre a unampia descrizione degli strumenti, delle loro capacità e potenzialità, si prevede di farne comprendere il funzionamento, i pregi e i difetti, mediante esercitazioni in campo. Una parte del programma sarà rivolta agli aspetti legali connessi alla stabilità degli alberi con particolare rilievo alla responsabilità penale e civile nel caso di caduta degli alberi. Durata: 4 giornate (dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 14 alle 18) nei mesi di marzo-aprile 2017 (date da definirsi). Programma Biologia e anatomia degli alberi finalizzata agli aspetti diagnosticie statici, Giovanni Morelli Aspetti legali, Paolo Agnoletto Fitopatologia: agenti di decadimento del legno con riconoscimentipratici, Lobis Valentin Lanalisi della stazione e dei problemi stazionali, Luigi Sani Elementi di dendrometria, Antonella Tedesco Strumentazioni per le analisi: pregi e difetti, Marcello Parisini La redazione della perizia di stabilità, Fiorella Castellucchio Approccio allalbero: vta sia bta e workshop in unarea verde urbana con uso delle strumentazioni, Alessandro Pestalozza Docenti Paolo Agnoletto avvocato, Milano Fiorella Castellucchio dottore agronomo, Milano Giovanni Morelli dottore agronomo, Ferrara Marcello Parisini dottore agronomo, Fondazione Minoprio Alessandro Pestalozza dottore agronomo, Milano Luigi Sani dottore forestale, Firenze Antonella Tedesco dottore forestale, Milano Lobis Valentin laureato in fitopatologia allUniversità di Innsbruck Tutor: Fiorella Castellucchio Coordinatore Commissione di studio Verde urbano dell'Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali di Milano. Segreteria: Elisa Cipriani Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali di Milano Sede del corso: Ordine dei dottori agronomi e dei dottorei forestali di Milano, Via Giovanni Pacini 13, Milano. Mezzi pubblici: MM2 Piola, Autobus 39, 62, Filobus 90, 91, Tram, 23, 33, FS Lambrate). Partecipazione: preadesione entro il 21 febbraio 2017 inviando una mail a odaf@odaf.mi.it. Vale lordine di preadesione fino a esaurimento dei 25 posti disponibili. Contributo di partecipazione (da versare entro il 28 febbraio 2017): 400 euro (esente IVA) per gli iscritti agli Ordini dei dottori agronomi e dei dottori forestali di Milano e di Varese, la quota di iscrizione è di 350 euro (esente IVA) per i giovani iscritti, fino a 3 anni di iscrizione e meno di 30 anni di età, 440 euro (oltre IVA) per gli iscritti ad altri Ordini dei dottori agronomi e dei dottori forestali. Il corso partecipa al programma di formazione permanente dei dottori agronomi e dei dottori forestali per 4 CFP.

Non sparate sul notaio Intersezioni - Pubblicato 2016.12.21

Il modello di notariato italiano, di tipo latino (civil law notaries), è presente in 86 Paesi del mondo, in 22 su 28 Paesi europei, e copre oltre il 60% della popolazione mondiale. In tutti questi paesi i notai sono giuristi di elevata formazione selezionati dallo Stato, per legge super partes rispetto alle parti e quindi in grado di offrire un'assistenza imparziale di cui sono garanti e responsabili. Il fatto che le operazioni economicamente più importanti per i cittadini siano sottoposte al controllo di legalità preventivo di uno specialista, indipendente dalle parti, riduce in modo molto significativo il contenzioso successivo. I vantaggi del notariato di tipo latino, internazionalmente riconosciuti, hanno condotto negli ultimi anni a seguito della globalizzazione a una considerevole diffusione di questo modello nel mondo: sono entrati a far parte della famiglia paesi anche culturalmente assai distanti come Cina, Giappone, Indonesia e Vietnam, e si è ulteriormente rinforzata la presenza nell'area europea, con l'ingresso della Russia e della quasi totalità dei Paesi dell'Est europeo. Il notariato italiano, il più antico e tra i più autorevoli del mondo, sostiene attivamente la crescita delle organizzazioni notarili di più recente fondazione. La cooperazione tra notariato italiano e cinese è intensa e proficua. Nel 2003 il Ministro della Giustizia cinese aveva scelto Roma per annunciare, nel corso di una visita al Consiglio Nazionale del Notariato, l'adozione da parte del suo Paese del modello di notariato latino e nel settembre 2014 è tornato per approfondire i temi della trasmissione telematica degli atti ai registri immobiliari e delle imprese azzerando problemi noti altrove come identity frauds, identity thefts, e real estate frauds. A tal fine, in questi anni si sono tenuti corsi di formazione a Roma, a cura del nostro Ministero degli Esteri, dell'Unione internazionale del Notariato e del Consiglio nazionale del Notariato. La validità del sistema notarile di tipo latino si è affermata anche in contesti politico-economici totalmente diversi. Alabama e Florida hanno affiancato al sistema anglosassone un nuovo corpo di notai latini, da tempo esistente anche in Louisiana; altri Stati nordamericani ne stanno seguendo lesempio. Il notariato italiano è stato chiamato a collaborare alla formazione dei nuovi colleghi statunitensi. Come funziona dove manca il notaio Ben diverso è il ruolo del public notary di tipo anglosassone (presente in Gran Bretagna, negli Usa e in altri Paesi), il quale è responsabile solo dell'autenticità delle firme: questo obbliga chi, ad esempio, compra e vende una casa a ricorrere alla consulenza di un avvocato per ciascuno e alle spese dellassicurazione, con costi complessivamente molto più elevati di quelli che si sostengono in Italia, a parità di garanzie. La mancanza della figura del notaio di tipo latino determina inoltre la non attendibilità dei dati inseriti nei registri immobiliari e societari di questi paesi, come specifica chiaramente chi li gestisce. Il valore economico della funzione pubblica del notaio è testimoniato anche dalla richiesta dellAmerican Bar Association di tre notai italiani nel gruppo di lavoro istituito con i rappresentanti della Casa Bianca e del FBI per trovare soluzioni efficaci ai problemi legati alla gestione delle identità digitali e alla prevenzione delle frodi elettroniche connesse anche al mercato immobiliare che hanno portato tra laltro alla falsificazione di migliaia di documenti preparati per favorire le espropriazioni dei beni dei debitori (foreclosure-gate and robosigning). Il contributo del notaio Un esempio del contributo che il notariato italiano può dare allattrazione degli investimento si legge nel rapportò Doing business 2011. In tale anno, infatti, lItalia ha recuperato cinque posizioni a seguito della dimostrazione che lefficienza del sistema di circolazione immobiliare in Italia è ai vertici a livello mondiale. Per quanto ovviamente possono valere i metodi di misurazione di questo rapporto siamo stati considerati secondi solo agli Stati Uniti. Tale risultato è la conseguenza dellinformatizzazione dellintero sistema degli adempimenti post stipula (si tratta per il 2011 di 2.700.000 atti immobiliari), realizzata dal notariato senza oneri per lo Stato. La categoria nel 2011 ha incassato e versato allerario senza aggi esattoriale 5,6 miliardi di euro di imposte indirette. Negli Stati Uniti, dove non cè la figura del notaio, il costo di una transazione immobiliare è di gran lunga superiore a quello italiano. Occorre pagare un avvocato per ciascuna parte e una polizza assicurativa per il caso vi sia una rivendita del bene, ma il contenzioso immobiliare ha un valore pari a oltre quattro punti del Pil. In Italia tale contenzioso è pari sempre in percentuale del Pil a meno di un decimo di quello americano. Ciò significa che il sistema notarile è quello migliore nellinteresse del cittadino e per la crescita del paese. In questo momento occorre dare certezze ancora maggiori ai mercati, specialmente a quello immobiliare, nel quale si registra una caduta di oltre il 40 per cento delle transazioni. Chi pone il problema dellattribuzione ad altre categorie professionali delle competenze del notaio si presta a una competizione tra lobby, ma non guarda allinteresse del cittadino, interesse che risiede nella certezza e legalità degli atti destinati ai registri di pubblicità immobiliare e commerciale. Lordinamento del notariato è stato costruito per la tutela di questo valore: quello delle altre categorie professionali è finalizzato a tutelarne altri. È nellinteresse dei cittadini che le competenze degli ordini professionali citati restino distinte. Il notariato esercita una funzione pubblica di grande rilevanza sociale ai fini della tutela delle volontà e degli interessi patrimoniali dei soggetti più deboli e, in particolare, dei consumatori, dei minori, degli incapaci e degli anziani.In Italia la presenza del notaio-controllore ha realizzato il quasi completo annullamento del contenzioso immobiliare attraverso il test di legalità in entrata e la conseguenze certezza dell'atto notarile. In Italia il contenzioso è pari a circa lo 0,003% degli atti. La figura del notaio costituisce un presidio di legalità sul territorio: il 76% delle segnalazioni antiriciclaggio inoltrate da professionisti e operatori non finanziari all'UIF della Banca d'Italia provenivano dai notai. Il notaio, quale pubblico ufficiale, è un partner essenziale dello Stato nel monitoraggio su migliaia di operazioni economiche (legalità, trasparenza, tracciabilità). Le normative antiriciclaggio AML/TF sono un buon esempio di collaborazione fra pubblica amministrazione e Notariato. Inoltre il notaio ha funzione di prevenzione dei furti di identità. La globalizzazione e l'informatizzazione dei mercati rende cruciale la tracciabilità dei dati di persone e cose. Se i dati non sono accurati ed esatti, introdurli in un computer non aiuterà (rapporto Doing business 2005). L'utilizzo fraudolento di dati anagrafici altrui (Id theft) provoca danni enormi nei Paesi non dotati di sistemi di controllo preventivo. Un rapporto della Federal Trade Commission (FTC) Usa del 2003 stimava in 52,5 miliardi di dollari i danni ai cittadini derivanti da Id theft. Nello stesso periodo gli stessi danni venivano stimati in 2,5 miliardi di dollari in Canada e 2,38 miliardi di Euro in Gran Bretagna. Queste cifre si sono fortemente incrementate nel periodo seguente, sulla spinta della globalizzazione e dello sviluppo delle transazioni informatiche.In Italia il fenomeno è, per ora, poco rilevante, proprio a causa del sistema dei controlli ex ante richiesti dalla maggior parte delle operazioni economiche di una certa importanza. Inoltre il sistema del notariato svolge una funzione essenziale, anche se difficilmente quantificabile in termini monetari, di difensore della pubblica fiducia. Il notariato rappresenta infatti una infrastruttura pubblica con il compito di riempire con la propria competenza e con la presenza capillare sul territorio gli spazi di protezione del cittadino (che sia parte in una transazione, possibile creditore o, anche, futuro acquirente), altrimenti in balia di poteri economici tendenti a operare senza interferenze pubbliche e senza controlli. Può essere utile notare che anche Russia e Cina hanno scelto un modello di tipo europeo e, recentemente, nella Repubblica popolare cinese sono stati inseriti in ruolo 20.000 notai per far fronte alle necessità di certezza del diritto derivanti dallo sviluppo delle attività economiche. Modelli a confronto Nel confronto con una transazione immobiliare negli Stati Uniti occorre considerare che nel caso di un acquisto di un appartamento del valore di 400.000-500.000 a New York, con mutuo non inferiore a 400.000 dollari, i costi professionali e assicurativi sostitutivi del costo notarile sono i seguenti: avvocato della banca (bank attorney), minimo 500 dollari; avvocato del promotore delliniziativa immobiliare (sponsors attorney) 1.500 dollari; avvocato del venditore (sellers attorney) da 1700 a 3000 dollari o più (è anche consentito applicare una percentuale di 0,75-1% del prezzo di vendita); avvocato del compratore (purchasers attorney) come lavvocato del venditore; deposito fiduciario per il pagamento delle tasse, da 100 a 2400 dollari in base alla durata (2-6 mesi) per un prezzo fino a 100.000 dollari, 3000 per un prezzo fino a 400.000 dollari; title insurance, 0,50% del prezzo; in pratica, circa 2600 dollari, per acquisti da 500.000 con mutuo di 400.000 dollari, 5400 dollari, per acquisti da 1.000.000 con mutuo di 800.000 dollari, 7600 dollari, per acquisti da 1.500.000 con mutuo di 1.200.000 dollari; premio per il responsabile della compagnia che rilascia la title insurance, 150-200 dollari; title search (verifica del titolo di piena e libera proprietà), da 450 a 600 dollari. Per un totale di 14.000-19.400 dollari o più. Non tutte le voci sono sempre presenti, ad es. lonorario dellavvocato del promotore potrebbe non esserci, mentre la spesa del deposito fiduciario è variabile. Tuttavia, se lavvocato calcola il proprio onorario in percentuale sul prezzo di vendita, questo costo complessivo cresce di ulteriori 5.000/10.000 dollari per un acquisto di 500.000, portando il totale fra 19.000 e 29.400 dollari. Per confrontare il costo complessivo di un atto notarile italiano, il conteggio va fatto aggregando tutte le voci di spesa, a prescindere dal fatto che alcune siano a carico del venditore e altre a carico del compratore. Si tratta solo di onorari e assicurazione, sono escluse tasse comunali e statali, e accessori, che si aggiungono alla spesa, ma qui non interessano.La title insurance (assicurazione sulla bontà del titolo di proprietà) è computata perché si confronta direttamente con lassenza della performance notarile. È inevitabile per proteggersi contro questo rischio, che da noi è surrogato dalla due diligence notarile e dalla combinazione dellinfrastruttura di certezza giuridica notariato-registri pubblici. La title insurance peraltro non è una garanzia reale, ma solo indennitaria, e non segue gli incrementi di valore nel tempo. Nessuno negli Usa ne fa a meno, onde va considerato come un costo implicito (costo socialmente obbligatorio). Lo stesso va detto per il deposito delle imposte, che da noi è implicito nellonorario notarile. La title insurance, è per noi un costo inesistente per effetto diretto dellatto pubblico.In Italia, l'acquisto di un appartamento del valore di 370.000 euro, con contestuale mutuo ipotecario dell'importo di 300.000 euro ha, approssimativamente, il costo (Iva compresa) di 2000 euro per la compravendita e 2000 euro per il mutuo. Occorre, peraltro, ricordare che le tariffe sono state abrogate e, pertanto, tali importi sono meramente indicativi poiché con la liberalizzazione e lapertura della concorrenza fra notai le cifre si stanno ulteriormente riducendo. Se si analizzano i dati con il metodo Doing business, che fraziona loperazione in cosiddette procedure (ciascuna singola interazione con una parte esterna, come unagenzia pubblica, vale una procedura), si nota inoltre che il sistema americano è frantumato in una serie di segmenti (fra cui anche il pagamento di tributi), assai lontano dal sistema one-stop-shop (sportello unico) che il notaio garantisce. Gli abusi delle banche Negli Usa il sistema legale di accertamento della proprietà immobiliare, di documentazione dei contratti e di iscrizione delle ipoteche in pubblici registri è informale, privo di controllo di legalità e, di fatto, lasciato a una modulistica autogestita dagli operatori bancari. Nel periodo della crisi dei mutui subprime è emerso che almeno un milione di contratti di mutuo erano stati firmati in modo fraudolento o falso e che le attestazioni di proprietà erano altrettanto contraffatte. Negli Stati Uniti i soli avvenimenti legati ai mutui subprime del 2011/2012 hanno costretto 23 Stati a sospendere le procedure a causa dell'incertezza sulla identità dei proprietari. Le transazioni relative a falsi atti immobiliari (e alla conseguente perdita di possesso da parte dei proprietari) ammontano per questo periodo ad almeno 35 miliardi di dollari. Un primo accordo da 25 miliardi di dollari nel febbraio 2012 ha chiuso le cause civili promosse contro cinque colossi del credito ipotecario: 750.000 mutuatari che hanno perso la casa fra il 2008 e il 2011 riceveranno un risarcimento di 2000 dollari ciascuno. Ora sembra prossima la transazione di altre 14 banche a conclusione degli sforzi per farne valere la responsabilità. Limporto dei risarcimenti pagati sarà di altri 10 miliardi di dollari, senza che tutte le conseguenze dello scandalo siano chiuse e, soprattutto, senza recare alcun beneficio ai mutuatari che hanno subito levizione. L'importo descrive con chiarezza il valore delle esternalità negative che si producono dove manca il paradigma del controllo preventivo di legalità e tutto viene lasciato allautodeterminazione del mercato e alla sua presunta capacità di autoregolazione a dimostrazione che un mercato lasciato a sé stesso non è in grado di autoregolarsi e che un sistema di auto-certificazione può falsificare i documenti. Il premio Nobel Robert Schiller, dell'Università di Yale, nel suo libro The sub-prime solution afferma che la presenza di un sistema notarile avrebbe potuto contenere in modo sostanziale i danni. Il mondo americano si vanta di non avere costi transattivi (quali le spese notarili) che aggravano i mutui ipotecari nel momento in cui si stipulano, ma se i giocatori barano, si producono danni di dimensioni enormi. In Italia, con la tecnica di controllo latina basata sul test di legalità in entrata svolto dallinfrastruttura notariato/pubblici registri immobiliari, il problema della regolarità dellistruttoria e della documentazione contrattuale è risolto allorigine grazie alla certezza dellatto notarile. Fiducia e funzionamento del mercato La fiducia è uno degli assets fondamentali del sistema economico. Latto notarile bene-fiducia non solo crea, ma sostituisce la fiducia negli scambi impersonali, perché per legge è irrevocabilmente presunto come accurato (fede pubblica). Così latto pubblico è il mezzo per liberare gli individui dal costoso bisogno di munirsi di informazioni e di prendere decisioni per dare e avere la fiducia nellaltro soggetto. I servizi notarili consumano tempo e catturano risorse, ma il costo dellatto notarile è una esternalità positiva (costo efficiente) perché il costo della formalizzazione con controllo di legalità sostanziale, è minore della spesa che, a posteriori, si deve affrontare per ricostruire la certezza del diritto. Perciò è il più basso costo transattivo tra quelli possibili per mantenere un sistema giuridico di sostegno al sistema economico: rende inutili ulteriori spese per far valere legalmente i propri diritti e abbatte i costi di transazione. Perciò latto notarile non introduce costi aggiuntivi, ma riduce i costi duso del mercato al livello più basso. Lalternativa è il modello di common law che surroga il vuoto dellassenza dellinfrastruttura notaio-pubblico registro imponendo strutturalmente lassicurazione (title insurance), produttiva di maggiori costi, e assumendo il rischio di un forte incremento dei comportamenti opportunistici che sfociano in contenziosi legali. Nei sistemi di common law inoltre una o più parti spesso restano prive di rappresentanza, costrette ad assumersi il rischio di mancata assistenza perché non possono permettersi il costo del proprio avvocato. Il contraente forte, ad es. la banca, non rinunzia mai al proprio avvocato, mentre i piccoli finiscono per fare riferimento a lui, sperando, ma senza alcun diritto e alcuna sicurezza, che gli interessi coincidano.

Il cambiamento climatico in musica Intersezioni - Pubblicato 2016.12.21

LArte contemporanea spesso interagisce con i temi ambientali, divenendo forma di comunicazione e sensibilizzazione del vasto pubblico. Mai, tuttavia, era accaduto che unopera in musica, comunemente definita opera lirica, affrontasse il tema della salvaguardia del pianeta e del rapporto tra uomo e natura a scala globale. È il caso di CO2, opera con la musica del compositore contemporaneo Giorgio Battistelli, uno degli autori più eseguiti al mondo, la raffinata e visionaria regia di Robert Carsen, il libretto ecologista di Ian Burton, diretta dal giovane direttore dorchestra Cornelius Meister in prima assoluta mondiale al Teatro alla Scala di Milano, in occasione di Expo 2015. Lopera, in un unico atto di 95 minuti articolato in un prologo, nove scene e un epilogo, affronta il tema globale del cambiamento climatico, una delle questioni più importanti che lumanità si trova oggi ad affrontare. Tema che, dagli anni Ottanta dello scorso secolo, è stato oggetto di dibattiti, confronti e scontri nellambito scientifico e politico. La scelta inedita e innovativa di rappresentare questo soggetto nella forma del teatro musicale e il grande successo di critica e di pubblico conseguito ci conducono a riflettere su come il tema del cambiamento climatico sia divenuto ormai materia popolare, in grado di catturare linteresse di un pubblico eterogeneo, non sempre facilmente coinvolto dai temi ambientali. CO2, inoltre, conferma limportanza e le potenzialità dellarte, in questo caso di una forma artistica totale e complessa come lopera lirica, che unisce musica, canto, teatro, arti plastiche, danza, nel rivestire un ruolo comunicativo e di sensibilizzazione sociale nei confronti di temi scientifici e legati alla sostenibilità. In CO2, la regia, le luci, la fotografia, il testo, la musica svolgono un ruolo non solo teatrale ma inducono alla riflessione sulle capacità espressive ed estetiche dellarte come forma di denuncia e accusa in grado di colpire profondamente lo spettatore, risvegliare un sentimento di partecipazione e indurre ad agire in modo consapevole a favore di una rinascita del pianeta e dellumanità. Lopera, ispirata inizialmente dal libro Una scomoda verità. Come salvare la Terra dal riscaldamento globale, dellex vicepresidente degli Stati Uniti, Al Gore, pubblicato in Italia nel 2006, può essere interpretata come un lamento e una denuncia dellattività delluomo sul nostro pianeta e nel contempo come una storia damore tra luomo e la natura, con le drammaticità, ma anche le speranze, trasmesse attraverso il linguaggio creativo e universale della musica e la drammaturgia delle scene. Siamo trasportati in una dimensione universale come avviene in molte grandi opere del repertorio classico. Il personaggio principale, il climatologo immaginario David Adamson, durante il prologo, apre lopera con una conferenza sul cambiamento climatico, arricchita da coreografie e suggestivi filmati video della Terra vista dallo spazio e del cambiamento del clima. Adamson, tramite la narrazione, guida lo spettatore nel corso delle scene, le quali affrontano il problema unendo il contenuto scientifico riportato con versi, citazioni, rimandi, concetti e dati numerici riferiti alla realtà, con lestetica dellarte. Questultima si esprime tramite brani solistici o sinfonici, il canto in varie lingue morte o vive sanscritto, greco antico, latino, ebraico, russo, arabo, cinese, giapponese, italiano e inglese per rimarcare luniversalità e linternazionalità del tema, i testi e la recitazione, le splendide scenografie di Paul Steinberg, accompagnate da spettacolari video, curati dal giovane video designer Finn Ross, le apocalittiche immagini fotografiche, la danza con la coreografia di Marco Berriel, le luci intense e penetranti di Robert Carsen e Peter Van Praet, i costumi di Petra Reinhardt. Così, nella prima scena, intensamente evocativa, le teorie scientifiche, religiose e mitiche sulla creazione delluniverso e della Terra, sono integrate con affascinanti immagini video rappresentative della realtà, e da informazioni sullo stato del pianeta e le sue malattie: inquinamento, effetto serra, riscaldamento globale, desertificazione, incremento demografico, urbanizzazione. Un caotico aeroporto internazionale, con i viaggiatori impazziti, bloccati per uno sciopero dei controllori di volo, riempie la seconda scena simboleggiando linsostenibilità e lincontrollabilità del traffico aereo. La terza scena affronta la Babele della Conferenza per il Protocollo di Kyoto, un trionfo e un disastro1, presenta lallegato A del Protocollo, ripercorre le principali tappe degli accordi internazionali sul cambiamento del clima, ricordando il futuro appuntamento di COP21 a Parigi nel dicembre 2015, introduce i temi dellesaurimento dei combustibili fossili e della diffusione delle tecnologia per lenergia solare, cita dati reali sulla quantità di carbonio nellatmosfera e laumento della temperatura terrestre. Tramite un messaggio di denuncia, lo spettatore scopre limpatto del sistema del trasporto aereo e dei veicoli a motore sul riscaldamento del pianeta: nel mondo circolano 1 miliardo e mezzo di auto su strada e di veicoli a motore; ogni anno si producono 60 milioni di auto il cui impatto in termini di riscaldamento equivale a 1 miliardo di tonnellate di biossido di carbonio; un Boeing 747 consuma energia pari allenergia consumata da 3.500 utilitarie in una settimana. Gli effetti sono, tra laltro, laumento della frequenza e della violenza degli eventi meteorologici estremi, ben rappresentati, nella quarta scena, da una vorticosa danza di ballerini sufi turchi, a raffigurare gli ultimi venticinque uragani che hanno colpito il mondo nello scorso secolo, tra cui El Niño, Mitch, Sandy. Lo scienziato Adamson continua la narrazione e ci conduce nella quinta scena, nella quale si apre il Giardino dellEden con Adamo, Eva, lalbero della conoscenza e il serpente immersi nella vegetazione lussureggiante dalle diverse sfumature di verde, tra suoni di uccelli e animali, gorgoglii dacqua, vibrazioni del vento. Il Giardino diviene pretesto per introdurre il tema della fotosintesi clorofilliana, della biodiversità vegetale e animale. La scena si chiude nel buio più profondo, al morso della mela da parte di Eva, e improvvisamente lo spettatore viene catapultato in un enorme, coloratissimo supermercato, sesta scena, con alcune donne intente ad acquistare decine di prodotti provenienti da migliaia di chilometri di distanza, dai più disparati Paesi del mondo. È un grido di allarme verso la globalizzazione e il trasporto a lunga distanza del cibo e la conseguente immissione di carbonio nellatmosfera. La scena settima, dallaria poetica e commovente, conduce lo spettatore su una spiaggia della Tailandia, di fronte allOceano indiano, a ricordo della drammaticità e delle vittime dello Tsunami del 2004. Sullo sfondo scorrono le toccanti immagini reali della gigantesca onda oceanica e della sciagura, mentre i due protagonisti, una turista inglese e il direttore di un albergo tailandese, riflettono sulle cause del tragico evento. La scena seguente, lottava, può essere considerata la parte centrale dellopera. Nello spazio cosmico, compare Gea, la dea primordiale della Terra nella mitologia greca, mentre Adamson racconta lipotesi Gaia, teoria olistica, formulata da James Lovelock, nel 19792, per la quale la Terra, con tutte le sue funzioni, è considerata un unico organismo vivente in continua evoluzione, in grado di autoregolarsi. Gaia ricorda la sua generosità nel fornire risorse e induce gli spettatori a riflettere sulle scale del tempo: 14 miliardi di anni letà delluniverso, 4 miliardi e mezzo lesistenza della stessa Gaia e meno di 4 milioni di anni, un battito di ciglio, la presenza delluomo sul pianeta. Denuncia con fermezza i danni catastrofici che gli uomini le hanno inflitto con la loro arroganza, cercando di distruggerla: foreste bruciate, pianure allagate, rocce depredate, mutamenti del clima, della temperatura e dellatmosfera, sconvolgimento delle stagioni, distruzione della biodiversità. La forza e la potenza di Gaia si manifestano nel drammatico e accorato monito pronunciato da lei stessa: &Ma (gli uomini) non distruggeranno me, è loro stessi che distruggeranno! Gaia non sarà sfruttata per il semplice vantaggio degli umani. Segue la nona scena con le bellissime e struggenti gigantografie del famoso fotografo canadese Edward Burtynsky, di grande impatto, a testimoniare lapocalisse e la distruzione della Terra: unautostrada a dieci corsie invasa dal traffico, iceberg che sprofondano, immense torri per il raffreddamento, immagini dei disastri di Chernobyl e Fukoshima, siccità, inondazioni, distruzioni da terremoti, discariche, impianti petroliferi, minieri di carbone, gigantesche dighe, fiumi rosso fuoco inquinati. Adamson prevede una fine apocalittica del mondo. Nellepilogo viene espressa la drammaticità dellopera accompagnata dalla presa di consapevolezza da parte del protagonista e da una lieve speranza. Adamson, dopo avere trascorso il fine settimana in una capanna, solo, immerso nella natura e nella lettura di libri sul riscaldamento globale, si commuove fino a piangere per la tanta bellezza che lo circonda e la tristezza nel pensare alla distruzione di questa meraviglia. Osserva la vita intorno a lui e percepisce un amore di tale intensità che crede di scoppiare. Rapito dal forte sentimento, a sintesi e a conclusione dellopera, pone tre domande percepibili come un messaggio di riflessione rivolto a sé stesso e soprattutto al pubblico: Se questo non è il mio pianeta, di chi è? Se questa non è la mia responsabilità, di chi è? Se sono io la causa, non sono allora anche la vera cura? CO2 per il suo compositore, Battistelli, esprime le potenzialità della musica nel toccare anche argomenti scientifici e sociali, questi ultimi evidenziati dalluso del coro, offrendo unangolatura di osservazione di tipo estetico e artistico, diversa dalla pura scientificità. La musica, in quanto linguaggio ed espressione darte, non ha solo la funzione di intrattenimento ma, come forma creativa in grado di parlare a tutti, diviene mezzo per porre domande anche scomode, suscitare emozioni, proporre chiavi di lettura su temi complessi e delicati di drammatica attualità per indurre allapprofondimento e alla riflessione sul nostro presente. Per Battistelli lopera lirica diviene una forma di impegno etico e sociale nella quale la musica ci può insegnare a ritrovare la capacità di fare rinascere i sentimenti per ascoltare gli altri, la natura e noi stessi.

Informat Paper News - expo.rai

Il Kino sbarca a ExpoGate expo.rai - Pubblicato 2015.03.13

A Milano una selezione di pellicole indipendenti e una retrospettiva dedicata al mondo del cibo e del gusto. Dal 16 al 20 marzo Dal 16 al 20 marzo nello spazio milanese di ExpoGate va in scena il progetto Soul Cinema. Film indipendenti, incontri con gli autori dei film, una rassegna dedicata a

Intervista al progettista e al capo cantiere expo.rai - Pubblicato 2015.03.13

La progettazione del padiglione Cinese e le difficoltà nella sua realizzazione Mancano meno di 2 mesi allinaugurazione dellExpo Milano 2015. Noi di RaiExpo abbiamo intervistato il capo cantiere e larchitetto del padiglione cinese. Per una costruzione di questo tipo servono un architetto talentuoso che la progetti, ma anche un capo cantiere per poterla realizzare. 13 marzo 2015

Il cibo di Fukushima. Una questione personale? expo.rai - Pubblicato 2015.03.10

Quattro anni fa lincidente alla centrale nucleare. Tra le conseguenza anche la crisi dellagricoltura di quella zona. Ma i prodotti, assicura il governo giapponese, sono sicuri. Quattro anni fa, esattamente l11 marzo 2011, una forte scossa di magnitudo 9 provocò un gigantesco tsunami che investì la centrale nucleare di Fukushima. Da quel momento la città è diventata sinonimo di contaminazione nucleare come fu al tempo, e continua ad essere Chernobyl, in Russia. Per contrastare il timore nato nella popolazione sullavvelenamento dei cibi prodotti nella zona, è stato presentato a Milano, sotto il cappello di Expo2015, Taste of Tohoko, uniniziativa internazionale che mira a rilanciare limmagine della zona. Tohoko, la cui economia è entrata in crisi dopo il disastro, è una regione nordorientale del Giappone che comprende sette prefetture, tra cui quella di Fukushima. Allinizio di gennaio del 2015 il governo giapponese ha annunciato che il riso prodotto a Fukushima non supera il limite massimo di contaminazione radioattiva prevista per i generi alimentari, stabilita in Giappone in 100 bq (bequerel) per kg. Un limite molto severo, se si considera che in Italia la stessa soglia è fissata a 600 bq/kg e negli USA a 1200 bq/kg; un limite eccessivamente conservativo, una scelta arbitraria fatta su basi politiche, non scientifiche secondo il professor Giovanni Pallottino dellUniversità La Sapienza di Roma, che ha recentemente pubblicato un libro divulgativo intitolato Radioattività intorno a noi: pregiudizi e realtà. Un limite, quello giapponese, che non renderebbe commerciabili neanche le normalissime banane, che contengono una radioattività al chilo pari a incirca 107 bq/kg. Dunque si può affermare che il riso coltivato a Fukushima è sicuro nonostante sia coltivato su terreni che contengono ancora il cesio 137? Le percentuali riportate dal governo sono affidabili? Dopo quattro anni dallaccaduto, possiamo avere risposte certe o cè ancora bisogno di tempo? Ai Nagasawa 10 marzo 2015

Il cibo di Fukushima. Una questione personale? expo.rai - Pubblicato 2015.03.10

Quattro anni fa lincidente alla centrale nucleare. Tra le conseguenza anche la crisi dellagricoltura di quella zona. Ma i prodotti, assicura il governo giapponese, sono sicuri. Quattro anni fa, esattamente l11 marzo 2011, una forte scossa di magnitudo 9 provocò un gigantesco tsunami che investì la centrale nucleare di Fukushima. Da quel momento la città è diventata sinonimo di contaminazione nucleare come fu al tempo e continua ad essere Chernobyl. Per contrastare il timore nato nella popolazione sullavvelenamento dei cibi prodotti nella zona, è stato presentato a Milano, sotto il cappello di Expo2015, Taste of Tohoko, uniniziativa internazionale che mira a rilanciare limmagine della zona. Tohoko, la cui economia è entrata in crisi dopo il disastro, è una regione nordorientale del Giappone che comprende sette prefetture, tra cui quella di Fukushima. Allinizio di gennaio del 2015 il governo giapponese ha annunciato che il riso prodotto a Fukushima non supera il limite massimo di contaminazione radioattiva prevista per i generi alimentari, stabilita in Giappone in 100 bq (bequerel) per kg. Un limite molto severo, se si considera che in Italia la stessa soglia è fissata a 600 bq/kg e negli USA a 1200 bq/kg; un limite eccessivamente conservativo, una scelta arbitraria fatta su basi politiche, non scientifiche secondo il professor Giovanni Pallottino dellUniversità La Sapienza di Roma, che ha recentemente pubblicato un libro divulgativo intitolato Radioattività intorno a noi: pregiudizi e realtà. Un limite, quello giapponese, che non renderebbe commerciabili neanche le normalissime banane, che contengono una radioattività al chilo pari a incirca 107 bq/kg. Dunque si può affermare che il riso coltivato a Fukushima è sicuro nonostante sia coltivato su terreni che contengono ancora il cesio 137? Le percentuali riportate dal governo sono affidabili? Dopo quattro anni dallaccaduto, possiamo avere risposte certe o cè ancora bisogno di tempo? Ai Nagasawa 10 marzo 2015

Il treno arriva alla stazione di “Milano Expo 2015” expo.rai - Pubblicato 2015.03.07

Inaugurato il primo viaggio del Frecciarossa da Milano Centrale Dal 26 aprile previste da tutta Italia 236 corse al giorno Dalla Stazione Centrale è partita la prima Freccia Rossa diretta alla nuova stazione Milano Expo 2015. A bordo di un nuovissimo treno vestito con i colori di Expo, in 12 minuti si arriva a breve distanza dagli ingressi dei padiglioni. La nuova stazione di Milano Rho Fiera, che è stata oggetto di numerosi interventi di riqualificazione, si prepara ad accogliere i milioni di visitatori che potranno così arrivare direttamente nel cuore di Expo. Le nuove proposte commerciali, rivolte soprattutto agli studenti ed ai turisti stranieri, invitano ad utilizzare le ferrovie per arrivare a Expo 2015. Ariel Genovese 7 marzo 2015

È sbocciato l’Albero della Vita expo.rai - Pubblicato 2015.03.05

È licona del Padiglione Italia: una chioma di 80 tonnellate per 45 metri di diametro realizzata da un consorzio bresciano Ecco le immagini dellaggiunta della chioma allAlbero della Vita, la struttura di 35 metri che sarà la costruzione più alta dellintera Expo. Licona del Padiglione Italia, di acciaio e legno di larice, è stata costruita e montata a tempo di record da Orgoglio Brescia, un consorzio di aziende costituito per loccasione. Per issare la chioma in legno, di 45 metri di diametro, non è stata usata una gru. Nei giorni scorsi la chioma è stata infilata intorno alla prima parte del tronco dacciaio, poi sono state completate le altre parti in acciaio e quindi è stata issata la chioma con un sistema di argani e carrucole. Unoperazione senza precedenti che ha richiesto un paio dore. Per costruire lAlbero, che con una serie di effetti speciali diversi per giorno e notte garantirà 1260 spettacoli nei sei mesi dellesposizione, sono servite 90 tonnellate di legno e 150 tonnellate di acciaio. Ora saranno posizionate anche le piante che saranno montate su tronco e chioma e tutti i macchinari per gli effetti speciali, inclusi 7 chilometri di led. servizio di Valentina David e Ubaldo Bonotti TGR Lombardia 5 marzo 2015

Informat Paper News - Mipaaf

Mipaaft - Centinaio: "Stiamo ragionando con i pastori sardi su un decalogo di iniziative. Oggi a mezzogiorno ne parleremo." Mipaaf - Pubblicato 2019.02.21

Centinaio: "Stiamo ragionando con i pastori sardi su un decalogo di iniziative. Oggi a mezzogiorno ne parleremo." (21.02.2019) "Due giorni fa ero in Europa con il Commissario all'agricoltura per capire insieme a lui le misure che si possono mettere in campo. Con i miei interlocutori europei i rapporti sono ottimi, In particolare, con

Mipaaft - Airbnb, Centinaio: "Bene sentenza TAR. Avanti a lotta contro abusivismo" Mipaaf - Pubblicato 2019.02.19

Airbnb, Centinaio: "Bene sentenza TAR. Avanti a lotta contro abusivismo" (18.02.2019) "La sentenza del TAR conferma quanto noi abbiamo sempre sostenuto, la lotta all'abusivismo e all'illegalità è prioritaria per il rilancio del turismo che oggi sta investendo e danneggiando l'intero settore. Il nostro impegno è costante, stiamo lavorando a un codice identificativo per combattere questa problematica che caratterizza l'accoglienza turistica. In particolare, stiamo valutando alcune soluzioni tecniche di concerto con le Regioni e i soggetti competenti. Inoltre, prosegue l'operazione tax credit, tanto attesa dal settore e strategica per il comparto; una misura a sostegno delle imprese alberghiere che verrà gestita totalmente dal Mipaaft" ha commentato il Ministro delle Politiche agricole, alimentari forestali e del turismo Sen. Gian Marco Centinaio in merito alla sentenza del Tar del Lazio che ha respinto il ricorso di Airbnb sugli affitti brevi e il portale ora dovrà riscuotere la cedolare secca e comunicare all'Agenzia delle Entrate i nomi dei locatari e i relativi redditi. Ufficio Stampa

Mipaaft - Online il questionario sul Piano Biennale per la Valutazione e Revisione della Regolamentazione Mipaaf - Pubblicato 2019.02.18

Online il questionario sul Piano Biennale per la Valutazione e Revisione della Regolamentazione (18.02.2019) È online da oggi fino al prossimo 18 marzo 2019, sul sito del Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, la consultazione pubblica sul Piano biennale per la valutazione e la revisione della regolamentazione relativo agli atti normativi di competenza sui quali si prevede di effettuare la VIR (verifica dell'impatto della regolamentazione). Questo strumento è molto importante perché permette di acquisire evidenze e riscontri sull'effettiva e perdurante utilità, efficacia ed efficienza di norme che hanno un rilevante impatto sui cittadini e sulle imprese. Le informazioni acquisite attraverso la VIR costituiscono la base per poter confermare o correggere le politiche pubbliche adottate attraverso interventi di integrazione, modifica o abrogazione. Prima dell'adozione, il piano biennale è sottoposto a consultazione pubblica per poter permettere a chiunque vi abbia interesse di inviare commenti in merito agli atti normativi inclusi nel piano con riferimento alle motivazioni che hanno determinato la scelta effettuata. L'indicazione di spunti di riflessione non esaurisce il perimetro della consultazione. Ciascun stakeholder potrà infatti segnalare ulteriori atti in relazione ai quali ritiene sussistano profili di interesse tali da includerli nel piano per la successiva verifica di impatto. Alla consultazione si accede previa registrazione dalla pagina di accesso. I dati personali acquisiti saranno trattati nel rispetto delle disposizioni a garanzia della privacy e puntuale informativa sarà fornita in sede di registrazione. LINK QUESTIONARIO: http://consultazioni.politicheagricole.it/index.php?r=survey/index/sid/181113/lang/it Ufficio Stampa

Mipaaft - Latte, Centinaio: "C'è bozza d'accordo. Continua il confronto tra le parti." Mipaaf - Pubblicato 2019.02.18

Latte, Centinaio: "C'è bozza d'accordo. Continua il confronto tra le parti." (16.02.2019) "È una bozza d'accordo su cui si confronteranno ulteriormente le singole parti nelle prossime ore: vedremo se quanto proposto sarà apprezzato. Sono contento perché c'è stato impegno e quindi si parte da un ragionamento sul prezzo base e poi su dieci punti di confronto. L'obiettivo è che questa filiera possa funzionare. Il nostro obiettivo è anche superare un euro". Lo ha detto il Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, sen. Gian Marco Centinaio, al termine del vertice tra industriali, pastori, Governo e Regione sul prezzo del latte. "Nel tavolo di filiera del prossimo 21 febbraio porteremo anche un progetto di internazionalizzazione per cercare di alimentare le vendite." ha aggiunto il Ministro Centinaio "Stiamo lavorando in modo serio, nel pacchetto di dieci punti ci sono: il rispetto delle regole, l'aumento sanzioni, la stretta collaborazione con il mondo bancario, il registro telematico di ovino e caprino ed iniziative con la grande distribuzione." "Tutto quello che può essere inserito nel decreto emergenza sarà fatto. Da parte nostra c'è la necessità di dire ai pastori di vigilare affinché i presidi siano punti di confronto, non di scontro. Sono ottimista: io penso che l'obiettivo sarà raggiunto." ha concluso il Ministro Gian Marco Centinaio. Ufficio Stampa

Mipaaft - Lotta agli sprechi alimentari: presentata la prima ricerca dell'Osservatorio Nazionale Mipaaf - Pubblicato 2019.02.16

Lotta agli sprechi alimentari: presentata la prima ricerca dell'Osservatorio Nazionale Centinaio: "Attenzione crescente. Rispetto per cibo e lavoro che c'è dietro" (15.02.2019) Si è tenuto al Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo il Tavolo per la lotta agli sprechi e l'assistenza alimentare, al quale partecipano tutti gli attori della filiera agroalimentare, le Istituzioni competenti e gli enti caritativi. Per l'occasione è stata presentata la prima ricerca dell'Osservatorio nazionale sulle eccedenze, sui recuperi e sullo spreco di cibo, voluto dal Tavolo e incardinato nel CREA. Si tratta di un primo bilancio della situazione in Italia, con particolare attenzione ai consumi domestici. La ricerca ha evidenziato che nel nostro Paese si sprecano in media 370 grammi di cibo a famiglia, a settimana, meno rispetto ad altri Paesi europei; soprattutto alimenti freschi come frutta e verdura, pane, latte e yogurt. "Questi primi dati - commenta il Ministro Gian Marco Centinaio - dimostrano un'attenzione crescente da parte dei cittadini nei confronti della tematica. Un rispetto per il cibo e per il lavoro che c'è dietro. Avere dei dati attendibili contro gli sprechi è un importante passo in avanti nella lotta a questo fenomeno, anche dal punto di vista sociale. Per questo il nostro impegno prosegue attraverso campagne di comunicazione che sono in programma per sensibilizzare il maggior numero di persone." Il Tavolo ha proseguito la discussione con la presentazione dei risultati dei bandi ministeriali per il finanziamento di progetti legati al recupero, alla prevenzione e alla lotta allo spreco. La partecipazione a questa iniziativa ha visto il coinvolgimento di Università, Centri di ricerca, Enti caritativi, Imprese. Premiati 14 progetti innovativi che spaziano dal recupero al miglioramento della shelf life, al riutilizzo dei prodotti alimentari. Ufficio Stampa

Mipaaft - Turismo, Tax Credit: portale attivo dal 21 febbraio Mipaaf - Pubblicato 2019.02.15

Turismo, Tax Credit: portale attivo dal 21 febbraio (15.02.2019) Si comunica che il portale del Tax Credit sarà attivo dal 21 febbraio 2019, con termine inserimenti fissato al 21 marzo 2019. Il Click Day è previsto per il 3 aprile 2019. Nel dettaglio: la compilazione dell'istanza si potrà effettuare esclusivamente dalle ore 10:00 del 21 febbraio 2019 alle ore 16:00 del 21 marzo 2019. Le domande per il Click Day, invece, si potranno inviare esclusivamente dalle ore 10:00 del 3 aprile 2019 alle ore 16:00 del 4 aprile 2019. Per informazioni a riguardo è attiva l'e-mail: taxcredit.turismo@politicheagricole.it Ufficio Stampa

Informat Paper News - Georgofili INFO

Potenzialità del genome editing per la difesa delle piante Georgofili INFO - Pubblicato 2018.12.19

Prof. Amedeo Alpi e Prof. Andrea Serra (immagine a sinistra), Prof. Michele Stanca (immagine a destra).

Piante a rischio estinzione Georgofili INFO - Pubblicato 2018.12.19

Share |

Il succo d’arancia riduce la demenza Georgofili INFO - Pubblicato 2018.12.19

Nel 2015 si calcola che vi fossero 46,8 milioni di persone affette da demenza in tutto il mondo, ma il numero potrebbe salire a più di 131 milioni entro il 2050. Secondo l'organizzazione non-profit Alzheimer's Disease International di Londra, bere un bicchiere di succo d'arancia al giorno riduce significativamente il rischio di ammalarsi. La demenza si riferisce a sintomi associati a un declino della memoria o ad altre capacità di pensiero abbastanza gravi da ridurre la capacità di svolgere le attività quotidiane.

Nuove varietà di piante da frutto Georgofili INFO - Pubblicato 2018.12.19

Sei nuove varietà sono state iscritte al Registro nazionale delle piante da frutto. La comunicazione è stata data dal Ministero delle Politiche Agricole.

Spezie e aromi in cucina Georgofili INFO - Pubblicato 2018.12.12

Share |

La “manna” delle Tamerici Georgofili INFO - Pubblicato 2018.12.12

Share |

Informat Paper News - INEA

Il consumo sostenibile dalla teoria alla pratica. Il caso dei prodotti biologici INEA - Pubblicato 2016.11.06

A CURA DI CARLA ABITABILE E ROBERTA SARDONE  


La sostenibilità ambientale ed economica delle filiere biologiche. Un'analisi attraverso le food miles e la catena del valore INEA - Pubblicato 2016.11.06

A CURA DI BIANCAMARIA TORQUATI

Il consumo sostenibile dalla teoria alla pratica. Il caso dei prodotti biologici INEA - Pubblicato 2016.11.03

A CURA DI CARLA ABITABILE E ROBERTA SARDONE

La sostenibilità ambientale ed economica delle filiere biologiche. Un'analisi attraverso le food miles e la catena del valore INEA - Pubblicato 2016.11.03

A CURA DI BIANCAMARIA TORQUATI

Il consumo sostenibile dalla teoria alla pratica. Il caso dei prodotti biologici INEA - Pubblicato 2016.11.02

A CURA DI CARLA ABITABILE E ROBERTA SARDONE

La sostenibilità ambientale ed economica delle filiere biologiche. Un'analisi attraverso le food miles e la catena del valore INEA - Pubblicato 2016.11.02

A CURA DI BIANCAMARIA TORQUATI

Informat Paper News - Agra Press

CAMERA: COMAGRI APPROVA PROPOSTA RISOLUZIONE DI SANI SULLA PAC Agra Press - Pubblicato 2104.05.16

la commissione agricoltura della camera ha approvato, con i soli voti contrari della lega nord, una proposta di risoluzione di cui e' primo firmatario il presidente della commissione agricoltura della camera luca sani sull'attuazione della riforma pac. il testo della risoluzione e' su http://www.agrapress.it/nuovosito/DOCUMENTI/risoluzione%20Pac.pdf. (cl.co)

SU RASSEGNA ESTERA AGRA PRESS PAC, BIOLOGICO, LATTE, UE-MERCOSUR, PESCA E SANITA' Agra Press - Pubblicato 2017.05.17

"aiuti europei: i ritardi dei pagamenti hanno ridestato la collera degli agricoltori" e' il titolo dell'articolo di un noto quotidiano francese con il quale si apre l'edizione di questa settimana della rassegna della stampa estera di agra press. in evidenza nella rassegna si trova un interessante pezzo sull'agricoltura biologica di un quotidiano statunitense. la sezione "economia e politica agricola" contiene, tra i molti altri, articoli sul prezzo dell'olio d'oliva, sull'import spagnolo di cereali e sulle esportazioni russe. altri articoli riguardano il comparto lattiero-caseario: un mensile agricolo tedesco da' conto dell'intenzione del gruppo tedesco dmk di acquisire delle latterie in russia, mentre un portale da' conto dell'annuncio della cancelliere angela merkel della prossima approvazione di un programma di aiuto da oltre 100 milioni di euro per i produttori di latte. ampio spazio viene poi dedicato allo scambio di offerte tra unione europea e mercosur per l'accesso ai propri mercati dei beni, dei servizi e degli appalti pubblici. completano il numero, come di consueto, numerosi articoli in tema di pesca e sanita'. (ab)

IX CONVEGNO CESAR-ASNACODI SULLA GESTIONE DEL RISCHIO, PARTONO I PAGAMENTI E SI VA VERSO RIFORMA AGEA E FONDO Agra Press - Pubblicato 2017.02.06

parte finalmente il pagamento delle assicurazioni agevolate agricole che si riferisce alle domande del 2015. lo ha annunciato il ministero delle politiche agricole nel corso del IX convegno nazionale cesar-asnacodi sulla gestione del rischio in agricoltura, che si e' svolto venerdi' 3 febbraio ad assisi. su 110 mila domande ne sono state ammesse a sostegno 40.000, per una cifra pari a 25 milioni, ha precisato il direttore generale dello sviluppo rurale del mipaaf emilio GATTO, sottolineando che l'avvio del meccanismo, attraverso il piano di sviluppo rurale nazionale, non e' stato agevole. la prima tranche delle domande sara' pagata entro il 20 febbraio, la seconda dal 28 dello stesso mese, mentre le successive tranche saranno erogate "ogni quindici giorni", ha reso noto il direttore di agea gabriele PAPA PAGLIARDINI, intervenendo ai lavori.

DL TERREMOTO, SINTESI DELLE MISURE PER L'AGRICOLTURA E L'ALLEVAMENTO Agra Press - Pubblicato 2017.02.02

il ministero delle politiche agricole ha diffuso un comunicato stampa con i dettagli delle norme che riguardano agricoltura e allevamento contenute nel decreto legge sul terremoto, approvato oggi dal consiglio dei ministri. ecco la sintesi del ministero: "35 MILIONI DI EURO PER IL COMPARTO ZOOTECNICO: in attuazione dell'autorizzazione da parte dell'unione europea all'incremento fino al 200 percento della quota nazionale per gli aiuti alla zootecnia, si conferma l'aiuto di 35 milioni di euro agli allevatori delle zone terremotate. sono previsti aiuti a capo da 400 euro per i bovini, 60 euro per gli ovicaprini, oltre ad aiuti per suinicoltori. 2 milioni di euro saranno destinati al settore equino attraverso erogazione di contributi in de minimis. l'aiuto diretto per il mancato reddito sara' erogato dall'agenzia per le erogazioni in agricoltura agea, entro il mese di febbraio, che potra' anticipare al 100% le risorse investite dalle regioni lazio, marche, umbria e abruzzo, pari a 22 milioni di euro, che sono la prima attuazione del piano strategico di rilancio agricolo dell'area del sisma". "AGEVOLAZIONI PER ACCESSO AL CREDITO PER I GIOVANI AGRICOLTORI: priorita' negli strumenti Ismea alle aziende dei territori colpiti nella concessione delle agevolazioni e dei mutui a tasso zero previsti per il sostegno alle imprese agricole a prevalente o totale partecipazione giovanile, per favorire il ricambio generazionale in agricoltura e a sostenerne lo sviluppo attraverso migliori condizioni per l'accesso al credito". "ESTESO FONDO DI SOLIDARIETA' NAZIONALE ALLE COLTURE ASSICURABILI: con questa misura viene garantita la copertura finanziaria per l'attivazione delle misure compensative per interventi a sostegno delle imprese agricole delle regioni interessate dal terremoto o che hanno subito danni a causa del maltempo nel mese di gennaio 2017 anche alle aziende che non hanno sottoscritto polizze assicurative agevolate a copertura dei rischi. l'attivazione del fondo consente alle imprese agricole danneggiate dagli eventi calamitosi di godere di tutti gli interventi di sostegno previsti a legislazione vigente come, in particolare, l'erogazione di contributi in conto capitale fino all'80% del danno sulla produzione lorda vendibile ordinaria, l'attivazione di prestiti ad ammortamento quinquennale per le maggiori esigenze di conduzione aziendale, la proroga delle rate delle operazioni di credito in scadenza, l'esonero parziale dal pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali propri e dei propri dipendenti e l'ottenimento di contributi in conto capitale per il ripristino delle strutture aziendali danneggiate e per la ricostituzione delle scorte eventualmente compromesse o distrutte. e' stato stabilito anche un incremento della dotazione del fondo di solidarieta' nazionale di 15 milioni di euro per l'anno 2017".

GUIDI, TODINI, FOLONARI, PANTINI E ROSSI PRESENTANO AGRONETWORK DI CONFAGRI, NOMISMA E LUISS Agra Press - Pubblicato 2017.02.02

confagricoltura, nomisma e universita' luiss guido carli hanno dato vita all'associazione per l'agroindustria "agronetwork". questa mattina a palazzo della valle l'atto costitutivo e' stato sottoscritto dal presidente dell'organizzazione degli imprenditori agricoli mario GUIDI, dal managing director di nomisma luca DONDI e dal direttore generale della luiss giovanni LO STORTO. successivamente, l'associazione e' stata presentata alla stampa da mario GUIDI; dalla presidente luisa TODINI; dai vicepresidenti guido FOLONARI di confagricoltura, denis PANTINI di nomisma e matteo CAROLI della luiss e dal segretario generale daniele ROSSI, che ha moderato l'incontro. il mio ruolo - ha detto GUIDI - e' quello dell'"animatore iniziale" e il "mio auspicio e' che questa associazione non parli di pac o di contributi", ma sia "un luogo di confronto trasversale" per la valorizzazione del made in italy e delle imprese che lo producono. "in questo senso c'e' ancora molto da fare", ha confermato la presidente TODINI. "tutti conosciamo le sfide e le insidie della concorrenza sempre piu' globalizzata e il potenziale inespresso che caratterizza il nostro paese, su cui incide, non ultimo, l'agire in ordine sparso, senza l'approccio sistemico che caratterizza invece altri paesi a noi vicini. per questo confagricoltura, luiss e nomisma hanno deciso di dare vita ad un 'think tank' strategico ad una maggiore integrazione della filiera", ha aggiunto. agronetwork sara' un incubatore di idee, non di rappresentanza ne' di fornitura di servizi tecnici o finanziari, ha precisato TODINI, che ha spiegato di aver accettato "l'onore di essere chiamata a presiedere l'associazione" anche perche' la filosofia che la anima "si inserisce benissimo in quella del comitato leonardo che gia' presiedo" e che ogni anno premia le eccellenze italiane dell'impresa per promuovere e affermare la "qualita' italia" nel mondo. d'altronde, ha ricordato GUIDI, l'uomo vitruviano di leonardo e' proprio il simbolo che aveva scelto confagricoltura per la sua partecipazione all'expo. "l'idea di fondo - ha specificato GUIDI - e' che va costruito su nuove basi il rapporto di filiera. fino ad oggi nella filiera ci si e' mossi separati; da una parte la produzione, dall'altra la trasformazione, dall'altra ancora la distribuzione, tirando ognuno dalla sua parte una coperta che e' sempre risultata troppo corta. ora invece si intende agire con unicita' di intenti, studiando iniziative che vedono assieme i vari attori, aggregati in reti d'impresa. il made in italy cresce se c'e' unione e non contrapposizione". alla presentazione hanno preso parte, tra i molti altri, il vice presidente e il direttore generale di confagricoltura massimiliano GIANSANTI e luigi MASTROBUONO, il presidente di agriconsulting e socio storico di confagricoltura federico GRAZIOLI, il presidente dell'anga raffaele MAIORANO.

PREMIATI VINCITORI CONCORSO LETTERARIO RANIERI FILO DELLA TORRE. INTERVENTI DI GUIDI, PAGNI, FIORILLO Agra Press - Pubblicato 2017.02.02

sono stati premiati a palazzo della valle i vincitori del concorso letterario dedicato a ranieri FILO DELLA TORRE, indimenticabile esponente dell'olivicoltura, promosso dall'associazione pandolea, con il patrocinio, tra le altre, di confagricoltura, cia, ceq-consorzio olivicolo italiano e conaf, con lo scopo di "esaltare sul piano artistico il mondo dell'olivicoltura". alla premiazione, moderata dal presidente del ceq elia FIORILLO, sono intervenuti, tra gli altri, il presidente della confagricoltura mario GUIDI, il vicepresidente vicario della cia-agricoltori italiani cinzia PAGNI, il presidente di oliveti d'italia nicola RUGGIERO, il presidente dell'associazione pandolea loriana ABBRUZZETTI e la moglie di FILO DELLA TORRE marida IACONA. "siamo qui oggi - hanno spiegato gli organizzatori - per celebrare un personaggio significativo del mondo dell'olivicoltura italiano, oltre che dell'agricoltura, ma anche per creare una occasione d'unita' vera del settore per fare cultura; il premio vuole essere una opportunita' di riflessione, di poesia, di creativita', oltre le faticose pratiche produttive, della collocazione del prodotto sui mercati, della sua valorizzazione". GUIDI e' intervenuto brevemente all'inizio dei lavori, portando il saluto della propria confederazione e ricordando l'impegno di FILO DELLA TORRE a favore del settore agricolo. PAGNI ha lodato la "forte passione, i valori e la determinazione" che FILO DELLA TORRE metteva in tutti i lavori che portava avanti. come cia siamo orgogliosi di patrocinare questa iniziativa, ha aggiunto. con questo premio "vogliamo ricordare un personaggio schivo, che per tutta la sua vita e' stato a disposizione degli altri, soprattutto di quelli che non hanno voce", ha detto FIORILLO, che ha ripercorso i numerosi incarichi ricoperti da ranieri FILO DELLA TORRE, il quale ha lavorato per la confagricoltura, l'unaprol-consorzio olivicolo italiano e l'unaproa.

Informat Paper News - AEEGSI

Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico - Approvazione dell’istanza di deroga dall’obbligo di apertura dello sportello unico provinciale, presentata dall’ATO Idrico Est Provincia della Spezia, d’intesa con il gestore Ireti S.p.a. AEEGSI - Pubblicato 2017.12.15

l’articolo 2, comma 461, della legge 244/07, dispone che gli enti locali devono prevedere l’obbligo per il soggetto gestore di emanare una Carta dei servizi - “da redigere e pubblicizzare in conformità ad intese con le associazioni di tutela dei consumatori e con le associazioni imprenditoriali interessate” recante, fra l’altro, standard di qualità relativi alle prestazioni erogate, nonché le modalità di accesso alle informazioni garantite e quelle per proporre reclamo, le modalità di ristoro dell'utenza - unitamente a un sistema di monitoraggio permanente del rispetto dei parametri fissati nel contratto di servizio e di quanto stabilito nelle Carte medesime, svolto sotto la diretta responsabilità dell’ente locale o dell’Ente d’Ambito;

Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico - Determinazione dell’acconto del corrispettivo di reintegrazione relativo alle unità di produzione essenziali isolate nella disponibilità di Enel Produzione S.p.a., per l’anno 2014 AEEGSI - Pubblicato 2017.12.15

Il presente provvedimento è finalizzato a determinare limporto dellacconto del corrispettivo di reintegrazione dei costi per lanno 2014, in relazione alle unità di produzione di Enel Produzione S.p.A. che operano su reti elettriche con obbligo di connessione di terzi non interconnesse con la rete di trasmissione nazionale.



Testo Allegato

1
DELIBERAZIONE 14 DICEMBRE 2017
864/2017/R/EEL

DETERMINAZIONE DELLACCONTO DEL CORRISPETTIVO DI REINTEGRAZIONE
RELATIVO ALLE UNITÀ DI PRODUZIONE ESSENZIALI ISOLATE NELLA DISPONIBILITÀ DI
ENEL PRODUZIONE S.P.A., PER LANNO 2014


LAUTORITÀ PER LENERGIA ELETTRICA IL GAS
E IL SISTEMA IDRICO


Nella riunione del 14 dicembre 2017
VISTI:

" la direttiva 2003/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 giugno 2003;
" la legge 14 novembre 1995, n. 481 e sue modifiche e integrazioni;
" il decreto legislativo 16 marzo 1999, 79/99 e sue modifiche e provvedimenti applicativi;
" la legge 27 ottobre 2003, n. 290;
" la legge 23 agosto 2004, n. 239;
" la legge 3 agosto 2007, n. 125;
" la legge 28 gennaio 2009, n. 2;
" il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 maggio 2004;
" il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 29 aprile 2009;
" lAllegato A alla deliberazione dellAutorità per lenergia elettrica il gas e il sistema idrico (di seguito: Autorità) 9 giugno 2006, 111/06, come successivamente modificato e integrato (di seguito: deliberazione 111);
" lAllegato A alla deliberazione dellAutorità 7 luglio 2009, ARG/elt 89/09 (di seguito: deliberazione ARG/elt 89/09);
" la deliberazione dellAutorità 21 aprile 2016, 192/2016/R/eel (di seguito: deliberazione 192/2016/R/eel);
" la lettera di Enel Produzione S.p.a. (di seguito: Enel Produzione), in data 8 agosto 2016, prot. Autorità 23265, del 17 agosto 2016 (di seguito: lettera Enel Produzione).
CONSIDERATO CHE:

" le unità di produzione che operano su reti elettriche con obbligo di connessione di terzi non interconnesse, neppure indirettamente, con la rete di trasmissione nazionale (di seguito: unità isolate) sono essenziali per la sicurezza degli ambiti territoriali serviti da tali reti, essendo le uniche risorse in grado di garantire la 2
continuità del servizio elettrico su detti ambiti e di fornire anche i diversi servizi ancillari indispensabili allerogazione di tale servizio;
" il comma 3.1, della deliberazione ARG/elt 89/09, prevede che Terna individui e pubblichi lelenco delle unità isolate secondo le stesse modalità previste per gli impianti essenziali interconnessi con la rete di trasmissione nazionale, di cui allarticolo 63, della deliberazione 111;
" ai sensi del comma 3.3, della deliberazione ARG/elt 89/09, se un soggetto diverso dalle imprese elettriche minori dispone di unità isolate, lo stesso ha diritto a ricevere da Terna per ciascuna unità ammessa a reintegrazione dei costi un corrispettivo determinato dallAutorità e pari alla differenza tra i costi di produzione riconosciuti e i ricavi conseguiti nel periodo di validità dellelenco;
" lelenco degli impianti essenziali pubblicato da Terna per lanno 2014 include le seguenti unità isolate, che sono nella disponibilità di Enel Produzione: a) Stromboli;
b) Ginostra;
c) Panarea Lipari;
d) Alicudi Lipari;
e) Filicudi;
f) Capraia;
g) Ventotene;
h) Vulcano termo;
i) S. Marina Salina;
j) Malfa;
" con la lettera Enel Produzione, lomonima società ha avanzato istanza di reintegrazione dei costi, allegando alla stessa una relazione tecnica volta a esplicitare le partite economiche relative alle unità isolate sopra menzionate, in relazione allanno 2014;
" i titolari di unità isolate sono tipicamente esposti sotto il profilo finanziario per la differenza positiva tra la parte dei costi che ha determinato un flusso di cassa negativo e i ricavi percepiti; e che, con riferimento alle unità isolate in regime di reintegrazione, il riconoscimento di un acconto del corrispettivo di reintegrazione consente di limitare la menzionata esposizione finanziaria e i connessi oneri sopportati dal titolare delle stesse;
" le unità isolate di Enel Produzione sopra elencate sono state annoverate da Terna tra gli impianti essenziali anche per gli anni 2015, 2016, 2017 e 2018 e, quindi, è ragionevole ritenere che Enel Produzione risulti creditrice nei confronti del sistema elettrico per importi ulteriori rispetto a quelli oggetto delle istanze di reintegrazione sinora presentate.


RITENUTO OPPORTUNO CHE:

" Terna riconosca, a Enel Produzione, un acconto del corrispettivo di reintegrazione relativo allanno 2014 per le unità isolate di cui detta società è titolare, precisando che, in sede di determinazione del corrispettivo di reintegrazione, di cui al comma 3
63.13 della deliberazione 111, si terrà conto degli esiti delle verifiche sugli importi delle voci del margine di contribuzione e dei costi fissi;
" limporto del citato acconto sia cautelativamente determinato come pari allammontare riconosciuto a titolo di acconto del corrispettivo di reintegrazione per lanno 2013, ai sensi della deliberazione 192/2016/R/eel, in modo da mantenere un margine di sicurezza per eventuali rettifiche del corrispettivo che risultassero necessarie a valle delle verifiche

DELIBERA


1. di prescrivere a Terna che riconosca, a Enel Produzione, nei termini indicati in premessa e con riferimento alle unità isolate nella disponibilità della stessa Enel Produzione, limporto indicato nellAllegato A, a titolo di acconto del corrispettivo di reintegrazione dei costi per lanno 2014;
2. di prescrivere a Terna che dia seguito alla disposizione di cui al punto 1, entro il 31 dicembre 2017;
3. di trasmettere lAllegato A a Terna e ad Enel Produzione;
4. di pubblicare la presente deliberazione, ad eccezione dellAllegato A, in quanto contenente informazioni commercialmente sensibili, sul sito internet dellAutorità www.autorita.energia.it.

14 dicembre 2017 IL PRESIDENTE Guido Bortoni

Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico - Determinazioni in merito alle istanze per il riconoscimento del corrispettivo di reintegrazione relativo agli impianti essenziali ex deliberazione dell’Autorità 111/06, per l’anno 2016 AEEGSI - Pubblicato 2017.12.15

Il presente provvedimento è volto a determinare gli importi di un acconto del corrispettivo di reintegrazione dei costi, in relazione agli impianti essenziali ex deliberazione 111/06 per lanno 2016.



Testo Allegato

1
DELIBERAZIONE 14 DICEMBRE 2017
863/2017/R/EEL

DETERMINAZIONI IN MERITO ALLE ISTANZE PER IL RICONOSCIMENTO DEL
CORRISPETTIVO DI REINTEGRAZIONE RELATIVO AGLI IMPIANTI ESSENZIALI EX
DELIBERAZIONE DELLAUTORITÀ 111/06, PER LANNO 2016


LAUTORITÀ PER LENERGIA ELETTRICA IL GAS
E IL SISTEMA IDRICO


Nella riunione del 14 dicembre 2017
VISTI:

" la legge 14 novembre 1995, n. 481 e sue modifiche e integrazioni;
" il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79/99 e sue modifiche e provvedimenti applicativi;
" la legge 27 ottobre 2003, n. 290;
" la legge 28 gennaio 2009, n. 2;
" il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 maggio 2004;
" il decreto del Ministero delle Attività Produttive 20 aprile 2005;
" il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 29 aprile 2009;
" lAllegato A alla deliberazione dellAutorità per lenergia elettrica il gas e il sistema idrico (di seguito: Autorità) 9 giugno 2006, 111/06 come successivamente integrato e modificato (di seguito: deliberazione 111);
" la deliberazione dellAutorità 28 dicembre 2010, ARG/elt 247/10 (di seguito: deliberazione ARG/elt 247/10);
" la deliberazione dellAutorità 30 dicembre 2011, ARG/elt 208/11 (di seguito: deliberazione ARG/elt 208/11);
" la deliberazione dellAutorità 27 dicembre 2013, 635/2013/R/eel (di seguito: deliberazione 635/2013/R/eel);
" la deliberazione dellAutorità 28 dicembre 2015, 663/2015/R/eel (di seguito: deliberazione 663/2015/R/eel);
" la deliberazione dellAutorità 22 settembre 2016, 519/2016/R/eel (di seguito: deliberazione 519/2016/R/eel);
" la deliberazione dellAutorità 15 dicembre 2016, 760/2016/R/eel (di seguito: deliberazione 760/2016/R/eel);
" la comunicazione della società E.ON ENERGY TRADING S.p.a. (di seguito: E.ON) del 30 novembre 2010, prot. Autorità 39463, dell1 dicembre 2010;
" la comunicazione di ENEL PRODUZIONE S.p.a. (di seguito: ENEL PRODUZIONE), dell1 dicembre 2011, prot. Autorità 32084, del 9 dicembre 2011;
2
" la comunicazione di ACEA ENERGIA HOLDING S.p.a. (oggi ACEA ENERGIA S.p.a., di seguito: ACEA ENERGIA), del 5 dicembre 2013, prot. Autorità 38714, del 6 dicembre 2013;
" la comunicazione congiunta di EP PRODUZIONE S.p.a. (di seguito: EP PRODUZIONE) ed E.ON GLOBAL COMMODITIES SE, del 13 novembre 2015, prot. Autorità 35313, del 25 novembre 2015 (di seguito: comunicazione congiunta E.ON ed EP PRODUZIONE);
" la comunicazione di ENEL PRODUZIONE, del 2 dicembre 2015, prot. Autorità 36058, del 2 dicembre 2015;
" la comunicazione di EDIPOWER S.p.a. (di seguito: EDIPOWER), del 30 novembre 2015, prot. Autorità 36426, del 9 dicembre 2015;
" la comunicazione congiunta di EDIPOWER ed A2A ENERGIEFUTURE S.p.a. (di seguito: A2A ENERGIEFUTURE), del 21 luglio 2016, prot. Autorità 21023, del 22 luglio 2016 (di seguito: comunicazione congiunta EDIPOWER e A2A ENERGIEFUTURE);
" la comunicazione di OTTANA ENERGIA S.p.a. (di seguito: OTTANA ENERGIA), del 10 agosto 2016, prot. Autorità 23035, dell11 agosto 2016;
" la comunicazione di Terna S.p.a. (di seguito: Terna), del 31 marzo 2017, prot. Autorità 13177, del 3 aprile 2017 (di seguito: prima comunicazione Terna);
" la comunicazione di Terna, del 14 luglio 2017, prot. Autorità 24090, del 17 luglio 2017 (di seguito: seconda comunicazione Terna);
" la comunicazione di A2A ENERGIEFUTURE, del 31 luglio 2017, prot. Autorità 25770, dell1 agosto 2017 (di seguito: comunicazione A2A ENERGIEFUTURE);
" la comunicazione di ENEL PRODUZIONE, del 4 agosto 2017, prot. Autorità 26700, dell8 agosto 2017 (di seguito: prima comunicazione ENEL PRODUZIONE);
" la comunicazione di ENEL PRODUZIONE, del 4 agosto 2017, prot. Autorità 26703, dell8 agosto 2017 (di seguito: seconda comunicazione ENEL PRODUZIONE);
" la comunicazione di ACEA ENERGIA, del 2 ottobre 2017, prot. Autorità n32133, del 3 ottobre 2017 (di seguito: comunicazione ACEA ENERGIA);
" la comunicazione di OTTANA ENERGIA, del 30 ottobre 2017, prot. Autorità 35600, del 31 ottobre 2017 (di seguito: comunicazione OTTANA ENERGIA);
" la comunicazione di EP PRODUZIONE, del 14 novembre 2017, prot. Autorità 37420, del 15 novembre 2017 (di seguito: comunicazione EP PRODUZIONE).
CONSIDERATO CHE:

" il comma 63.1, della deliberazione 111 (laddove non diversamente specificato, i commi citati nel prosieguo sono da considerarsi relativi alla deliberazione 111) prevede che Terna predisponga e pubblichi lelenco degli impianti essenziali per la sicurezza del sistema (di seguito: elenco degli impianti essenziali);
" il comma 63.11 stabilisce che lutente del dispacciamento di un impianto di produzione essenziale per la sicurezza possa richiedere allAutorità lammissione 3
alla reintegrazione dei costi di generazione per il periodo di validità dellelenco di cui al precedente alinea;
" ai sensi del comma 63.13, lAutorità determina con cadenza annuale un corrispettivo a reintegrazione dei costi di generazione (di seguito anche: corrispettivo ex comma 63.13) per ciascun impianto ammesso al regime di reintegrazione e che detto corrispettivo è pari alla differenza tra i costi di produzione riconosciuti allimpianto medesimo e i ricavi allo stesso riconducibili con riferimento al periodo rispetto al quale limpianto è inserito nellelenco degli impianti essenziali;
" i seguenti impianti sono stati ammessi al regime di reintegrazione dei costi per lanno 2016: a) Trapani Turbogas di E.ON, ai sensi della deliberazione ARG/elt 247/10;
b) Porto Empedocle di ENEL PRODUZIONE, ai sensi della deliberazione ARG/elt 208/11;
c) Montemartini di ACEA ENERGIA, ai sensi della deliberazione 635/2013/R/eel;
d) Assemini e Portoferraio di ENEL PRODUZIONE e San Filippo del Mela 150kV di EDIPOWER, ai sensi della deliberazione 663/2015/R/eel;
e) Ottana Biopower di OTTANA ENERGIA, ai sensi della deliberazione 519/2016/R/eel, alle condizioni descritte al successivo alinea;
" lammissione al regime di reintegrazione dellimpianto Ottana Biopower di OTTANA ENERGIA, prevista dalla deliberazione 519/2016/R/eel, è stata stabilita per il periodo compreso tra il giorno 1 ottobre 2016 e il giorno 31 dicembre 2017 (di seguito: periodo di riferimento Ottana); questultimo provvedimento, tra laltro, delinea i criteri di dettaglio per la determinazione del corrispettivo di reintegrazione dei costi relativo al menzionato impianto per lanno 2016, tenendo conto degli effetti della ammissione a tale regime per una parte dellanno solare;
" con la deliberazione 760/2016/R/eel, a seguito di apposite istanze avanzate da A2A ENERGIEFUTURE, ENEL PRODUZIONE ed EP PRODUZIONE ai sensi del comma 65.30, lAutorità ha definito limporto dellacconto del corrispettivo di reintegrazione dei costi relativo al primo semestre dellanno 2016 per gli impianti San Filippo del Mela 150kV di A2A ENERGIEFUTURE, Assemini, Porto Empedocle e Portoferraio di ENEL PRODUZIONE e Trapani Turbogas di EP PRODUZIONE;
" al fine di ottenere il riconoscimento del corrispettivo ex comma 63.13, relativo a uno specifico impianto ammesso al regime di reintegrazione dei costi, lutente del dispacciamento è tenuto a inviare allAutorità e a Terna una relazione, corredata da un bilancio riclassificato attinente allimpianto medesimo; e che, secondo quanto stabilito dal comma 65.28, detti documenti sono preventivamente sottoposti a revisione contabile, effettuata dallo stesso soggetto cui, ai sensi di legge, è demandato il controllo sulla contabilità dellutente del dispacciamento;
" con la comunicazione congiunta E.ON ed EP PRODUZIONE, le due società hanno: - comunicato, tra laltro, la decorrenza del trasferimento del ruolo di utente del dispacciamento con riferimento ad alcuni impianti, tra cui Trapani Turbogas;
- richiesto allAutorità, sulla base degli accordi intercorsi tra le predette società, che sia riconosciuto a EP PRODUZIONE limporto di ciascun Corrispettivo e 4
acconto dello stesso, relativamente allimpianto Trapani Turbogas per ogni anno di competenza successivo al 2014;
" con comunicazione congiunta EDIPOWER e A2A ENERGIEFUTURE, le due società hanno: - comunicato, tra laltro, la decorrenza del trasferimento del ruolo di utente del dispacciamento con riferimento allimpianto San Filippo del Mela 150kV;
- richiesto allAutorità, sulla base degli accordi intercorsi tra le predette società, che sia riconosciuto a A2A ENERGIEFUTURE limporto del corrispettivo ex comma 63.13 per lanno 2016 relativo allimpianto San Filippo del Mela 150kV;
" è stata presentata istanza per il riconoscimento del corrispettivo ex comma 63.13 per lanno 2016 da: - A2A ENERGIEFUTURE, in relazione allimpianto San Filippo del Mela 150kV, con la comunicazione A2A ENERGIEFUTURE;
- ENEL PRODUZIONE, in relazione agli impianti Assemini, Porto Empedocle e Portoferraio, con la prima e la seconda comunicazione ENEL PRODUZIONE;
- ACEA ENERGIA, in relazione allimpianto Montemartini, con la comunicazione ACEA ENERGIA;
- OTTANA ENERGIA, per limpianto Ottana Biopower, con la comunicazione OTTANA ENERGIA;
- EP PRODUZIONE, per limpianto Trapani Turbogas, con la comunicazione EP PRODUZIONE;
" rispetto agli impianti ammessi al regime di reintegrazione per lanno 2016, gli utenti del dispacciamento sono, al momento, esposti finanziariamente per la differenza positiva tra la parte dei costi che ha determinato un flusso di cassa negativo e i ricavi sinora percepiti, che includono leventuale acconto ex comma 65.30 già riconosciuto; e che, peraltro, detto acconto ha ridotto soltanto parzialmente la menzionata esposizione finanziaria e i connessi oneri sopportati dagli utenti interessati, essendo relativo esclusivamente al primo semestre dellanno 2016 ed essendo stato determinato con un approccio prudenziale;
" ai fini del presente provvedimento, con la locuzione costi fissi benchmark si intende: - nel caso degli impianti per i quali lAutorità ha già determinato il conguaglio del corrispettivo ex comma 63.13 per anni anteriori al 2016 (Assemini, Montemartini, Porto Empedocle, Portoferraio, San Filippo del Mela 150kV e Trapani Turbogas), il maggior valore tra i costi fissi riconosciuti relativi allultimo anno con riferimento al quale è stata effettuata la suddetta determinazione e i costi fissi stimati per lanno 2016 che lutente del dispacciamento ha indicato nella istanza di ammissione alla reintegrazione dei costi per il medesimo anno;
- nel caso dellimpianto Ottana Biopower, limporto massimo di cui allistanza di ammissione alla reintegrazione dei costi - al quale OTTANA ENERGIA si è impegnata a limitare i costi fissi riconosciuti per lanno 2016, riproporzionato per tenere conto del periodo di applicazione del regime di reintegrazione nel medesimo anno.


5
RITENUTO OPPORTUNO:

" che, al fine di contenere lonerosità dellesposizione finanziaria cui sono soggetti A2A ENERGIEFUTURE, ACEA ENERGIA, ENEL PRODUZIONE, EP
PRODUZIONE e OTTANA ENERGIA, Terna riconosca a dette società un acconto del corrispettivo ex comma 63.13 (di seguito: Acconto), con riferimento agli impianti ammessi al regime di reintegrazione per lanno 2016, precisando che, in sede di determinazione del conguaglio del menzionato corrispettivo ex comma 63.13, si terrà conto, tra laltro, degli esiti delle verifiche sui tassi di indisponibilità, di cui alla prima e seconda comunicazione Terna, sui costi fissi e sugli importi delle voci che compongono il margine di contribuzione;
" stabilire limporto dellAcconto in modo da mantenere un margine di sicurezza per eventuali imprecisioni compiute dagli utenti del dispacciamento interessati nel calcolo del margine di contribuzione e dei costi fissi o da Terna nellelaborazione dei dati sulle indisponibilità;
" per le finalità esplicitate al precedente alinea, determinare lAcconto, per ciascun impianto, come pari al 70% della differenza tra: - il minore valore tra limporto dei costi fissi richiesti dallutente del dispacciamento interessato per lanno 2016 (per il periodo di riferimento Ottana, nel caso dellimpianto Ottana Biopower), escludendo le eventuali decurtazioni per eccesso di indisponibilità effettuate dallutente del dispacciamento sui menzionati costi, e limporto dei costi fissi benchmark; detto valore è ridotto in ragione delleventuale eccesso di indisponibilità che, con la prima e seconda comunicazione Terna e con riferimento allo specifico impianto, la suddetta società ha indicato rispetto al valore medio storico, secondo quanto previsto dal comma 65.22;
- il margine di contribuzione risultante dallistanza di reintegrazione avanzata dallo stesso utente per lanno 2016 (per il periodo di riferimento Ottana, nel caso dellimpianto Ottana Biopower), iscrivendo tra i ricavi leventuale acconto, di cui al comma 65.30, riconosciuto da Terna in applicazione della deliberazione 760/2016/R/eel

DELIBERA


1. di prevedere che Terna eroghi, ad A2A ENERGIEFUTURE, nei termini indicati in premessa e con riferimento allimpianto San Filippo del Mela 150kV, un acconto del corrispettivo di reintegrazione dei costi per lanno 2016, il cui importo è riportato nellAllegato A;
2. di prevedere che Terna eroghi, ad ACEA ENERGIA, nei termini indicati in premessa e con riferimento allimpianto Montemartini, un acconto del corrispettivo di reintegrazione dei costi per lanno 2016, il cui importo è indicato nellAllegato B;
6
3. di prevedere che Terna eroghi, a ENEL PRODUZIONE, nei termini indicati in premessa e con riferimento agli impianti Assemini, Porto Empedocle e Portoferraio, un acconto del corrispettivo di reintegrazione dei costi per lanno 2016, il cui importo è indicato nellAllegato C;
4. di prevedere che Terna eroghi, ad EP PRODUZIONE, nei termini indicati in premessa e con riferimento allimpianto Trapani Turbogas, un acconto del corrispettivo di reintegrazione dei costi per lanno 2016, il cui importo è indicato nellAllegato D;
5. di prevedere che Terna eroghi, a OTTANA ENERGIA, nei termini indicati in premessa e con riferimento allimpianto Ottana Biopower, un acconto del corrispettivo di reintegrazione dei costi per lanno 2016, il cui importo è riportato nellAllegato E;
6. di stabilire che Terna dia seguito alle disposizioni di cui ai punti precedenti entro il giorno 31 dicembre 2017;
7. di trasmettere gli Allegati A, B, C, D ed E a Terna e, rispettivamente, ad A2A ENERGIEFUTURE, ACEA ENERGIA, ENEL PRODUZIONE, EP PRODUZIONE
e OTTANA ENERGIA;
8. di pubblicare la presente deliberazione, ad eccezione degli Allegati A, B, C, D ed E, in quanto contenenti informazioni commercialmente sensibili, sul sito internet dellAutorità www.autorita.energia.it.

14 dicembre 2017 IL PRESIDENTE Guido Bortoni

Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico - Modifiche al Testo integrato della regolazione output-based del servizio di distribuzione e misura dell’energia elettrica AEEGSI - Pubblicato 2017.12.15

Il presente provvedimento aggiorna e precisa alcuni aspetti della regolazione della qualità del servizio di distribuzione dellenergia elettrica: accesso al Fondo per Eventi Eccezionali, comunicazione dei dati di qualità della tensione, computo dei tempi per le prestazione di qualità commerciale del servizio elettrico



Testo Allegato

1
DELIBERAZIONE 14 DICEMBRE 2017
861/2017/R/EEL

MODIFICHE AL TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE OUTPUT-BASED DEL SERVIZIO
DI DISTRIBUZIONE E MISURA DELLENERGIA ELETTRICA


LAUTORITÀ PER LENERGIA ELETTRICA IL GAS
E IL SISTEMA IDRICO


Nella riunione del 14 dicembre 2017
VISTI:

" la direttiva 2009/72/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009;
" la legge 14 novembre 1995, n. 481 e sue modifiche e integrazioni;
" la deliberazione dellAutorità per lenergia elettrica il gas e il sistema idrico (di seguito: Autorità) 12 dicembre 2013, 574/2013/R/gas ed il relativo Allegato A, come successivamente modificato e integrato (di seguito: RQDG);
" la deliberazione dellAutorità 22 dicembre 2015, 646/2015/R/eel ed il relativo Allegato A, come successivamente modificato e integrato (di seguito: TIQE);
" la deliberazione dellAutorità 23 dicembre 2015, 653/2015/R/eel ed il relativo Allegato A, come successivamente modificato e integrato;
" la deliberazione dellAutorità 23 dicembre 2015, 654/2015/R/eel ed il relativo Allegato A, come successivamente modificato e integrato (di seguito: TIT);
" la deliberazione dellAutorità 9 marzo 2017, 127/2017/R/eel;
" la determinazione del 18 febbraio 2016, 5/2016 del Direttore della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione;
" la lettera della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione, di istituzione del Tavolo di lavoro sulla qualità della tensione (prot. 2153 del 24 gennaio 2012);
" la lettera della Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione, di ripresa delle attività del Tavolo di lavoro sulla qualità della tensione (prot. 37621 del 26 novembre 2013);
" i verbali delle riunioni del Tavolo di lavoro sulla qualità della tensione, comprensivi di successivi addendum;
" le specifiche tecnico-funzionali delle apparecchiature di monitoraggio della qualità della tensione per le reti MT (ed. 1 ottobre 2012), pubblicate nel sito internet dellAutorità.


2
CONSIDERATO CHE:

" il Titolo 7, del TIQE, disciplina la regolazione delle interruzioni prolungate o estese per il periodo 2016-2023; tale regolazione prevede indennizzi automatici agli utenti (art. 53) in caso di superamento degli standard relativi al tempo massimo di ripristino dellalimentazione di energia elettrica (art. 51); in sintesi, gli indennizzi automatici sono: - a carico delle imprese distributrici e di Terna per interruzioni di loro responsabilità o la cui durata eccede le 72 ore;
- a carico del Fondo Eventi Eccezionali (FEE), istituito presso la Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali (CSEA), per interruzioni non di responsabilità delle imprese distributrici e di Terna di durata inferiore a 72 ore o per interruzioni dovute a sospensione o posticipazione delle operazioni di ripristino per motivi di sicurezza;
" larticolo 53, del TIQE, prevede il pagamento degli indennizzi automatici entro 60 giorni (elevati a 180 in caso di interruzioni che interessano più di 2 milioni di utenti) dalla data di accadimento delle interruzioni;
" per le interruzioni, che sono a carico del FEE, sulla base di quanto disposto dallarticolo 56, del TIQE, le imprese possono fare istanza allAutorità e alla CSEA per il reintegro delle somme erogate agli utenti (indennizzi automatici), con facoltà per lAutorità di pronunciarsi entro 30 giorni;
" in base al combinato delle tempistiche disciplinate dagli articoli 53 e 56, del TIQE, le imprese tipicamente ricevono, dal FEE, il rintegro delle somme solamente dopo aver corrisposto gli indennizzi agli utenti;
" per tale motivo, in caso di interruzioni di lunga durata che coinvolgono molti utenti, le imprese distributrici, in particolare quelle di minore dimensione, possono esporsi ad oneri finanziari eccessivi, se commisurati ai ricavi riconosciuti per lattività di distribuzione;
" nel corso degli ultimi anni, si è registrato un notevole aumento dellintensità e della frequenza di accadimento di eventi meteorologici severi e di vasta estensione.


CONSIDERATO CHE:

" larticolo 100, del TIQE, disciplina il computo dei tempi di esecuzione delle prestazioni soggette a livelli specifici e generali di qualità commerciale del servizio di distribuzione e misura dellenergia elettrica;
" a differenza dellRQDG, tale computo dei tempi non esclude in modo esplicito il giorno di ricevimento della richiesta e il giorno della festa patronale del Comune nel quale è ubicato il punto di consegna cui si riferisce la richiesta.





3
CONSIDERATO CHE:

" il comma 72.1, del TIQE, prevede che, con successive disposizioni, lAutorità disciplini le comunicazioni tra imprese distributrici in materia di qualità della tensione;
" tali comunicazioni sono funzionali alla comunicazione dei dati di qualità della tensione agli utenti MT da parte delle imprese distributrici sottese in MT;
" il TIQE prevede, al comma 71.1, che le imprese distributrici trasmettano i dati di qualità della tensione agli utenti MT entro il 30 giugno di ogni anno, congiuntamente ai dati di continuità del servizio;
" in esito alle attività del Tavolo di lavoro sulla qualità della tensione e considerata la complessità di registrazione e analisi dei dati di qualità della tensione, la data del 30 giugno non è adeguata per la trasmissione agli utenti MT dei dati di qualità della tensione da parte delle imprese distributrici;
" sempre in esito alle attività del Tavolo di lavoro sulla qualità della tensione, sono emerse posizioni non omogenee tra i gestori di rete in merito allottimizzazione del criterio finalizzato alla determinazione dellorigine di alcune tipologie di buchi di tensione.


RITENUTO CHE:

" sia opportuno prevedere che le imprese distributrici possano richiedere, al FEE, lanticipo delle somme da corrispondere agli utenti, nei casi in cui queste superino il 15% dei ricavi riconosciuti annualmente per l'attività di distribuzione;
" sia necessario prevedere che tale opportunità avvenga nel rispetto dei seguenti criteri: - lerogazione degli indennizzi agli utenti avvenga con la massima tempestività (prima fatturazione utile successiva allottenimento dellanticipazione) e sulla base della durata effettiva delle interruzioni;
- nel caso in cui la somma richiesta alla CSEA ecceda limporto effettivo degli indennizzi, la restituzione alla CSEA di tale quota eccedente, comprensiva degli interessi legali, avvenga entro e non oltre 30 giorni dallerogazione degli indennizzi;
- decorsi i predetti 30 giorni, la mancata restituzione alla CSEA della quota eccedente comporti lapplicazione degli interessi di mora di cui al comma 48.4 del TIT;
" sia opportuno aggiornare il TIQE, anche per effetto dellaumento dellintensità e della frequenza di accadimento di eventi metereologici severi e di vasta estensione.


RITENUTO CHE:

" sia opportuno modificare larticolo 100, del TIQE, esplicitando che, al fine del computo dei tempi di esecuzione delle prestazioni soggette a livelli specifici e 4
generali di qualità commerciale del servizio di distribuzione e misura dellenergia elettrica: a. non deve essere conteggiato il giorno di ricevimento della richiesta;
b. il giorno della festa patronale del Comune nel quale è ubicato il punto di consegna cui si riferisce la richiesta deve essere considerato festivo.


RITENUTO CHE:

" sia opportuno fissare, al 31 luglio di ogni anno, la data entro la quale le imprese distributrici comunichino i dati di qualità della tensione alle imprese distributrici sottese in MT;
" sia opportuno fissare, al 30 settembre di ogni anno, la data entro la quale le imprese distributrici comunichino ai propri utenti MT i dati di qualità della tensione;
" tali dati non debbano comprendere linformazione relativa allorigine dei buchi di tensione

DELIBERA


1. di modificare il TIQE, come di seguito specificato: a) le parole Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico sono sostituite dalle parole Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali;
b) allarticolo 56 è aggiunto il comma 56.8 Qualora lammontare dei rimborsi di cui al comma 56.4 sia superiore al 15% dei ricavi riconosciuti per l'attività di distribuzione per lanno precedente quello cui si riferiscono le interruzioni, è facoltà dellimpresa distributrice richiedere al FEE lanticipo di tale ammontare, in conformità a quanto disposto ai commi 56.5, 56.6 e 56.7.;
c) allarticolo 56 è aggiunto il comma 56.9 Limpresa distributrice che si avvale della facoltà di cui al comma precedente: a) eroga i rimborsi agli utenti con la prima fatturazione utile successiva allottenimento dellanticipo nonché sulla base della durata effettiva delle interruzioni;
b) restituisce alla Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali, entro e non oltre 30 giorni dallerogazione dei rimborsi agli utenti, la quota eccedente limporto effettivo dei rimborsi, comprensiva degli interessi legali; decorsi i predetti 30 giorni, la mancata restituzione alla Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali della predetta quota eccedente comporta lapplicazione degli interessi di mora di cui al comma 48.4 dellAllegato A alla deliberazione dellAutorità 23 dicembre 2015, 654/2015/R/eel.;
d) al comma 71.1 del TIQE: i. le parole Con la comunicazione di cui al comma 17.1 sono sostituite dalle parole Entro il 30 settembre di ciascun anno;
ii. sono eliminate le parole da in riferimento sino al termine del comma;
5
e) il comma 72.1 del TIQE è sostituito dal comma 72.1 Entro il 31 luglio di ciascun anno ogni impresa distributrice comunica alle imprese distributrici sottese e connesse in media tensione, le informazioni di cui al comma 65.1 relative alle semisbarre MT alimentanti dette imprese distributrici sottese.;
f) allarticolo 100 è aggiunto il comma 100.10 Ai fini del computo dei tempi di esecuzione delle prestazioni valgono altresì le seguenti regole: a) non si tiene conto del giorno di ricevimento della richiesta;
b) il giorno della festa patronale del Comune nel quale è ubicato il punto di consegna si considera festivo.;
2. di dare mandato al Direttore della Direzione Infrastrutture Energia e Unbundling per monitorare le iniziative dei gestori di rete in merito allottimizzazione del criterio finalizzato alla determinazione dellorigine di alcune tipologie di buchi di tensione;
3. di pubblicare il presente provvedimento e il TIQE, come risultanti dalle modifiche apportate, sul sito internet dellAutorità www.autorita.energia.it.

14 dicembre 2017 IL PRESIDENTE Guido Bortoni


Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico - Aggiornamento delle tariffe per i servizi di distribuzione e misura del gas, per l’anno 2018 AEEGSI - Pubblicato 2017.12.15

Con il presente provvedimento vengono approvate le tariffe obbligatorie per i servizi di distribuzione, misura e commercializzazione del gas naturale, di cui allarticolo 40 della RTDG, le opzioni tariffarie gas diversi, di cui allarticolo 65 della RTDG, e gli importi di perequazione bimestrale dacconto relativi al servizio di distribuzione del gas naturale, di cui allarticolo 45 della RTDG, per lanno 2018. Con il medesimo provvedimento viene approvato lammontare massimo del riconoscimento di maggiori oneri derivanti dalla presenza di canoni di concessione, di cui allarticolo 59 della RTDG, per le imprese distributrici che hanno presentato istanza e fornito idonea documentazione.



Testo Allegato

1
DELIBERAZIONE 14 DICEMBRE 2017
859/2017/R/GAS

AGGIORNAMENTO DELLE TARIFFE PER I SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS,
PER LANNO 2018


LAUTORITÀ PER LENERGIA ELETTRICA IL GAS
E IL SISTEMA IDRICO



Nella riunione del 14 dicembre 2017
VISTI:

" la direttiva 2009/73/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa a norme comuni per il mercato interno del gas naturale;
" la legge 14 novembre 1995, n. 481, come successivamente modificata e integrata (di seguito: legge 481/95);
" il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, come successivamente modificato e integrato;
" il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2001, n. 244;
" la legge 27 ottobre 2003, n. 290, come successivamente modificata e integrata;
" la legge 23 agosto 2004, n. 239, come successivamente modificata e integrata;
" il decreto-legge 1 ottobre 2007, n. 159, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 2007, n. 222 (di seguito: decreto-legge 159/07);
" la legge 23 luglio 2009, n. 99, come successivamente modificata e integrata;
" il decreto legislativo 1 giugno 2011, n. 93, come successivamente modificato e integrato;
" il decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, recante Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia, come convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98 e come successivamente modificato e integrato;
" il decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, come convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014, n. 9 e come successivamente modificato e integrato;
" il decreto ministeriale 12 novembre 2011, n. 226, recante Regolamento per i criteri di gara e per la valutazione dell'offerta per l'affidamento del servizio della distribuzione del gas naturale, in attuazione dell'articolo 46-bis del decreto-legge 1 ottobre 2007, n. 159, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 2007, n. 222, come modificato con il decreto ministeriale 20 maggio 2015, n. 206;
" la Parte II del Testo Unico delle disposizioni della regolazione della qualità e delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2009-2012 (TUDG), recante Regolazione delle tariffe dei servizi di 2
distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2009-2012(RTDG 2009-2012), come modificata in ultimo con la deliberazione dellAutorità per lenergia elettrica il gas e il sistema idrico (di seguito: Autorità) 10 ottobre 2013, 447/2013/R/GAS (di seguito: RTDG 2009-2012);
" la deliberazione dellAutorità 24 luglio 2014, 367/2014/R/GAS (di seguito: deliberazione 367/2014/R/GAS);
" la Parte II del Testo Unico delle disposizioni della regolazione della qualità e delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019 (TUDG), recante Regolazione delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019 (RTDG 2014-2019), approvata con la deliberazione 367/2014/R/GAS, come successivamente modificata e integrata;
" la deliberazione dellAutorità 4 settembre 2014, 437/2014/R/GAS (di seguito: deliberazione 437/2014/R/GAS);
" la deliberazione dellAutorità 2 dicembre 2015, 583/2015/R/COM, come successivamente modificata e integrata;
" la deliberazione dellAutorità 22 dicembre 2016, 774/2016/R/GAS (di seguito: deliberazione 774/2016/R/GAS);
" la deliberazione dellAutorità 22 dicembre 2016, 775/2016/R/GAS (di seguito: deliberazione 775/2016/R/GAS);
" la Parte II del Testo Unico delle disposizioni della regolazione della qualità e delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019 (TUDG), recante Regolazione delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019 (RTDG 2014-2019), in vigore dall1 gennaio 2017, approvata con la deliberazione 775/2016/R/GAS (di seguito: RTDG);
" la deliberazione dellAutorità 18 aprile 2017, 252/2017/R/COM, come successivamente modificata e integrata (di seguito: deliberazione 252/2017/R/COM);
" la deliberazione dellAutorità 14 dicembre 2017, 858/2017/R/GAS;
" il documento per la consultazione 16 novembre 2017, 759/2017/R/GAS (di seguito: documento per la consultazione 759/2017/R/GAS);
" la determinazione del Direttore della Direzione Infrastrutture Energia e Unbundling dellAutorità 30 gennaio 2015, 3/2015.
CONSIDERATO CHE:

" larticolo 3, comma 1, della RTDG, prevede che lAutorità definisca e pubblichi entro il 15 dicembre 2017 i seguenti valori riferiti allanno 2018: × le tariffe obbligatorie e gli importi di perequazione bimestrale dacconto per i servizi di distribuzione e misura del gas naturale;
× le opzioni tariffarie per i servizi di distribuzione e misura di gas diversi dal naturale (di seguito: opzioni tariffarie gas diversi);
3
× le componenti a copertura dei costi operativi e dei costi di capitale centralizzati della tariffa di riferimento TVD, relative al servizio di distribuzione;
× le componenti a copertura dei costi operativi della tariffa di riferimento TVM, relative al servizio di misura del gas naturale;
× la tariffa di riferimento COT, relativa al servizio di commercializzazione dei servizi di distribuzione e misura del gas naturale;
" larticolo 4 della RTDG definisce i criteri per le decorrenza delle rettifiche relative a dati patrimoniali e dati fisici ai fini tariffari.


CONSIDERATO CHE:

" in relazione alla definizione delle tariffe obbligatorie per i servizi di distribuzione e misura del gas naturale: × larticolo 40, comma 1, della RTDG, prevede che ciascuna impresa distributrice applichi, alle attuali e potenziali controparti di contratti aventi ad oggetto i servizi di distribuzione e misura del gas naturale, una tariffa obbligatoria fissata dallAutorità a copertura dei costi relativi ai servizi di distribuzione, misura e commercializzazione;
× larticolo 40, comma 2, della RTDG prevede che le tariffe obbligatorie siano differenziate per ambito tariffario, come definito al successivo articolo 41 della medesima RTDG, e che riflettano i costi del servizio in ciascuno di tali ambiti tariffari;
× larticolo 40, comma 3, della RTDG, individua struttura e componenti della tariffa obbligatoria;
× larticolo 40, comma 4, della RTDG, prevede che lelemento Ä1(dis) della tariffa obbligatoria, espresso in euro per punto di riconsegna, sia destinato alla copertura di quota parte dei costi di capitale relativi al servizio di distribuzione;
× larticolo 40, comma 5, della RTDG, stabilisce che lelemento )(3 dis fÄ della tariffa obbligatoria, espresso in centesimi di euro per standard metro cubo, sia articolato per scaglioni tariffari, secondo quanto riportato nella Tabella 6 della RTDG, e sia destinato alla copertura dei costi operativi e della quota parte dei costi di capitale relativi al servizio di distribuzione che non trovano copertura dallapplicazione delle quote fisse di cui allarticolo 40, comma 4, della medesima RTDG;
× larticolo 40, comma 7, della RTDG, prevede che lelemento Ä1(mis) della tariffa obbligatoria, espresso in euro per punto di riconsegna, sia destinato alla copertura dei costi operativi e di capitale relativi al servizio di misura e sia differenziato per ambito tariffario;
× larticolo 40, comma 8, della RTDG, stabilisce che lelemento Ä1(cot) della tariffa obbligatoria, espresso in euro per punto di riconsegna, sia destinato alla copertura dei costi del servizio di commercializzazione e sia uguale in tutto il territorio nazionale;
4
× larticolo 40, comma 9, della RTDG, stabilisce che, le componenti Ä1(dis) e Ä1(mis) sono articolate nei seguenti scaglioni: o classe di gruppo di misura inferiore o uguale a G6;
o classe di gruppo di misura superiore a G6 e inferiore o uguale a G40;
o classe di gruppo di misura superiore a G40;
× le componenti Ä1(mis) della tariffa obbligatoria di cui al precedente alinea sono fissate in modo da riflettere il costo medio dei gruppi di misura di ciascuna delle classi di cui al punto precedente e le componenti Ä1(dis) sono determinate con criteri analoghi a quelli utilizzati per larticolazione delle componenti Ä1(mis);
" larticolo 45, della RTDG, fissa le regole per la determinazione degli importi in acconto del meccanismo di perequazione dei ricavi relativi al servizio di distribuzione del gas naturale;
" in relazione alla determinazione delle opzioni tariffarie gas diversi: × larticolo 64, comma 3, della RTDG, stabilisce che rientrano nellambito di applicazione della regolazione tariffaria le reti canalizzate di gas diversi dal naturale gestite in concessione che servano almeno 300 punti di riconsegna;
× larticolo 65, comma 2, della RTDG, prevede che, ai fini della determinazione delle opzioni tariffarie gas diversi, la quota parte del costo riconosciuto a copertura dei costi operativi relativi alla gestione delle infrastrutture di rete sia calcolata in base ai valori riportati nella Tabella 5 della RTDG;
× larticolo 65, comma 3, della RTDG, stabilisce che le opzioni tariffarie gas diversi riflettano i costi del servizio, come determinati dallAutorità, e siano differenziate per ambito gas diversi;
× il medesimo articolo della RTDG, prevede che le opzioni tariffarie gas diversi siano composte dalle componenti ot1, ot3 e Ä1(mis);
× larticolo 66, comma 1, della RTDG, stabilisce che nel periodo di avviamento, nelle singole località interessate, limpresa distributrice applichi opzioni tariffarie gas diversi liberamente determinate.


CONSIDERATO CHE:

" ai fini dellaggiornamento delle componenti a copertura dei costi operativi e dei costi di capitale centralizzati della tariffa TVD relativi al servizio di distribuzione, riportate nella Tabella 4 e nella Tabella 5, della RTDG: × larticolo 47, della RTDG, prevede che, ai fini dellaggiornamento annuale delle componenti ope rdtdist ,,)( e ope gdtdist ,,)( a copertura dei costi operativi relativi al servizio di distribuzione, si applichino: o il tasso di variazione medio annuo, riferito ai dodici mesi precedenti, dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, rilevato dallIstat;
o il tasso di riduzione annuale dei costi unitari riconosciuti, di cui allarticolo 11, comma 1, della RTDG, per le vecchie gestioni comunali o sovracomunali;
5
o il tasso di riduzione annuale dei costi unitari riconosciuti, di cui allarticolo 19, della RTDG, per le gestioni dambito;
o il tasso di variazione collegato a modifiche dei costi riconosciuti derivanti da eventi imprevedibili ed eccezionali, da mutamento del quadro normativo e dalla variazione degli obblighi relativi al servizio universale;
× larticolo 49, della RTDG, prevede che, ai fini dellaggiornamento annuale della componente avvdist )( a copertura dei costi operativi nelle località in avviamento, riportata nella Tabella 5, della RTDG, si applichino: o il tasso di variazione medio annuo, riferito ai dodici mesi precedenti, dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, rilevato dallIstat;
o il tasso di variazione collegato a modifiche dei costi riconosciuti derivanti da eventi imprevedibili ed eccezionali, da mutamento del quadro normativo e dalla variazione degli obblighi relativi al servizio universale;
× larticolo 52, della RTDG, prevede che laggiornamento della componente cap tcent )( a copertura dei costi di capitale centralizzati, riportata nella Tabella 5, della RTDG, sia effettuato in funzione del tasso di variazione medio annuo del deflatore degli investimenti fissi lordi rilevato dallIstat, riferito agli ultimi quattro trimestri disponibili sulla base del calendario di pubblicazione dellIstat;
" i criteri di aggiornamento annuale delle componenti a copertura dei costi di capitale della tariffa TVD, relativa al servizio di distribuzione, e della tariffa TVM, relativa al servizio di misura, sono disciplinati dagli articoli 53 e 54, della RTDG;
" in relazione allaggiornamento delle componenti a copertura dei costi operativi della tariffa TVM, relativa al servizio di misura, e della tariffa COT, relativa al servizio di commercializzazione, riportate nella Tabella 5, della RTDG: × larticolo 50, della RTDG, prevede che, ai fini dellaggiornamento annuale delle componenti bopetinst ,)( , opetract )( e t(cot)t, a copertura dei costi operativi dei servizi di misura e commercializzazione, si applichino: o il tasso di variazione medio annuo, riferito ai dodici mesi precedenti, dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, rilevato dallIstat;
o il tasso di riduzione annuale dei costi unitari riconosciuti, di cui allarticolo 11, comma 2, della RTDG;
o il tasso di variazione collegato a modifiche dei costi riconosciuti derivanti da eventi imprevedibili ed eccezionali, da mutamento del quadro normativo e dalla variazione degli obblighi relativi al servizio universale;
× larticolo 51, della RTDG, prevede che laggiornamento annuale della quota parte della componente vopetinst ,)( a copertura dei costi operativi di base, riportata nella Tabella 5, della RTDG, sia effettuato applicando le regole previste dallarticolo 50, della RTDG per la componente bopetinst ,)( e le 6
regole previste dallArticolo 15 in relazione alla maggiorazione CVERunit,t, destinata alla copertura degli extra-costi connessi con lestensione degli obblighi di verifica dei dispositivi di conversione;
× in relazione alla revisione della componente CVERunit,t, il punto 5 della deliberazione 775/2016/R/GAS ha previsto che siano svolti approfondimenti, da concludersi entro il 30 novembre 2017;
× nel documento per la consultazione 759/2017/R/GAS sono stati illustrati gli orientamenti dell'Autorità in relazione alle modalità di copertura degli extra- costi connessi con lestensione degli obblighi di verifica dei dispositivi di conversione e, più in generale, dei costi relativi alle verifiche metrologiche per i gruppi di misura di classe maggiore di G6, per gli anni tariffe 2018 e 2019; in particolare, lAutorità ha ipotizzato ladozione di soluzioni di riconoscimento dei costi basate su logiche a consuntivo;
× con separato provvedimento, entro il 31 dicembre 2017, lAutorità procederà a fissare le regole per la copertura degli extra-costi connessi con lestensione degli obblighi di verifica dei dispositivi di conversione e, più in generale, dei costi relativi alle verifiche metrologiche per i gruppi di misura di classe maggiore di G6, per gli anni tariffe 2018 e 2019;
" in relazione alla determinazione delle componenti t(tel)t e t(con)t a copertura rispettivamente dei costi dei sistemi di telelettura/telegestione e dei costi dei concentratori, il punto 2 della deliberazione 775/2016/R/GAS ha previsto che siano svolti approfondimenti, da concludersi entro il 30 novembre 2017;
" nel documento per la consultazione 759/2017/R/GAS sono stati illustrati gli orientamenti dell'Autorità in relazione alle modalità di riconoscimento dei costi relativi ai sistemi di telelettura/telegestione e dei costi dei concentratori, per gli anni tariffe 2018 e 2019, ipotizzando ladozione di riconoscimenti su base parametrica con una tariffa di riferimento differenziata in funzione della dimensione delle imprese;
" in relazione allaggiornamento annuale delle opzioni tariffarie gas diversi, larticolo 67, della RTDG, prevede che lAutorità aggiorni annualmente le componenti ot1, ot3 e Ä1(mis) in funzione dei tassi di variazione delle variabili che influenzano il costo del servizio, determinati in coerenza con le regole previste per i servizi di distribuzione e misura del gas naturale;
" il tasso di variazione medio annuo, riferito ai dodici mesi precedenti, dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, rilevato dallIstat è risultato pari a 0,58%;
" il tasso di variazione medio annuo del deflatore degli investimenti fissi lordi rilevato dallIstat, riferito agli ultimi quattro trimestri disponibili sulla base del calendario di pubblicazione dellIstat è pari a 0%.
CONSIDERATO CHE:

" con la deliberazione 252/2017/R/COM, lAutorità ha adottato disposizioni in materia di agevolazioni tariffarie e rateizzazione dei pagamenti per le 7
popolazioni colpite dagli eventi sismici verificatisi nei giorni del 24 agosto 2016 e successivi;
" in particolare, in relazione a utenti connessi a reti canalizzate gestite in affidamento dagli enti locali da esercenti che svolgano lattività di distribuzione, misura e vendita di altri gas a mezzo di reti canalizzate come definita nel TIUC, larticolo 11, comma 2, della deliberazione prevede modalità differenziate di determinazione delle agevolazioni, distinguendo tra reti canalizzate che rispettino i requisiti di cui allarticolo 64, comma 3, della RTDG e che quindi risultino soggette alla regolazione tariffaria ex ante dellAutorità e altre reti;
" larticolo 20, comma 2, della deliberazione 252/2017/R/COM, prevede che lAutorità, sulla base dellandamento dei punti serviti dalle imprese distributrici, valuti se possano ricorrere le condizioni per lattivazione di meccanismi di compensazione dei ricavi per le imprese distributrici, conseguenti alla riduzione del numero di punti serviti in conseguenza degli eventi sismici.


CONSIDERATO CHE:

" in data 17 novembre 2017, si è chiusa la raccolta dai dati fisici, economici e patrimoniali necessari per determinare il costo dei servizi di distribuzione e misura del gas per lanno 2018;
" in relazione ai servizi di distribuzione e misura di gas diversi dal naturale, delle 74 imprese distributrici che hanno partecipato alla raccolta: × 32 imprese distributrici hanno compilato e trasmesso per via telematica in modo completo la modulistica predisposta dalla Direzione Infrastrutture, Energia e Unbundling dellAutorità;
× 34 imprese hanno dichiarato di servire, alla data del 31 dicembre 2016, in tutte le località gestite un numero di punti di riconsegna inferiore a 300;
× 8 imprese non hanno trasmesso alcun dato;
" sulla base delle informazioni a disposizione della Direzione Infrastrutture, Energia e Unbundling, dellAutorità, delle 8 imprese che non hanno trasmesso alcun dato: × le imprese SERVIZI & IMPIANTI RETI GAS S.r.l. ID 3344, QUATTROPETROLI S.p.a. ID 669, PA.LA.GAS. S.r.l. ID 781, LIGURIA GAS S.r.l. ID 1843 e LAMPOGAS EMILIANA S.r.l. ID 1183 risultano servire, negli anni precedenti, località con un numero di punti di riconsegna inferiore a 300;
× limpresa ISGASTRENTATRE ID 23895 risulta servire località in avviamento;
× limpresa ULTRAGAS C.M. S.p.a. ID 793 risulta servire, negli anni precedenti, un numero di punti di riconsegna superiore a 300 nella località TORRE ORSAIA (SA) - ID Località 5796;
× limpresa distributrice ESSENERGIA Sas ID 14505, per la quale con deliberazione 437/2014/R/GAS sono state determinate le opzioni tariffarie gas diversi e le condizioni economiche di fornitura di gas di petrolio liquefatti per gli anni dal 2003 al 2013, non ha ad oggi reso disponibili 8
informazioni che consentano di stabilire se la medesima sia oggetto degli obblighi previsti in materia tariffaria dalla RTDG;
" limpresa BRIONGAS S.r.l. ID 90, che svolge il servizio di fornitura di gas diversi dal naturale in alcuni Comuni colpiti dagli eventi sismici verificatisi nei giorni del 24 agosto 2016 e successivi, ha comunicato di aver subito la perdita di numerosi utenti per effetto di tali eventi sismici e risulta servire meno di 300 punti di riconsegna.


CONSIDERATO CHE:

" in relazione al riconoscimento dei maggiori oneri derivanti dalla presenza di canoni di concessione: × larticolo 59, comma 2, della RTDG, prevede che, qualora i Comuni concedenti abbiano incrementato il canone delle concessioni di distribuzione ai sensi di quanto previsto dallarticolo 46-bis, comma 4, del decreto-legge 159/07, le imprese distributrici interessate possano presentare apposita istanza allAutorità per il riconoscimento dei maggiori oneri derivanti per effetto di tali disposizioni;
× larticolo 59, comma 3, della RTDG, stabilisce che condizioni necessarie perché lAutorità riconosca i maggiori oneri di cui allarticolo 59, comma 2, della RTDG sono che il Comune non abbia assegnato una nuova concessione successivamente allentrata in vigore del decreto-legge 159/07 e che la concessione sia scaduta;
× larticolo 59, comma 5, della RTDG, dispone che il riconoscimento dei maggiori oneri di cui allarticolo 59, comma 2, sia limitato al periodo che intercorre dalla data di efficacia dellaumento del canone fino alla data in cui viene aggiudicata la nuova gara;
× nel caso in cui il coefficiente GPi, di cui allarticolo 59, comma 4, della RTDG assuma valore pari a 1, ovvero il valore di 04/170 ,,0807 icVRD cui al medesimo comma della RTDG sia pari a 0, ovvero limpresa distributrice non abbia indicato lammontare massimo dei maggiori oneri riconosciuti (COLc,i) allatto dellinvio dei dati tariffari, il valore di COLc,i assume valore pari a zero;
× larticolo 59, comma 6, della RTDG, prevede che limpresa distributrice possa istituire unapposita componente tariffaria a copertura dei maggiori oneri di cui allarticolo 59, comma 2, della RTDG, denominata canoni comunali, di cui è data separata evidenza in bolletta;
× il medesimo articolo 59, comma 6, della RTDG, stabilisce che il valore della componente tariffaria di cui al punto precedente sia determinato dividendo lammontare massimo dei maggiori oneri riconosciuti COLc,i per il numero di punti di riconsegna atteso per lanno t, sulla base della miglior stima disponibile;
9
× larticolo 59, comma 7, della RTDG, prevede che, nellistanza di cui allarticolo 59, comma 2, della RTDG, limpresa distributrice proponga per lapprovazione dellAutorità il valore della componente COLc,i;
× come indicato nelle FAQ pubblicate in relazione alla RTDG 2009-2012, la documentazione prodotta deve dimostrare leffettiva attivazione, da parte dei Comuni, dei meccanismi di tutela nei confronti delle fasce deboli di utenti di cui al comma 4, articolo 46-bis del decreto-legge 159/07, con un impegno formalizzato, scritto e pubblico, che non può limitarsi a una documentazione da cui si evinca una mera indicazione dellintenzione del Comune di attivare tali meccanismi di tutela;
× al fine di valutare lesistenza di un impegno formale dei Comuni ad attivare, a fronte dellincremento dei canoni di concessione, dei meccanismi di tutela nei confronti delle fasce deboli di utenti, sono stati ritenuti idonei documenti prodotti nella forma di delibere della giunta comunale o di altri organi competenti, provvedimenti del sindaco e determinazioni dirigenziali;
× la documentazione prodotta non è valutata rispondente alle prescrizioni della RTDG nei seguenti casi: o produzione di documentazione incompleta o nella forma di proposta di deliberazione;
o produzione di deliberazioni sospese per effetto di successivi provvedimenti;
o mancanza di un riferimento esplicito allattivazione di meccanismi di tutela nei confronti delle fasce deboli di utenti nel deliberato o nel determinato dei documenti prodotti o negli atti aggiuntivi allegati;
o mancanza nella documentazione prodotta dellindicazione della destinazione prioritaria dei fondi raccolti con lincremento dei canoni allattivazione dei meccanismi di tutela o indicazione di destinazioni alternative di tali fondi;
× 16 imprese distributrici hanno presentato, nellambito della raccolta dati per la definizione delle tariffe 2018, nuova istanza per lapplicazione della componente canoni comunali di cui allarticolo 59, comma 6, della RTDG, con riferimento a 30 località, indicando gli elementi per il calcolo dellammontare massimo del riconoscimento dei maggiori oneri derivanti dalla presenza di canoni di concessione.


RITENUTO OPPORTUNO:

" procedere secondo quanto previsto dallarticolo 3, comma 1, della RTDG e in coerenza con quanto indicato nei considerata, alla definizione e alla pubblicazione dei valori, validi per lanno 2018, relativi a: × tariffe obbligatorie e importi di perequazione bimestrale dacconto per i servizi di distribuzione e misura del gas naturale;
× opzioni tariffarie gas diversi;
× componenti a copertura dei costi operativi e dei costi di capitale centralizzati della tariffa di riferimento TVD, relativa al servizio di distribuzione;
10
× componenti a copertura dei costi operativi della tariffa di riferimento TVM, relativa al servizio di misura del gas naturale, ad eccezione della componente vope tinst ,)( , che eventualmente, potrà essere fissata con il provvedimento dellAutorità, la cui pubblicazione è prevista entro il 31 dicembre 2017, che disciplinerà le modalità di copertura dei costi relativi alle verifiche metrologiche per i gruppi di misura di classe maggiore di G6, per gli anni tariffe 2018 e 2019;
× tariffa di riferimento COT, relativa al servizio di commercializzazione dei servizi di distribuzione e misura del gas naturale;
" in relazione alla determinazione delle tariffe obbligatorie per il servizio di distribuzione del gas naturale: × tenere conto delle rettifiche di dati patrimoniali e fisici, secondo le decorrenze di cui allarticolo 4, della RTDG;
× in coerenza con lapproccio adottato per la determinazione delle tariffe obbligatorie negli anni 2014-2017, al fine di incrementare la stabilità delle tariffe, prevedere che i volumi di gas rilevanti utilizzati nelle determinazioni delle quote variabili delle tariffe obbligatorie a copertura dei costi del servizio di distribuzione siano determinati come media mobile dei dati relativi al gas distribuito nellultimo quadriennio disponibile;
× nel dimensionamento della componente Ä1(mis) della tariffa obbligatoria tenere conto di una stima degli oneri previsti per la copertura dei costi relativi alle verifiche metrologiche e dei costi dei sistemi di telelettura/telegestione e dei concentratori, tenendo anche conto dei possibili scenari connessi agli orientamenti espressi nel documento per la consultazione 759/2017/R/GAS;
" determinare le opzioni gas diversi secondo le disposizioni dellarticolo 2, comma 6, della RTDG, che disciplinano il caso di mancata comunicazione dei dati fisici relativi al numero di punti di riconsegna serviti, con riferimento allimpresa ULTRAGAS C.M. S.p.a. ID 793 per la regione Campania e allimpresa ESSENERGIA Sas ID 14505 per la regione Lazio;
" prevedere che per limpresa BRIONGAS SRL ID 90, in via provvisoria, siano confermate le opzioni tariffarie gas diversi approvate per il 2017 con la deliberazione 774/2016/R/GAS, in attesa che siano completati i necessari approfondimenti sulla situazione delle reti di distribuzione di gas diversi dal naturale in alcuni Comuni colpiti dagli eventi sismici verificatisi nei giorni del 24 agosto 2016 e successivi, anche in relazione allipotesi di attivazione di meccanismi di compensazione dei ricavi per le imprese distributrici, conseguenti alla riduzione del numero di punti serviti in conseguenza degli eventi sismici, prevista dalla richiamata deliberazione 252/2017/R/COM.
11
RITENUTO OPPORTUNO:

" in relazione alle istanze per il riconoscimento dei maggiori oneri derivanti dagli incrementi dei canoni di concessione ai sensi di quanto previsto dal comma 4, articolo 46-bis, del decreto-legge 159/07: × procedere allapprovazione dellammontare massimo del riconoscimento dei maggiori oneri COLc,i di cui allarticolo 59, comma 4, della RTDG per le imprese distributrici che hanno fornito gli elementi necessari per la valorizzazione di tale ammontare e completa documentazione;
× prevedere che qualora ricorrano le condizioni previste dallarticolo 59, comma 2, e dallarticolo 59, comma 3, della RTDG, anche in relazione a quanto precisato nelle FAQ pubblicate, il recupero di eventuali periodi pregressi debba essere effettuato nel primo anno utile;
× escludere dal riconoscimento dei maggiori oneri COLc,i le imprese distributrici che non forniscano idonea documentazione di cui allarticolo 59, comma 3, lettera a), della RTDG o che non forniscano gli elementi necessari per la valorizzazione dellammontare massimo del riconoscimento dei maggiori oneri;
× in particolare, escludere dal riconoscimento di cui al precedente punto le imprese che non dimostrino che le risorse aggiuntive derivanti dallaumento del canone siano state destinate dai Comuni allattivazione di meccanismi di tutela nei confronti delle fasce deboli di utenti, poiché è solo questa la destinazione prevista dalle disposizioni di legge che si riflette favorevolmente sul sistema e può quindi configurare un costo riconoscibile in tariffa, in linea con la finalità di cui allarticolo 1 della legge 481/95;
× su queste basi, procedere al riconoscimento dellammontare COLc,i con riferimento alle località riportate nella Tabella 4 dellAllegato A al presente provvedimento, in relazione alle quali la documentazione allegata è risultata rispondente alle prescrizioni della RTDG, valutando invece come non idonee le istanze di riconoscimento con riferimento alle località di cui alla Tabella 5 dellAllegato A al presente provvedimento, in relazione alle quali dalla documentazione allegata non risulta limpegno formale dei Comuni ad attivare, a fronte dellincremento dei canoni di concessione, meccanismi di tutela nei confronti delle fasce deboli di utenti o non sono stati forniti gli elementi necessari per la valorizzazione dellammontare massimo del riconoscimento dei maggiori oneri






12
DELIBERA


Articolo 1 Approvazione delle tariffe obbligatorie per i servizi di distribuzione e misura del gas naturale di cui allarticolo 40 della RTDG, per lanno 2018
1.1. Sono approvate le tariffe obbligatorie per i servizi di distribuzione, misura e commercializzazione del gas naturale, di cui allarticolo 40, della RTDG, per lanno 2018, come riportati nella Tabella 1 dellAllegato A al presente provvedimento, di cui forma parte integrante.


Articolo 2 Approvazione delle opzioni tariffarie gas diversi, per lanno 2018
2.1 Sono approvate le opzioni tariffarie gas diversi, di cui allarticolo 65, della RTDG, per lanno 2018, come riportate nella Tabella 2 dellAllegato A al presente provvedimento, di cui forma parte integrante.

2.2 Le opzioni tariffarie gas diversi relative allimpresa BRIONGAS S.r.l. ID 90 riportate nella Tabella 2 dellAllegato A sono approvate in via provvisoria.



Articolo 3 Determinazione degli importi di perequazione bimestrale dacconto relativi al servizio di distribuzione del gas naturale, per lanno 2018
3.1 Sono approvati gli importi di perequazione bimestrale dacconto per lanno 2018 relativi al servizio di distribuzione del gas naturale, di cui allarticolo 45, della RTDG, come riportati nella Tabella 3 dellAllegato A al presente provvedimento, di cui forma parte integrante.



Articolo 4 Aggiornamento di componenti a copertura dei costi di capitale centralizzati e dei costi operativi delle tariffe TVD, TVM e COT, per lanno 2018
4.1 La Tabella 4 e la Tabella 5, della RTDG, sono sostituite con la Tabella 4 e la Tabella 5 riportate nellAllegato B al presente provvedimento, di cui forma parte integrante.



13
Articolo 5 Approvazione dellammontare massimo del riconoscimento di maggiori oneri COLc,i
5.1 E approvato lammontare massimo del riconoscimento di maggiori oneri COLc,i, di cui allarticolo 59, della RTDG, per le località riportate nella Tabella 4 dellAllegato A al presente provvedimento, di cui forma parte integrante.



Articolo 6 Disposizioni finali
6.1 Il presente provvedimento è trasmesso alla Cassa per i servizi energetici e ambientali.

6.2 Il presente provvedimento è pubblicato sul sito internet dellAutorità www.autorita.energia.it.

14 dicembre 2017 IL PRESIDENTE Guido Bortoni

Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico - Rideterminazione di tariffe di riferimento per i servizi di distribuzione e misura del gas, per gli anni 2009-2016 AEEGSI - Pubblicato 2017.12.15

Con il presente provvedimento si procede alla rideterminazione delle tariffe di riferimento per i servizi di distribuzione e misura del gas per gli anni 2009-2016, sulla base di richieste di rettifica di dati pervenute entro la data del 15 settembre 2017.



Testo Allegato

1
DELIBERAZIONE 14 DICEMBRE 2017
858/2017/R/GAS

RIDETERMINAZIONE DI TARIFFE DI RIFERIMENTO PER I SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E
MISURA DEL GAS, PER GLI ANNI 2009-2016


LAUTORITÀ PER LENERGIA ELETTRICA IL GAS
E IL SISTEMA IDRICO


Nella riunione del 14 dicembre 2017
VISTI:

" la direttiva 2009/73/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa a norme comuni per il mercato interno del gas naturale;
" la legge 14 novembre 1995, n. 481, come successivamente modificata e integrata;
" il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, come successivamente modificato e integrato;
" il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2001, n. 244;
" la legge 27 ottobre 2003, n. 290, come successivamente modificata e integrata;
" la legge 23 agosto 2004, n. 239, come successivamente modificata e integrata;
" la legge 23 luglio 2009, n. 99, come successivamente modificata e integrata;
" il decreto legislativo 1 giugno 2011, n. 93, come successivamente modificato e integrato;
" la Parte II, del Testo Unico delle disposizioni della regolazione della qualità e delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2009-2012 (TUDG), recante Regolazione delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2009-2012(RTDG 2009-2012), come modificata in ultimo con la deliberazione dellAutorità per lenergia elettrica il gas e il sistema idrico (di seguito: Autorità) 10 ottobre 2013, 447/2013/R/GAS;
" la deliberazione dellAutorità 24 luglio 2014, 367/2014/R/GAS (di seguito: deliberazione 367/2014/R/GAS);
" la Parte II, del Testo Unico delle disposizioni della regolazione della qualità e delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019 (TUDG), recante Regolazione delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019 (RTDG 2014-2019), approvata con la deliberazione 367/2014/R/GAS, come successivamente modificata e integrata;
" la deliberazione dellAutorità 22 dicembre 2016, 775/2016/R/GAS (di seguito: deliberazione 775/2016/R/GAS);
2
" la Parte II, del Testo Unico delle disposizioni della regolazione della qualità e delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019 (TUDG), recante Regolazione delle tariffe dei servizi di distribuzione e misura del gas per il periodo di regolazione 2014-2019 (RTDG 2014-2019), approvata con la deliberazione 775/2016/R/GAS (di seguito: RTDG);
" la deliberazione dellAutorità 28 aprile 2017, 145/2017/R/GAS (di seguito: deliberazione 145/2017/R/GAS);
" la deliberazione dellAutorità 6 aprile 2017, 220/2017/R/GAS;
" la determinazione del Direttore della Direzione Infrastrutture Energia e Unbundling dellAutorità 30 gennaio 2015, 3/15 (di seguito: determinazione 3/2015).

CONSIDERATO CHE:

" larticolo 4, comma 1, della RTDG prevede che: - le richieste di rettifica di dati relativi a incrementi patrimoniali e contributi possano essere presentate dalle imprese allAutorità in ciascun anno del periodo regolatorio 2014-2019 nelle finestre 1 febbraio - 15 febbraio e 1 settembre - 15 settembre;
- tali richieste di rettifica siano trasmesse secondo le modalità definite con Determina del Direttore della Direzione Infrastrutture, Energia e Unbundling;
" in relazione agli effetti delle rettifiche: - larticolo 4, comma 2, della RTDG prevede che le istanze di rettifica di dati relativi a incrementi patrimoniali e contributi, qualora comportino vantaggi per il cliente finale, siano accettate con decorrenza dallanno tariffario a cui è riferibile lerrore;
- larticolo 4, comma 3, della medesima RTDG prevede che le richieste di rettifica, qualora comportino vantaggi per le imprese distributrici, siano accettate con decorrenza dallanno tariffario successivo a quello della richiesta di rettifica;
- larticolo 4, comma 4, della RTDG prevede che le richieste di rettifica di dati fisici siano accettate per lanno tariffario a cui è riferibile lerrore;
" secondo quanto disposto dallarticolo 4, comma 5, della RTDG, le richieste di rettifica di dati, inoltrate allAutorità, comportano lapplicazione di una indennità amministrativa a carico dellimpresa distributrice che richiede la rettifica, pari all1% della variazione del livello dei vincoli ai ricavi attesi causato dalla rettifica medesima, con un minimo di 1.000 euro;
" con determinazione 3/2015 sono state indicate le modalità e le tempistiche di invio ed elaborazione dei dati e delle rettifiche, ai fini dellaggiornamento annuale delle tariffe e della messa a disposizione dei dati tariffari alle stazioni appaltanti.

3
CONSIDERATO CHE:

" sono state presentate, entro la data del 15 settembre 2017, richieste di rettifica e integrazione di dati patrimoniali oggetto di raccolte dati effettuate in anni precedenti il 2017, riferite a località servite dalle imprese distributrici di seguito elencate:
TABELLA A
IDAEEG DENOMINAZIONE IMPRESA DISTRIBUTRICE
47 SEI SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI S.r.l. 318 AMALFITANA GAS S.r.l. 378 ACAM GAS S.p.a.

380 EROGASMET S.p.a.

412 VENETA GAS S.pa. (istanza presentata da EROGASMET S.p.a., attuale gestore) 436 SEAB - SERVIZI ENERGIA AMBIENTE BOLZANO S.p.a.

807 ITALGAS RETI S.p.a.

860 LD RETI S.r.l. 1338 LARIO RETI GAS S.r.l. 20103 CENTRIA S.r.l. 22668 2i Rete Gas S.p.a.

24121 Blu Reti Gas S.r.l. 25367 INRETE Distribuzione energia S.p.a.


" sono state presentate, entro il 15 settembre 2017, istanze di rettifica di dati fisici dalla società 573-PREALPI GAS S.r.l., con riferimento alla località 4312- Gallarate e allanno 2015, e dalla società 926-AcegasApsAmga S.p.a., con riferimento alla località 310-Codroipo e allanno 2014;
" è stata presentata, entro la data del 15 settembre 2017, istanza di determinazione tariffaria dufficio dallimpresa distributrice 20103-CENTRIA S.r.l. con riferimento alle località 5312-Terranuova Bracciolini e 6576-Terranuova Bracciolini;
" sono state presentate, entro la data del 15 settembre 2017, istanze di rideterminazione tariffaria connesse al reperimento di documentazione contabile precedentemente non disponibile, riferite a località servite dalle imprese distributrici di seguito elencate:
TABELLA B
IDAEEG DENOMINAZIONE IMPRESA DISTRIBUTRICE
553 UNISERVIZI S.p.a.

682 GIGAS RETE S.r.l. 696 ENERCO DISTRIBUZIONE S.p.a.

791 TOSCANA ENERGIA S.p.a.

807 ITALGAS RETI S.p.a.

992 NOVARETI S.p.a.

4
1112 AS RETIGAS S.r.l. 3045 IRETI S.p.a.

20103 CENTRIA S.r.l. 24121 Blu Reti Gas S.r.l. 25367 INRETE Distribuzione energia S.r.l.
CONSIDERATO CHE:

" con deliberazione 145/2017/R/GAS sono state determinate le tariffe di riferimento definitive per i servizi di distribuzione e misura del gas naturale per lanno 2016, sulla base di quanto disposto dallarticolo 3, comma 2, della RTDG;
" a seguito di alcune verifiche condotte dagli uffici della Direzione Infrastrutture, Energia e Unbundling dellAutorità sono emersi alcuni errori materiali nella deliberazione 145/2017/R/GAS per le località di seguito elencate:
TABELLA C
IDAEEG
DENOMINAZIONE
IMPRESA
DISTRIBUTRICE
ID LOCALITA DENOMINAZIONE LOCALITA
499 NEDGIA S.p.a. 10306 Vibonati sconfinamento di Sapri 499 NEDGIA S.p.a. 10313 Isernia sconfinamento di Pettoranello del Molise 807 ITALGAS RETI S.p.a. 9546 FUSCALDO (CS) 22668 2I RETE GAS S.p.a. 10271 Carnate sconf da Ronco Briantino 22668 2I RETE GAS S.p.a. 10272 Origgio sconf. da Saronno 25367 INRETE DISTRIBUZIONE ENERGIA S.p.a. 10231 BUDRIO (BO) Rotta Giardino, Guarda, via San Salvatore
RITENUTO CHE:

" in relazione alle rettifiche presentate nel mese di settembre 2017: - con riferimento alle richieste di rettifica di dati patrimoniali presentate dalle imprese distributrici di cui alla Tabella A: § in coerenza con quanto previsto dallarticolo 4, comma 2, della RTDG, sia opportuno accettare, ai fini delle rideterminazioni tariffarie per i servizi di distribuzione e misura del gas per gli anni dal 2009 al 2016, le richieste di presentate dalle imprese distributrici di cui alla seguente Tabella D, che comportano vantaggi per i clienti finali:
TABELLA D
IDAEEG DENOMINAZIONE IMPRESA DISTRIBUTRICE
380 EROGASMET S.p.a.

412 VENETA GAS S.pa. (istanza presentata da EROGASMET S.p.a., 5
attuale gestore) 436 SEAB - SERVIZI ENERGIA AMBIENTE BOLZANO S.p.a.

807 ITALGAS RETI S.p.a.

860 LD RETI S.r.l. 1338 LARIO RETI GAS S.r.l. 24121 Blu Reti Gas S.r.l.
§ in coerenza con quanto previsto dallarticolo 4, comma 3, della RTDG, sia opportuno prevedere che le istanze di rettifica e integrazione di dati patrimoniali, per le imprese distributrici di seguito elencate nella Tabella E, siano accettate in sede di approvazione delle tariffe di riferimento definitive per lanno 2017, entro il termine del 28 febbraio 2018, sulla base di quanto stabilito dallarticolo 3, comma 2, lettera b), della medesima RTDG e secondo le disposizioni riportate nellAllegato A alla determinazione 3/2015:
TABELLA E
IDAEEG DENOMINAZIONE IMPRESA DISTRIBUTRICE
47 SEI SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI S.r.l. 860 LD RETI S.r.l. 25367 INRETE DISTRIBUZIONE ENERGIA S.p.a.


§ in coerenza con quanto previsto dallarticolo 4, comma 3, della RTDG, sia opportuno prevedere che le istanze di rettifica e integrazione di dati patrimoniali presentate a correzione di dati tariffari relativi ad anni precedenti allanno 2015, per le imprese distributrici di seguito elencate nella Tabella F, che comportano vantaggi per limpresa distributrice, siano accettate in sede di approvazione delle tariffe di riferimento definitive per lanno 2018, entro il termine del 28 febbraio 2019, sulla base di quanto stabilito dallarticolo 3, comma 2, lettera b), della medesima RTDG:
TABELLA F
IDAEEG DENOMINAZIONE IMPRESA DISTRIBUTRICE
47 SEI SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI S.r.l. 318 AMALFITANA GAS S.r.l. 378 ACAM GAS S.p.a.

380 EROGASMET S.p.a.

412 VENETA GAS S.pa. (istanza presentata da EROGASMET S.p.a., attuale gestore) 436 SEAB - SERVIZI ENERGIA AMBIENTE BOLZANO S.p.a.

807 ITALGAS RETI S.p.a.

860 LD RETI S.r.l. 1338 LARIO RETI GAS S.r.l. 6
20103 CENTRIA S.r.l. 22668 2i RETE GAS S.p.a.


- in relazione alle richieste di rettifica di dati fisici, in coerenza con quanto previsto dallarticolo 4, comma 4, della RTDG, secondo cui le richieste di rettifica di dati fisici sono accettate per lanno tariffario a cui è riferibile lerrore: § sia opportuno accettare, ai fini delle rideterminazioni tariffarie per i servizi di distribuzione e misura del gas per gli anni dal 2009 al 2016, la richiesta di rettifica di dati fisici presentata dalla società 926- AcegasApsAmga S.p.a., con riferimento alla località 310-Codroipo per lanno 2014, con decorrenza dalle tariffe dellanno 2016;
§ sia opportuno prevedere che la richieste di rettifica e integrazione di dati fisici presentata dalla società 573-PREALPI GAS S.r.l., con riferimento alla località 4312-Gallarate per lanno 2015, sia accettata in sede di approvazione delle tariffe di riferimento definitive per lanno 2017, entro il termine del 28 febbraio 2018, sulla base di quanto stabilito dallarticolo 3, comma 2, lettera b), della medesima RTDG;
- in relazione alle istanze di determinazione tariffaria dufficio: § sia opportuno prevedere che listanza presentata dallimpresa distributrice 20103-CENTRIA S.r.l., con riferimento alle località 5312-Terranuova Bracciolini e 6576-Terranuova Bracciolini, sia processata in tempo utile per lapprovazione delle tariffe di riferimento definitive per lanno 2017, entro il termine del 28 febbraio 2018, secondo le disposizioni riportate nellAllegato A alla determinazione 3/2015;
- in relazione alle istanze di rideterminazione tariffaria di cui alla Tabella B: § sia opportuno prevedere che le medesime istanze siano processate in tempo utile per lapprovazione delle tariffe di riferimento definitive per lanno 2018 e che le decorrenze delle rettifiche siano fissate in coerenza con quanto previsto dallarticolo 4 della RTDG e secondo le disposizioni riportate nellAllegato A alla determinazione 3/2015. - sia necessario procedere alla rideterminazione delle tariffe di riferimento per gli anni dal 2009 al 2016 in relazione alle rettifiche di cui ai precedenti punti;
- in relazione alle rettifiche dei dati presentate e accolte nella rideterminazione tariffaria di cui al presente provvedimento, sia opportuno applicare lindennità amministrativa prevista dallarticolo 4, comma 5, della RTDG.

7
RITENUTO OPPORTUNO:

" procedere alla correzione degli errori materiali riscontrati nella deliberazione 145/2017/R/GAS in relazione alla tariffe di riferimento definitive per i servizi di distribuzione e misura per lanno 2016, per le località elencate nella Tabella C

DELIBERA


Articolo 1 Rideterminazione di tariffe di riferimento per i servizi di distribuzione e misura del gas naturale per gli anni dal 2009 al 2016
1.1 Sono approvati i valori delle tariffe di riferimento per i servizi di distribuzione e misura del gas naturale: " per lanno 2009 come riportati nella Tabella 1 allegata al presente provvedimento, di cui forma parte integrante;
" per lanno 2010 come riportati nella Tabella 2 allegata al presente provvedimento, di cui forma parte integrante;
" per lanno 2011 come riportati nella Tabella 3 allegata al presente provvedimento, di cui forma parte integrante;
" per lanno 2012 come riportati nella Tabella 4 allegata al presente provvedimento, di cui forma parte integrante;
" per lanno 2013 come riportati nella Tabella 5 allegata al presente provvedimento, di cui forma parte integrante;
" per lanno 2014 come riportati nella Tabella 6 allegata al presente provvedimento, di cui formano parte integrante;
" per lanno 2015 come riportati nella Tabella 7 allegata al presente provvedimento, di cui formano parte integrante;
" per lanno 2016 come riportati nella Tabella 8 allegata al presente provvedimento, di cui formano parte integrante.



Articolo 2 Indennità amministrativa
2.1 Lindennità amministrativa di cui allarticolo 4, comma 5, della RTDG si applica alle imprese elencate nella Tabella 9 allegata al presente provvedimento, di cui forma parte integrante.

8
Articolo 3 Disposizioni finali
3.1 Il presente provvedimento è trasmesso alla Cassa per i servizi energetici e ambientali 3.2 Il presente provvedimento è pubblicato sul sito internet dellAutorità www.autorita.energia.it.

14 dicembre 2017 IL PRESIDENTE Guido Bortoni

Informat Paper News - alternativasostenibile.it

A Ecomondo i migliori esperti a livello globale dell'economia circolare alternativasostenibile.it - Pubblicato 2016.11.06

La promozione della circular economy, tema portante di ECOMONDO (8-11 novembre), porterà nei prossimi giorni alla Fiera di Rimini i principali attori italiani ed europei impegnati a creare un terreno favorevole a quello che si sta imponendo come il nuovo driver per lo sviluppo della green economy. All’interno di un programma

OGCI Climate Investments investe un miliardo di dollari per accelerare lo sviluppo e la diffusione di tecnologie innovative a basse emissioni alternativasostenibile.it - Pubblicato 2016.11.05

La Oil and Gas Climate Initiative (OGCI) ha annunciato oggi un investimento di un miliardo di dollari nel corso dei prossimi 10 anni, per sviluppare e accelerare la diffusione commerciale di tecnologie innovative a basse emissioni. OGCI Climate Investments (OGCI CI) avrà lo scopo di diffondere, allinterno di OGCI e oltre, nuove tecnologie sviluppate con successo. Uno degli obiettivi sarà anche quello di identificare modi diversi per ridurre l'intensità energetica nei settori dei trasporti e dellindustria. Lavorando in partnership con iniziative affini nei diversi gruppi di stakeholder e nei diversi settori, OGCI Climate Investments ritiene che il suo impatto in termini di riduzione delle emissioni potrà essere moltiplicato nelle diverse applicazioni industriali. In una dichiarazione congiunta, i vertici delle 10 società energetiche oil and gas che compongono OGCI hanno dichiarato: La creazione di OGCI Climate Investments dimostra la nostra volontà collettiva di fornire soluzioni tecnologiche su larga scala creando un salto di qualità che aiuterà a contrastare il cambiamento climatico. Siamo impegnati personalmente a garantire che, lavorando insieme, le nostre compagnie giochino un ruolo chiave nel ridurre le emissioni di gas serra continuando comunque a fornire lenergia di cui il mondo ha bisogno. Questo investimento rappresenta un livello di collaborazione e una condivisione delle risorse in questo campo senza precedenti nellindustria oil and gas. Questa nuovo, ulteriore investimento andrà ad integrare i programmi già esistenti per le tecnologie low carbon delle singole società e si avvarrà delle competenze e delle risorse delle aziende associate. Attraverso confronti con gli stakeholder e un dettagliato lavoro tecnico, OGCI ha individuato due iniziali aree di interesse: accelerare l'introduzione di cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio; ridurre le emissioni di metano da parte dell'industria petrolio e gas al fine di massimizzare i benefici climatici del gas naturale. OGCI ritiene che questi siano settori in cui l'industria oil and gas esercita un'influenza significativa e dove il suo lavoro di collaborazione può avere l'impatto maggiore. Oltre a questo, OGCI Climate Investments effettuerà anche investimenti che supportino il miglioramento dellefficienza energetica e operativa nelle industrie ad alta intensità energetica. In particolare, OGCI Climate Investments lavorerà a stretto contatto con gli altri attori industriali interessati per aumentare l'efficienza energetica in tutte le modalità di trasporto. Il CEO e il team di manager di OGCI Climate Investments saranno annunciati prossimamente. La formazione dell'OGCI Climate Investments sarà soggetta allottenimento di eventuali autorizzazioni regolatorie. LOil and Gas Climate Initiative è stata progettata per catalizzare azioni concrete per ridurre le emissioni di gas serra. Liniziativa è diretta dai CEO di dieci compagnie oil&gas che intendono guidare la risposta dell'industria ai cambiamenti climatici.Le aziende che compongono OGCI - BP, CNPC, Eni, Pemex, Reliance Industries, Repsol, Royal Dutch Shell, Saudi Aramco, Statoil e Total - insieme rappresentano un quinto della produzione di petrolio e gas del mondo. LOGCI è stata istituita a valle della discussione tenutasi in occasione del World Economic Forum Annual Meeting del 2014, ed è stata lanciata ufficialmente al vertice sul clima convocato dal Segretario Generale delle Nazioni Unite a New York nel settembre 2014. di Andrea Pietrarota

La Ellen Macarthur Foundation protagonista ad Ecomondo alternativasostenibile.it - Pubblicato 2016.11.05

E listituzione leader, nel mondo, per la promozione e lo sviluppo delleconomia circolare. La Ellen MacArthur Foundation sarà protagonista ad ECOMONDO (8-11 novembre, fiera di Rimini) grazie alla presenza di AshimaSukhdev, project manager della associazione fondata nel 2010 nel Regno Unito, che interverrà al convegno Circular Economy & Smart Cities: opportunità e prospettive, in programma mercoledì 9 novembre (ore 14 18). Il convegno sarà presieduto dal professor Gian Marco Revel, Università Politecnica delle Marche, Coordinatore Piattaforma Tecnologica Italiana delle Costruzioni e sarà chiuso da Carlo Maria Medaglia, Capo della Segreteria Tecnica del Ministro dellAmbiente. Nella stessa giornata Ashima Sukhdev interverrà inoltre allincontro Le città: driver della green economy in programma nella sessione conclusiva degli Stati Generali della Green Economy (8-9 novembre) al quale è prevista anche la partecipazione del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Del Rio. La Ellen MacArthur Foundation prende il nome dalla sua fondatrice e presidente, Ellen MacArthur, velista britannica che dopo avere battuto, nel 2005, il record mondiale della circumnavigazione del globo, nel 2009 ha interrotto, a soli 33 anni, la carriera di velista per dedicarsi a tempo pieno alla sua battaglia in favore dellambiente. Una battaglia che lha trasformata nella leader della circular economy come lha definita Adam Bryant, direttore editoriale Live Journalism per il New York Times, nellintervista live trasmessa nella giornata di ieri dal canale Facebook New York Times Science e visualizzata finora da circa 87mila persone. E stata proprio lesperienza vissuta in mare, in situazioni di risorse limitate, a fare maturare nellallora campionessa della vela la consapevolezza della finitezza delle risorse su cui si basa la nostra economia e dunque della necessità di investire su un nuovo modello di sviluppo, basato sul concetto di economia circolare. Il compito che si pone la Ellen MacArthur Foundation è quello di fare inserire la Circular economy nellagenda della politica, dellindustria e della formazione accademica. Grazie ad una rete di Global Partners di assoluto rilievo (Cisco, Google, H&M, Intesa Sanpaolo, NIKE Inc., Philips, Renault, and Unilever), la Ellen MacArthur Foundation persegue e realizza lo sviluppo dellEconomia Circolare nei settori del business mondiale. Attraverso un team di esperti analisti, produce studi e approfondimenti. E inoltre impegnata nel diffondere linsegnamento della Circular Economy attraverso collaborazioni con scuole e università tra le più quotate a livello globale (Bradford University, CranfieldUniversity, University College London, Delft University of Technology, Arizona State University, University of Sao Paulo). Ashima Sukhdev fa parte del team Insight & Analysis della Ellen MacArhur Foundation ed è stata la coordinatrice dello studio Growth Within: a circular economy vision for a competitive Europe. di Andrea Pietrarota

Cresce il biogas in Friuli Venezia Giulia alternativasostenibile.it - Pubblicato 2016.11.05

Il Friuli Venezia Giulia è una delle realtà economiche più vivaci del Paese, dispone di una superficie agricola totale (SAT) pari al 35% della sua superficie, nella quale sono presenti piantagioni estensive coltivate principalmente a seminativo, che danno occupazione al 3,2% della popolazione attiva. Le vaste aree montane e collinari dalle quali nasce e scende a valle un fitto reticolo di fiumi, rendono la Regione particolarmente adatta anche allallevamento. Nellambito degli allevamenti zootecnici prevalgono quelli dei bovini, ai quali si dedicano il 65% delle aziende: essi sono diffusi soprattutto nella zona di Pordenone e Udine, mentre nella zona di Gorizia e Trieste primeggiano allevamenti di suini. In questo contesto si colloca il costante aumento delle dimensioni medie delle aziende agricole e degli allevamenti che in questa Regione supera la media italiana. Questo trend favorisce il raggiungimento della dimensione ottimale per lo sviluppo degli impianti di produzione di energia a biogas che rappresentano unimportante opportunità reddituale per gli imprenditori agricoli e che vanno a corroborare le politiche di contrasto ai cambiamenti climatici sulle quali è ormai stata raggiunta una generale convergenza, come è dimostrato dagli accordi sottoscritti da ben 196 paesi nel dicembre 2015 a Parigi nel corso della COP21 dellUnited Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC). Le prospettive positive sono confortate dallaumento della produzione di energia elettrica da biogas, che ha da anni un forte sviluppo: nel periodo 2013/2014 per il Friuli Venezia Giulia si riscontra un +13% rispetto al +10,1 % nazionale. Nel 2014 la produzione di energia elettrica da biogas rappresenta il 57% della produzione dovuta alle bioenergie, mentre biomasse e bioliquidi raggiungono la quota rispettivamente del 32% e 11%. L'articolo di Federica Schenato, laureata in Statistica ed esperta di statistiche ambientali, prosegue in allegato. di Andrea Pietrarota

Le materie prime del futuro alla mostra Exnovomaterials di Ecomondo 2016 alternativasostenibile.it - Pubblicato 2016.11.05

Rappresentano il passo avanti nellindustria del riciclo, la svolta già in atto che consentirà di ridefinire il concetto stesso di materia prima. Sono i nuovi materiali che, grazie alla sperimentazione e alle nuove tecnologie, realizzano il concetto delleconomia circolare in una direzione rivoluzionaria per lindustria e lambiente. La mostra EXNovoMaterials in the circular economy, visitabile nella hall allingresso sud della Fiera di Rimini durante ECOMONDO, le racconterà con modalità scientifiche ma anche spettacolari nelledizione che celebra il ventennale del salone internazionale. Nuove materie che cambieranno il nostro modo di vivere sintetizza Roberto Coizet, curatore dellesposizione realizzata in collaborazione con Centro Materia Rinnovabile e Edizioni Ambiente. La terza sezione della mostra (Spazio della Sperimentazione e Innovazione), accompagnerà in un viaggio alla scoperta dei nuovi materiali realizzati da una decina di start up del nostro Paese. Arriva dal Piemonte Poliphenolia, realtà che crea e produce creme anti invecchiamento utilizzando polifenoli estratti da bucce e semi di uva al termine del processo di vinificazione. Tra i primi a studiare i polifenoli in materiali per applicazioni mediche, Poliphenolia applica la conoscenza sulle proprietà biomediche dei polifenoli alla cosmetica Due giovani donne, Antonella Bellina e Elisa Volpi, due professioniste della moda, sono i volti dietro a DueDiLatte, marchio che utilizza tessuti ricavati dal latte. Grazie atecniche di bio ingegneria è possibile ricavare una fibra estremamente naturale, dalle qualità uniche. I tessuti hanno infatti la caratteristica di nutrire e idratare la pelle. T-shirt, maglie e maglioncini oltre al look curano anche il corpo. Dalla plastica& alla super-plastica: è quello che fa lazienda Werner & Mertz che attraverso un particolare processo riesce a ottenere dalla plastica una tipologia addirittura più resistente che viene usata per produrre bottiglie per detersivi. Fertilana realizza invece, utilizzando gli scarti della lana di pecora, un ottimo fertilizzante adatto alla bioagricoltura. Mogu (in giapponese, fungo) è il nome del progetto della Mycoplast, start up che sfruttando gli scarti agricoli e alimentari, come la paglia di riso, la segatura, i fondi del caffè e la buccia di pomodori e patate, e trasformandoli in cibo per tipi particolari di funghi, riesce ad ottenere un biomateriale leggero come il polistirolo e biodegradabile, impermeabile e resistente alla fiamma, sostitutivo delle terracotte. In Italia si consumano 13 miliardi di uova allanno. E uninfinità di gusci, che nessuno usa. Tranne un team di ricercatori, che ha trovato un metodo per calibrare gusci duovo e argilla, ottenendo un nuovo cemento completamente biocompatibile. Si tratta dei ricercatori di Calchéra San Giorgio, Centro di Ricerca e Formulazione che studia e produce materiali specifici per il restauro, il consolidamento strutturale ed il risanamento di edifici di interesse storico culturale. GS4C è la start up milanese che lavorando con il basalto e trasformandolo in una fibra elastica propone una alternativa al vetro resina, materiale usato per la costruzione delle barche a vela non riciclabile a differenza del basalto. Si potrà così in futuro evitare laffondamento delle imbarcazioni arrivate a fine vita. Stone-brick, recuperando gli scarti della lavorazione lapidea, ovvero il cosiddetto fango di segagione che deriva dal taglio delle pietre, ottiene nuovo materiale per ledilizia, sviluppato con una tecnologia innovativa. Dal tavolo degli aperitivi allarredamento. E la nuova vita degli anacardi. I ricercatori dellazienda triestina AEP Polymers, analizzandone il guscio, sono riusciti a trasformarli in polimeri liquidi e schiume adatti per lisolamento e larredo. Equipolymers ha scoperto il modo per rendere eco-compatibili le bottiglie della Coca Cola. Grazie al lavoro di ricercatori italiani si è riusciti ad ottenere un riciclo della plastica P.E.T. tanto puro da poter essere utilizzato come componente della bottiglia più celebre al mondo di cui si producono circa 1 miliardo e 300 milioni anno di esemplari. Un accordo con la multinazionale consentirà di inserire nelle bottiglie una componente fino al 10% di nuovo materiale biocompatibile. di Andrea Pietrarota

Edilizia: sostenibile, innovativo e sicuro. E' "Condominio Eco" alternativasostenibile.it - Pubblicato 2016.11.02

La fiera Torna a Rimini dall'8 al all'11 novembre 2016 all'interno della fiera della green economy Ecomondo, Condominio Eco: la fiera nazionale dedicata al "condominio sostenibile", organizzata da Ecoarea Srl in collaborazione con Rimini Fiera. Titolo di questa terza edizione: 2026, il condominio che verrà. A quattro anni dalla riforma del condominio che ha dichiarato guerra a burocrazie, sprechi e leggi non più idonee ad amministrare con profitto unità immobiliari e palazzi, si sta assistendo a un concreto cambiamento di rotta a favore di soluzioni, strumenti e servizi sempre più caratterizzati da efficienza, risparmio e soluzioni per migliorare le relazioni fra gli stessi condòmini. Il "mondo" condominio I condomini in Italia sono più di un milione e, come gran parte degli edifici esistenti, soffrono di un grave stato di inefficienza energetica. Secondo i dati incrociati delle diverse associazioni di amministratori di condominio, oltre il 60% di queste unità ha un impianto di riscaldamento vecchio di più di 15 anni, spesso ancora funzionante a gasolio, con grossi costi per cittadini e ambiente; mentre il 23% del totale di questi edifici, dove statisticamente abita più di un italiano su due, può definirsi in pessimo stato di conservazione. Ciò si traduce in grandi opportunità per chi opera nel campo del risparmio energetico, dell'isolamento termico, della sicurezza, della domotica, dei nuovi materiali, dei servizi centralizzati: solo per citare alcuni dei settori target di Condominio Eco. Un segmento di business imperniato su efficienza e sostenibilità, che registra un trend positivo grazie anche a forme di aiuto economico ormai strutturate, come quella degli eco-bonus governativi. Gli espositori di Condominio Eco Anche quest'anno a Condominio Eco troveranno posto professionisti e aziende che si dedicano alla qualificazione edile ed energetica degli edifici: con materiali, tecnologie, prodotti e realizzazioni di nuovissima generazione. Fra gli espositori anche aziende di isolamento, coibentazione, riscaldamento, domotica, energie rinnovabili e alternative. E ancora produttori di tetti, pareti impermeabili, centrali termiche, soluzioni contro l'umidità di risalita, tecnologie per il risparmio della corrente elettrica, trattamento acqua, ascensori e tanto altro. Gli eventi di Condominio Eco Numerosi e tutti interessanti gli eventi che arricchiranno la terza edizione di Condominio Eco. Da quest'anno saranno coordinati da due autorevoli personalità del "mondo condominio": Francesco Schena (esperto Sole 24 Ore e docente di corsi di formazione professionale rivolti agli amministratori di condominio) e dall'accademico Mauro Alvisi, presidente di ECCOS (European Condo Center Observatory of Studies). Si tratta di un nuovo centro studi per l'analisi del fenomeno del social housing sotto il profilo statistico, economico, tecnologico e culturale. Fra gli ospiti di spicco dei tanti convegni che avranno per teatro Condominio Eco, il sottosegretario del ministero dello sviluppo economico Antonio Gentile e Francesco Profumo: quest'ultimo a Rimini in veste di presidente IREN (società di multiservizi operante nella produzione e distribuzione di energia elettrica e teleriscaldamento). Entrambi, invitati da Ecomondo, interverranno sul tema "Circular economy & Smart Cities: opportunità e prospettive" (mercoledì 9 novembre, dalle 14 alle 17,30). Prima di loro, in apertura di fiera, da segnalare anche "Spazi aperti e verde condominiale" (a cura dell'Associazione Italia di Architettura del Paesaggio) e "Come migliorare l'efficienza energetica e la sicurezza sismica dei condomini" (a cura della rivista Ingenio). "Scusi ho finito il sale: social housing e dintorni. Come cambieranno le dinamiche di convivenza nei condomini" è invece il tema più scanzonato (ma anch'esso ricco di spunti interessanti) su cui interverrà la giornalista RAI e blogger Lucia Cuffaro, autrice del libro Fatto in casa. Smetto di comprare tutto ciò che so fare. Da segnalare poi giovedì 10 novembre, la seconda edizione degli Stati generali del Condominio, moderati da Francesco Schena (esperto del Sole 24 Ore). Per tutti gli altri eventi si suggerisce di consultare il programma aggiornato sulla pagina www.condominioeco.eu/eventi. La collocazione dentro Ecomondo Quest'anno l'area espositiva di Condominio Eco darà il benvenuto al pubblico nel sempre più frequentato Ingresso Est, dentro la Città Sostenibile (La via italiana alle Smart City), da sempre una dei maggiori centri di interesse di Ecomondo, luogo ideale dove connettersi con gli operatori dell'industria verde. Orari e modalità di visita della fiera su www.condominioeco.it. di Tommaso Tautonico

Informat Paper News - cmcc.it

C’era una volta a Giove - CMCC cmcc.it - Pubblicato 2018.10.16

Intervista di Laura Caciagli Prima il sogno di diventare maestra elementare. Poi il colpo di fulmine per la geologia con Viaggio al centro della Terra. Conosciamo meglio Monia Santini, ricercatrice CMCC della Divisione IAFES di Viterbo, fra collezioni di minerali, passioni scientifiche e film di gangster americani. Cosa fai al CMCC? Lavoro alla Divisione

Uso del suolo ed emissioni: una valutazione del raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi - CMCC cmcc.it - Pubblicato 2018.10.15

Photo by John Price on Unsplash Per porre un limite al riscaldamento globale e raggiungere gli obiettivi di lungo termine dellAccordo di Parigi, dobbiamo cambiare il modo in cui usiamo la terra: la lotta alla deforestazione e il potenziamento dellattuale capacità dei sink di carbonio di assorbire la CO2 atmosferica saranno fondamentali per ridurre le emissioni. Gli ecosistemi terrestri, e in particolar modo le foreste, assorbono circa un terzo delle emissioni totali di CO2 imputabili alle attività umane. Se anche in seguito si renderà necessario limpiego di nuove tecnologie per rimuovere lanidride carbonica atmosferica, le foreste sono, al momento, il più importante strumento per lassorbimento del carbonio di cui lumanità possa disporre. Nel Rapporto Speciale IPCC appena pubblicato, Global Warming of 1.5°C sono illustrate le diverse strategie di mitigazione per ottenere una riduzione netta delle emissioni, indispensabile per limitare il riscaldamento globale a 1.5°C (con superamento limitato o pari a zero di tale soglia). Nel rapporto è inoltre mostrato uno spaccato delle emissioni di CO2 nette globali prodotte dallattività umana, mostrando lincidenza dei diversi contributi: combustibili fossili e industria, agricoltura, foreste e altri usi del suolo (AFOLU Agriculture, Forestry and Other Land Use), bioenergia con la cattura e lo stoccaggio del carbonio (BECCS BioEnergy with Carbon Capture and Storage); il rapporto precisa anche, però, che le stime relative alle emissioni del settore AFOLU [&] non sono necessariamente confrontabili con le stime degli inventari nazionali dei gas serra. Questo perché, diversamente dalle emissioni derivanti dalluso dei combustibili fossili o del settore industriale, emissioni e sink di carbonio legati ai diversi usi del suolo sono notoriamente difficili da stimare e verificare. Attualmente, esiste una differenza di circa 4 gigatonnellate di CO2 allanno (pari a circa il 10% del totale delle emissioni di CO2 prodotte dallattività umana, per il periodo di riferimento considerato nella misurazione) nella stima delle emissioni antropogeniche globali derivanti dai diversi usi del suolo fornita dai modelli globali (e valutata nellultimo Rapporto di Valutazione IPCC, AR5) e dagli inventari nazionali dei gas serra (riferita alla Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, UNFCCC). La comunità globale degli esperti di modellistica e i governi nazionali, infatti, si avvalgono di metodi diversi per fare le loro valutazioni, cosa che rende molto difficile monitorare i progressi per il raggiungimento degli obiettivi di Parigi. Come conciliare quindi le differenze concettuali nella stima delle riserve di carbonio forestali delle diverse misurazioni, dai modelli e dagli inventari nazionali dei gas serra? Un nuovo studio pubblicato di recente su Nature Climate Change (tra gli autori, anche la ricercatrice CMCC Lucia Perugini) esplora le ragioni di queste differenze, e suggerisce strategie per rendere più omogenee e confrontabili tali valutazioni. Scendendo nel dettaglio, lo studio va a quantificare le differenze riscontrate tra le stime degli assorbimenti/rilasci di gas serra in atmosfera dal suolo (noti nel complesso come flussi di carbonio), riportate dai Paesi nei propri inventari e prodotte dalla comunità internazionale degli esperti di modellistica. Come evidenziato nello studio, le stime da essi riportate sono diverse, essenzialmente perché utilizzano diversi approcci per definire che cosa siano i flussi antropogenici, attribuibili cioè alle diverse attività umane. In altre parole, le ragioni di questa discrepanza risiedono nel diverso modo di stimare quale parte di un sink forestale di carbonio sia effettivamente antropogenico. Avendo diverse finalità e obiettivi, la comunità scientifica internazionale (che con il suo lavoro supporta i rapporti di valutazione dellIPCC) e le linee guida IPCC per la realizzazione degli inventari dei gas serra (utilizzate dai governi per la propria contabilizzazione delle emissioni) hanno sviluppato diversi approcci per distinguere cosa sia antropogenico, cioè prodotto dalle attività umane, da ciò che non lo è, in relazione alle fonti di rilascio e assorbimento dei gas serra terrestri. Entrambi gli approcci sono validi nei propri ambiti specifici, ma non sono confrontabili. A livello globale, quindi, lo studio ha evidenziato come l80% di questa differenza risieda nelle diverse stime dei sink antropogenici forestali, sia nei Paesi sviluppati che nei Paesi in via di sviluppo. In particolare, gli inventari nazionali dei gas serra spesso includono le stime di ampie aree forestali gestite e gli impatti degli effetti indiretti (i cambiamenti ambientali, come lazione fertilizzante della CO2, i depositi di azoto e i cambiamenti climatici). I modelli globali, invece, stimano i flussi di carbonio antropogenici tenendo in considerazione pochissime attività di gestione, tipicamente su aree forestali gestite più piccole, mentre includono la maggior parte degli effetti indiretti sulle foreste nella cosiddetta risposta residuale del suolo (di natura non antropogenica). Questo divario, suggeriscono gli autori, può essere in buona parte colmato se gli impatti dei cambiamenti ambientali (effetti indiretti) sulle terre gestite (figura 5 del paper di Nature Climate Change) sono sommati agli effetti diretti valutati da AR5. Il gap è ulteriormente recuperato se si tiene conto anche delle differenze di area delle terre gestite tra gli inventari nazionali e i modelli globali. Per realizzare un inventario globale dei gas serra il più possibile solido e affidabile, lo studio fornisce infine alcune raccomandazioni concrete. I Paesi dovrebbero fornire informazioni più trasparenti e complete su ciò che è incluso nei loro inventari (per esempio mappe, aree coltivate e cicli di coltivazione, età delle foreste e se e in caso affermativo, come gli effetti indiretti e naturali siano inclusi). Dal canto suo, la comunità scientifica internazionale degli esperti di modellistica dovrebbe ideare modelli, esperimenti e prodotti in modo da aumentare la loro confrontabilità con gli inventari nazionali, così da diventare strumenti sempre più importanti a livello politico. Il team di autori è guidato dal ricercatore Giacomo Grassi Joint Research Centre, European Commission, Ispra, Italy. Per ulteriori informazioni, leggi la versione integrale dellarticolo: Grassi G., et al. (2018) Reconciling global model estimates and country reporting of anthropogenic forest CO2 sinks, Nature Climate Change, doi:10.1038/s41558-018-0283-x Il post pubblicato su Carbon Brief:: Guest post: Credible tracking of land-use emissions under the Paris Agreement e larticolo: Tracking land-based CO2 emissions under the Paris Agreement(in lingua inglese).

Crescita, clima, sostenibilità: Romer, Nordhaus e il Premio Nobel che guarda al futuro - CMCC cmcc.it - Pubblicato 2018.10.11

Le intuizioni, la scienza e la visionarietà dei due economisti e come siano alla base di parte della ricerca CMCC, nelle parole di Carlo Carraro, Valentina Bosetti e Massimo Tavoni. Il Nobel allEconomia 2018 è stato assegnato a due studiosi statunitensi che hanno trovato il modo di integrare innovazione e sostenibilità nei modelli macroeconomici tradizionali. Gli scienziati del CMCC la cui ricerca si inserisce nel solco tracciato da Nordhaus e Romer spiegano perché questo Nobel è così importante. Paul Romer, professore di economia alla Stern School of Business di New York, ha creato nuovi strumenti per capire come il cambiamento tecnologico a lungo termine è determinato in uneconomia di mercato, si legge nel lungo documento che illustra la motivazione del premio conferito dallAccademia svedese. William Nordhaus, delluniversità di Yale, ha aperto la strada a un quadro per comprendere come leconomia e il clima del nostro pianeta siano reciprocamente dipendenti luno dallaltro. Entrambi hanno contribuito in modo rilevante e con una rottura rispetto agli schemi di analisi e alle teorie precendenti, proponendo un modo nuovo di leggere e interpretare la realtà, spiega Carlo Carraro, membro del Comitato Strategico della Fondazione CMCC. Romer ha messo in luce come i principali driver della crescita economica siano la conoscenza, la qualità del capitale umano e linnovazione tecnologica, discostandosi quindi dallapproccio tradizionale in cui i motori della crescita sono il capitale fisico, il lavoro, le risorse naturali. Ha letto con grande anticipo il ruolo fondamentale della conoscenza, che abbiamo visto dispiegarsi dagli anni 2000 in poi. Anche Nordhaus ha inserito una variabile nuova nei modelli di crescita, la variabile ambientale e climatica. Ha dimostrato che tenendo conto di questa variabile le prospettive di crescita possono essere molto diverse da quelle tradizionalmente pensate dagli economisti. A partire dalle analisi di Romer e dai modelli DICE/RICE creati da Nordhaus nei primi anni 90, diversi sono stati i tentativi di cogliere e sviluppare le intuizioni dei due studiosi. Il modello WITCH viene menzionato dal Comitato per il Nobel come esempio illustre di questi sforzi. Carlo Carraro, Massimo Tavoni (Direttore del nuovo European Institute on Economics and the Environment, EIEE, nato dalla partnership tra Fondazione CMCC e il think tank statunitense Resources for the Future), e Valentina Bosetti (senior scientist EIEE) hanno guidato il lavoro di ricerca che ha portato alla creazione di WITCH. Il nostro modello è stato il primo e uno dei pochissimi in grado di mettere insieme le idee proposte nelle analisi di Romer, ovvero la crescita endogena generata da innovazione e capitale umano, e nei modelli di Nordhaus, integrando le esternalità climatiche, spiega Carraro. WITCH è stato di fatto uno spin off dei modelli sviluppati da Nordhaus. Il classico caso della ricerca che poggia sulle spalle dei giganti, commenta Tavoni. Il bello del suo lavoro è che è sempre stato pubblicamente disponibile, apposta per essere usato, criticato e modificato. Un grande esperimento di trasparenza della scienza ante litteram. Oltre a essere un riconoscimento a due grandi scienziati, questo Nobel è unode al potenziale della macroeconomia di poter ancora contribuire ad affrontare i problemi di oggi e di domani, commenta Bosetti. Benchè la scienza macroeconomica sia stata spesso criticata, anche da Romer stesso, per essere autoreferenziale ed astratta, questo premio è un invito a reinterpretarla per applicarla al mondo reale. Secondo Tavoni, il premio assegnato a Nordhaus e Romer dimostra finalmente come leconomia, la salute del pianeta e la sostenibilità siano elementi molto legati luno allaltro, che non possono essere guardati in isolamento. Una visione che non è ancora pienamente considerata nei testi di economia e nelle teorie economiche tradizionali. Lapproccio di Nordhaus e Romer non è lunico, spiega Bosetti, ma fa parte di quella diversità necessaria per rispondere a domande sul futuro che sono complesse e che necessitano di tanti strumenti per essere esplorate. Diversamente dai modelli macroeconomici più ortodossi, Nordhaus e Romer hanno creato degli strumenti che riescono ad avvicinare approcci e discipline diversi, permettendo agli economisti di dialogare e collaborare con ingegneri, fisici dellatmosfera e scienziati ambientali. Il Nobel per le scienze economiche è stato annunciato lo stesso giorno in cui è uscito latteso rapporto dellIPCC Global Warming of 1.5°C, in cui lorganismo delle Nazioni Unite sottolinea lestrema urgenza di agire decisamente per ridurre le emissioni e limitare gli impatti dei cambiamenti climatici. Il rapporto è un importante messaggio sui pericoli che ci troviamo ad affrontare e su quello che deve essere fatto, ha dichiarato Nordhaus. Le politiche attuali sono molto indietro rispetto a quello che la scienza indica come la strada necessaria da percorrere. Ci sono stati molti progressi dal punto di vista della consapevolezza del problema da parte dellopinione pubblica, e in questo momento i governi stanno rimanendo indietro anche rispetto alla società. In una conferenza stampa a seguito dellannuncio del premio, Romer ha espresso una visione più ottimista. È del tutto fattibile che gli esseri umani producano meno carbonio. Ci saranno dei compromessi, ma una volta che cominceremo a ridurre le emissioni saremo sorpresi di come sia più facile di quanto ci aspettassimo.

INFOGRAFICA: Riscaldamento globale di 1.5°C - CMCC cmcc.it - Pubblicato 2018.10.08

Le implicazioni di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, a che punto siamo ora e quanta differenza può fare mezzo grado. dalla Fondazione CMCC uninfografica ispirata da IPCC Special Report on Global Warming of 1.5°C. Guarda linfografica (PDF 4,1 MB)

Governi approvano la Sintesi per Decisori Politici dell'IPCC Special Report on Global Warming of 1.5°C - CMCC cmcc.it - Pubblicato 2018.10.07

I materiali a disposizione sul sito del Focal Point IPCC per lItalia La cartella stampa della presentazione Infografica sul Report a cura del CMCC Governi approvano la Sintesi per Decisori Politici dellIPCC Special Report on Global Warming of 1.5°C Fonte: IPCC - http://www.ipcc.ch/report/sr15/ I materiali a disposizione sul sito del Focal Point IPCC per lItalia La cartella stampa della presentazione Infografica sul Report a cura del CMCC

Il Festival per la Terra torna a Venezia il 3-4 dicembre 2018 - CMCC cmcc.it - Pubblicato 2018.10.04

Fondazione Principe Alberto II di Monaco, Comitato intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC) dellOnu, Fondazione CMCC Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), Museo oceanografico di Monaco e Orto botanico di Padova sono i partner della 3a edizione del Festival, co-prodotto da MRB Art e Università Ca Foscari Venezia. SAS il Principe Alberto II di Monaco e il Vice-presidente dellIPCC Youba Sokona terranno I discorsi di apertura. Il noto climatologo Nigel Tapper contribuirà come keynote speaker alledizione 2018 del Festival. Il progetto vincitore del Best Climate Solutions Award 2018 sarà premiato alla cena di gala del Festival. National Geographic, Radio Monte Carlo, ANSA e LifeGate media partner 2018. Monaco, 04 ottobre 2018 Il Festival per la Terra/Festival for the Earth torna nella laguna più famosa del mondo per la sua edizione 2018, con una vasta gamma di conferenze, workshop, incontri con artisti ed eventi che si terranno in diverse località a Venezia e dintorni il 3 e 4 dicembre prossimi. Alla sua terza edizione il Festival programmerà eventi anche presso il prestigioso Orto Botanico di Padova, uno dei più antichi e suggestivi del mondo: nellAuditorium saranno ospitate proiezioni cinematografiche e discussioni. Ancora una volta, i relatori del Festival saranno eccellenze del mondo accademico e professionale (vincitori di premi Nobel, Pulitzer e Goldman), ma anche membri di influenti organizzazioni internazionali. Siamo onorati di annunciare che il Principe Alberto II di Monaco e Mr. Youba Sokona, Vice-presidente del Comitato intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC) dellONU, terranno i discorsi di apertura del Festival, seguiti tra gli altri dal climatologo di fama mondiale Nigel Tapper, che ha contribuito allo studio dellIPCC che ha portato alla consegna del Premio Nobel per la pace ad Al Gore e allIPCC, dal Premio Pulitzer Daniel Fagin e dal Premio Goldman Rossano Ercolini. La Fondazione CMCC è partner dellevento, e il Prof. Carlo Carraro fa parte dellAdvisory Board. Per informazioni dettagliate sui partner e i media partner dellevento, scarica qui il comunicato stampa ufficiale del Festival for the Earth (pdf). Mission Grazie ai suoi nuovi partner strategici, il Festival per la Terra conta di realizzare la sua missione e i suoi molti obiettivi intesi a: diffondere il messaggio che il cambiamento climatico è UNA ENORME OPPORTUNITÀ DI BUSINESS per il futuro di tutti accelerare la TRANSIZIONE DALLA TEORIA ALLA PRATICA, promuovendo e facilitando le opportunità di network tra le persone che stanno facendo la differenza, fornendo un ambiente favorevole ad accelerare le iniziative a favore del clima; collegando università (THINKERS), aziende innovative (IMPRENDITORI) e il pubblico in generale (CITTADINI / CONSUMATORI) in un triangolo ideale, facilitando lo sviluppo di grandi incubatori di start-up contribuire allo sviluppo di una CULTURA AMBIENTALE nelle generazioni future, diffondendo messaggi positivi e costruttivi al grande pubblico, informando e formando le persone sulle opportunità aperte dallemergenza ambientale. Festival for the Earth ha firmato a questo scopo molte partnership con scuole e università per far partecipare gli studenti alle sessioni del Festival. sviluppare NUOVE IDEE DI BUSINESS IN TUTTO IL MONDO. Il Festival promuove soluzioni vincenti provenienti dal prestigioso Best Climate Solutions Award, lanciato nellaprile 2018 e co-sponsorizzato dal Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici e dal Festival per la Terra, con particolare attenzione a Comunicare minacce e opportunità per il cambiamento climatico. Lautore del progetto vincitore presenterà la sua proposta durante un evento di gala di alto profilo a cui saranno presenti premi Nobel, Pulitzer e Goldman (relatori del Festival), e riceverà un premio di diverse migliaia di euro. Il Festival per la Terra Il Festival per la Terra è un incontro internazionale di due giorni volto a proporre a un pubblico più vasto possibilità di trasformazioni, riflessioni e modalità alternative per riformulare le questioni ambientali. Laccesso alla conoscenza e i flussi di informazioni sono molto importanti in quanto le attuali emergenze ambientali sollecitano un cambiamento radicale di prospettiva e pratiche. A tal fine il Festival per la Terra è stato concepito dallartista e ideatrice Maria Rebecca Ballestra, come un progetto artistico per la trasformazione sociale che mira a istigare la creatività diretta a processi di trasformazione positivi nella scienza, nelle discipline umanistiche, nelleconomia, nellecologia e nellarte. La sede della conferenza si alterna tra Venezia e il Principato di Monaco, due città già legate da forti legami storici, due luoghi simbolici in cui il rapporto tra acqua e terra (caratterizzato dalla sua scarsità) ha modellato le menti dei loro cittadini e la loro storia. A dicembre 2018 la terza edizione del Festival tornerà a Venezia e sarà ospitata nelle prestigiose sedi dellUniversità Ca Foscari, dellAteneo Veneto, del Museo di Storia Naturale di Venezia e dellOrto Botanico di Padova. Per maggiori informazioni:www.festivalfortheearth.com twitter: @Ffortheearth istagram: ffortheearth facebook: Festivalfortheearth

Informat Paper News - edizioniambiente.it

Una nuova materia rinnovabile | Edizioniambiente edizioniambiente.it - Pubblicato 2018.05.23

Guardare all’economia circolare, alla bioeconomia e in generale a un modello di sviluppo a prova di futuro e rispettoso dei confini planetari e sociali, richiede uno sguardo di scala globale, allenato alla complessità, attento alle differenze e necessariamente acuto. Materia Rinnovabile ha quest’obiettivo connaturato nella sua indole: fornire un punto di

Le parole della nuova mobilità | Edizioniambiente edizioniambiente.it - Pubblicato 2018.05.23

Elettrica, connessa, condivisa e multimodale: è con queste parole che Andrea Poggio, curatore del volume Green Mobility, racconta la nuova mobilità che, seppur lentamente, sta trasformando il panorama dei trasporti anche nel nostro paese. Intrecciando tematiche internazionali dagli scenari di decarbonizzazione post-Parigi al Dieselgate analisi di dettaglio dagli ecoquartieri alle micro-reti di ricarica Green Mobility fa chiarezza sullo stato presente e sulle prospettive future del tema della mobilità. Uno dei temi centrali del libro è che lautomobile è solo uno degli elementi della rivoluzione della mobilità. Puoi spiegarci quali sono le caratteristiche della Green Mobility, quella trasformazione sistemica che dà il titolo al libro?(;;;;;;;; I cambiamenti in corso nella mobilità sono sia tecnologici sia di sistema. Cambiano le abitudini quotidiane, gli stili di mobilità e gli stili di vita. I mezzi di trasporto, tutti, dalla bicicletta allautobus, non cambiano solo motore, diventando sempre più elettrici, ma sono anche connessi e condivisi. Il viaggio, lo stesso viaggio, ancorché ricorso e quotidiano, non si avvale più di un solo mezzo: bici + treno, metro + car sharing, auto + nave, bus + aereo, auto + monopattino, bici pieghevole col bus e il bike sharing con una infinità di altre declinazioni possibili. Si condividono i viaggi e i nuovi abbonamenti e biglietti integrati permettono luso di diversi mezzi di trasporto pubblico. Grazie alle applicazioni si condividono mezzi di trasporto e viaggi. La mobilità diviene col tempo sempre meno proprietaria, perché quella proprietaria è spesso più scomoda e costosa. Quale può essere il ruolo delle politiche urbanistiche nellambito della Green Mobility?(;;;;;;;; Nel volume lo esemplificano bene urbanisti visionari, archistar come Carlo Ratti e Stefano Boeri. Maria Berrini introduce, a partire dalla sua esperienza allAgenzia mobilità e territorio al Comune di Milano, il concetto di spazio pubblico urbano come 'bene comune', da amministrare per rendere le città prosperose, pensando a tutte le attività che si svolgono in città e non solo a quelle che servono a movimentare persone e cose. E tantomeno non solo alle auto parcheggiate o in transito. I nuovi Piani urbani per la mobilità sostenibile non ridisegnano solo la mobilità, ma anche le vie, le strade e le piazze urbane: utili al movimento, ma anche belle, attrattive, usate per il mercato, mangiare e bere, la relazione, lo scambio e poi ancora il gioco, il verde contro la calura estiva, permeabili alle acque piovane per difendersi dai cambiamenti climatici. Secondo una ricerca recente, in Norvegia il budget destinato alla pubblicità delle auto elettriche è circa il 35% di quello complessivo. In Italia fatica invece ad arrivare all1%, cè quindi parecchio spazio di crescita. Ci sono a tuo avviso segnali di un cambiamento nelle strategie di comunicazione e vendita dei veicoli elettrici, anche in relazione agli investimenti colossali che i grandi player stanno effettuando nella mobilità sostenibile?(;;;;;;;; La Norvegia è il paese al mondo che più penalizza lauto termica e premia quella elettrica: chi vuole una Golf diesel paga 30% del valore in tasse allacquisto, chi una elettrica non paga lIva. E poi il gasolio è tassato più che in Italia, mentre lelettricità per la ricarica è spesso gratis, come il parcheggio e i pedaggi. Poi viene la comunicazione. La rivoluzione elettrica in Norvegia si sta facendo con un forte incremento della motorizzazione. Ma noi in Italia, come abbiamo spiegato nel libro anche con chiare infografiche, siamo un paesi più densamente popolati, con molte città e paesi di impronta ottocentesca, con il tasso di motorizzazione più alto al mondo: abbiamo più motori che patenti di guida. Puoi illustrare la proposta di Legambiente sullincremento della tassa di possesso dei veicoli? E ci sono a tuo avviso altri strumenti fiscali che possono agevolare la transizione alla Green Mobility?(;;;;;;;; Prima di tutto eliminare le agevolazioni, gli sconti sulle accise, i bonus fiscali sul gasolio e i diesel. Il Ministero dellambiente italiano ci informa che valgono 14 miliardi di euro allanno. Poi far pagare il bollo per auto e (soprattutto) furgoni quanto si paga loccupazione suolo pubblico per le bancarelle e i tavoli dei bar (un ordine di grandezza di più). Come si può ben capire si liberano risorse enormi per sostenere non solo lacquisto di auto elettriche, ma soprattutto veicoli in condivisione e mezzi pubblici, flotte di servizio e consegne elettrici e puliti. Serve anche attenzione alla micromobilità elettrica: dal monoruota alle e-bike, dallo scooter alla carrozzella. In Europa, secondo mercato al mondo per lauto elettrica, con 200 auto full electric vendute nel 2017, sono stati acquistati tre milioni di e-bike e moto elettriche. In Cina, ormai primo mercato al mondo con 300.000 auto, ben 30 milioni di bici e moto elettriche (il motore 2 tempi è ormai vietato dalle norme antinquinamento) e si sono prodotti ben 120.000 autobus elettrici. Non è detto che la trazione elettrica premi lauto e tantomeno quella di proprietà.

Buono, pulito... e circolare | Edizioniambiente edizioniambiente.it - Pubblicato 2018.05.23

Lincontro tra il settore del food e i principi delleconomia circolare era inevitabile. Da un lato, cè infatti un sistema industriale che impatta in maniera massiccia sui sistemi naturali e sociali. Dallaltro, un modo di pensare e operare che recupera saperi antichi e che può contribuire a rendere più sostenibile quello stesso sistema. Circular Economy for Food, scritto da Franco Fassio e Nadia Tecco, è il primo libro che analizza da un punto di vista teorico questo incontro, presentando una serie di casi studio di aziende che hanno inserito nei loro processi produttivi i concetti della circular economy. I primi quattro capitoli del libro sono dedicati alla ricostruzione del passaggio dalleconomia lineare a quella circolare, con unattenzione specifica al settore food. Potreste indicare i momenti e le caratteristiche fondamentali di questo percorso? E come si proietta questa conversione sullo sfondo dei Planetary Boundaries e dei SDGs?(;;;;;;; Partiamo dai limiti e dalle contraddizioni del modello di economia lineare che, nel sistema di produzione e consumo alimentare, si stanno trasformando giorno dopo giorno in una vera e propria emergenza planetaria, con impatti negativi sullo stato di salute dei sistemi naturali e sociali. Progressivamente ci muoviamo verso la circolarità, ricostruendo quelli che sono i suoi fondamentali. Riscopriamo così che il cerchio ci appartiene e ci caratterizza come essere viventi e che la prospettiva del cibo rappresenta un punto di partenza imprescindibile per entrare nel vivo di quei principi (quali linterdipendenza, lautoregolazione, la ciclicità, la simbiosi) che hanno ispirato la proposta della circolarità come nuovo paradigma di sviluppo. Un modello che si muove dalla consapevolezza del senso del nostro limite e di quelli planetari, rendendo evidente quanto sia rischioso per lintero sistema oltrepassarne le soglie. Basti pensare alle conseguenze negative dovute al cambiamento climatico, alla perdita di agro-biodiversità, allalterazione del ciclo dellazoto e del fosforo, al cambiamento dellutilizzo del suolo. Un modello, che cogliendo la sfida e al contempo le potenzialità del cibo e delle sue valenze culturali e di fatto, può tuttavia trovare nel sistema alimentare, se opportunatamente orientato, un prezioso alleato per aspirare al raggiungimento di molti, se non alla totalità, degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs). Nel libro presentate 40 case study dedicati a 37 aziende che hanno deciso di abbracciare i principi della circolarità nei loro processi produttivi. Ci sono elementi comuni tra le varie realtà?(;;;;;;; Due sono i principali elementi che si ritrovano nelle diverse esperienze di circolarità presentate nel libro. Innanzitutto, il tentativo di eliminare ciò che erroneamente viene considerato rifiuto o di scarso valore nella filiera alimentare per trasformarlo in una nuova risorsa per un altro ciclo produttivo o di consumo, sempre connesso al cibo o ad altri comparti (farmaceutico, tessile, edile, energetico, cartiero, cosmesi, arredamento, biotecnologico). È tuttavia anche interessante osservare come alcune aziende abbiano iniziato a riprogettare i flussi di materia ed energia, inserendo nei propri processi risorse, che oltre a essere funzionali al prodotto/servizio commercializzato, possano essere utilizzate più volte e/o da più persone, o ancora essere re-immesse in circolo più facilmente. Si parla in questo caso della scelta di utilizzare risorse circolari in quanto riutilizzabili infinitamente come il vetro e lacciaio per il packaging, di privilegiare risorse materiali ed energetiche rinnovabili, di mantenere la purezza della risorsa nei diversi passaggi della catena del valore optando per la mono-materialità e lassenza di contaminazioni o adottando nuove tecnologie per favorire le operazioni di disassemblaggio e recupero, di agevolare la diffusione di pratiche di condivisione. E quali sono, se ce ne sono, i risultati concreti che sono stati ottenuti in termini di riduzione dei rifiuti, efficientamento dei processi, rapporto con i clienti?(;;;;;;; I risultati ci sono e li possiamo individuare su più fronti. È possibile osservare in maniera evidente come ladozione dei principi della circolarità si concretizzi, nelle singole esperienze, in una riduzione del quantitativo di materia prima vergine utilizzata nei processi produttivi e del relativo costo in termini di estrazione. A valle, sottoprodotti e materie prime secondarie hanno saputo trovare una nuova destinazione duso, mantenendo lidentità di risorse, conservando o addirittura acquisendo un nuovo valore ambientale ed economico in e per più cicli. Questo si traduce a sua volta in unottimizzazione dellefficienza dei processi produttivi e nella riduzione del loro impatto in termini di risparmio nei consumi energetici, nei quantitativi di emissioni inquinanti prodotte, nel miglioramento della qualità dei servizi eco-sistemici. In alcuni casi poi, emergono con forza, e si integrano ai precedenti, risultati anche sul piano sociale. Sono nate nuove relazioni di simbiosi industriale, le ricadute delle azioni favoriscono nuove opportunità di sviluppo locale, cresce il senso di responsabilità condivisa. Si osserva inoltre unevoluzione del concetto di qualità di prodotto, che si estende nel tempo e si allarga allintera catena produttiva, contribuendo alla ridefinizione del rapporto tra consumatore e produttore, versi un nuovo paradigma per la costruzione di relazioni ambientali, economiche e sociali maggiormente integrate. La civiltà contadina puntava anche ad azzerare la quantità di rifiuti prodotti, in un sistema ciclico che si inseriva nei tempi della natura e si basava sulle peculiarità del contesto. In questo, sembra molto simile alla moderna visione delleconomia circolare. È in effetti così? E la moderna economia circolare può in qualche modo trarre ispirazione da quell'antica saggezza?(;;;;;;; La saggezza in chiave rigenerativa rappresenta il punto di continuità tra le regole delleconomia domestica della civiltà contadina e i principi di gestione dellambiente, la nostra casa allargata ai tempi delleconomia circolare. Non dobbiamo però dimenticare come per ricombinare un avanzo nel pasto del giorno dopo, nel trovare una nuova funzione a un attrezzo dismesso o come per trasformare uno scarto in una risorsa per un nuovo ciclo produttivo, oltre alla saggezza, la civiltà contadina sia stata capace di dosare ingredienti quali creatività, impegno collettivo, condivisione del saper fare, rispetto dei ritmi naturali, conoscenza dei contesti produttivi. Elementi che se uniti a una sapiente concezione di scarsità, adattandola in chiave attuale, consentiranno di elaborare quelle nuove progettualità necessarie a ritardare e a limitare limmissione di rifiuti nellambiente.

Serve un "Ministero per la transizione ecologica e solidale", come in Francia. Adesso | Edizioniambiente edizioniambiente.it - Pubblicato 2018.05.23

Chi sta preparando il nuovo governo farebbe bene a dare alta priorità alle due maggiori urgenze che ci minacciano e che sono due facce della stessa medaglia: laccelerazione della crescita delle disuguaglianze e la distruzione ambientale. Preoccupa che questo tema perché, insisto, di un stesso tema si tratta non sia neppure evocato tra i primi punti programmatici dei principali partiti e soprattutto che sia assente dalle trattative per quello che si autodefinisce "il governo del cambiamento". Il cambiamento più urgente e improrogabile è, come scrive papa Francesco nella Laudato si "una certa decrescita in alcune parti del mondo, procurando risorse perché si possa crescere in modo sano in altre parti". Infatti, "il ritmo di consumo, spreco e alterazione dellambiente ha superato le possibilità del pianeta, in maniera tale che lo stile di vita attuale, essendo insostenibile, può sfociare solamente in catastrofi, come di fatto sta avvenendo in diverse regioni.(Lattenuazione degli effetti dellattuale squilibrio conclude Francesco dipende da ciò che facciamo ora" (entrambe le citazioni sono tratte dal punto 193 dellenciclica). Ciò che facciamo ora, già. È proprio ora, in questi giorni, che qui in Italia "il governo del cambiamento" può dimostrare di essere allaltezza del suo slogan fondativo. Come? Con un Ministero della transizione ecologica e solidale come in Francia. Il presidente Macron ne ha fatto uno dei due Ministeri più importanti, i due soli diretti da un Ministre dÉtat (una sorta di vice primo ministro). Laltro Ministre dÉtat è quello dellInterno. Questo indica che, proprio in un Paese martoriato dal terrorismo, lemergenza socioecologica (nazionale e mondiale) è considerata altrettanto importante dellemergenza securitaria. Sarebbe importante, perciò, se anche in Italia si facesse dellassegnazione di questo nuovo ministero una priorità nelle trattative di governo e se si arrivasse alla nomina di un ministro con ampi poteri, scegliendo una persona di alto profilo che abbia competenza e riconoscimento internazionali sul tema della transizione ecologica e solidale. Oltralpe, Macron è riuscito in quello che avevano tentato invano ben tre altri presidenti: ha convinto a diventar ministro Nicola Hulot, il più rispettato ecologista francese, quel monsieur Environnement (il signor Ambiente) che in Francia più incarna il legame tra ecologia e giustizia sociale. Forse Hulot riuscirà a cambiare di poco il corso di cose che hanno uninerzia enorme, eppure, egli ha già un grande merito: aver abbinato alla parola 'ecologia' laggettivo 'solidale': Ministero della transizione ecologica e solidale. La Presidenza e il Governo francesi hanno così affermato al massimo livello istituzionale il concetto che la ingiustizia sociale e la degradazione ambientale sono due facce della stessa medaglia. Gli uni (persone e nazioni) degradano lambiente perché sono troppo poveri per potersene prendere cura. Gli altri (persone e nazioni) degradano lambiente perché sono troppo ricchi per ridurre i loro insostenibili consumi. È impensabile di risolvere la questione socio-ambientale senza mettere mano a entrambi questi eccessi. Studi scientifici, rapporti e libri (per esempio 'Social-écologie', di Eloi Laurent) documentano e affermano questo legame. Eppure, quasi nessun Governo ne sta tenendo conto. Sarà capace di farlo il prossimo "governo del cambiamento"? Secondo unipotesi formulata molto prima della crisi ambientale e della globalizzazione, lhomo oeconomicus sarebbe mosso più dal proprio interesse che dalla solidarietà per gli altri. Anche per lhomo oeconomicus più incallito, però, ridurre oggi gli eccessi non solo della povertà ma anche della ricchezza è diventato necessario, se egli vuole preservare il proprio benessere da crisi economiche, ecologiche e politiche. Non solo il Papa, infatti, ma anche lOcse, il Fondo monetario internazionale, la Banca mondiale e le agenzie dellOnu per il commercio, per lo sviluppo e per lambiente, ammoniscono che la continua crescita delle disuguaglianze nelle nazioni e nel mondo è una delle maggiori minacce per lintegrità ecologica, il progresso socioeconomico, la stabilità politica e la democrazia. Basti pensare ai molteplici legami che ci sono tra il nostro consumo di combustibili fossili (carbone, petrolio, gas), lo sconvolgimento del clima, le siccità e le inondazioni, e le decine (forse presto centinaia) di milioni di profughi climatici. Molti di costoro approdano sulle nostre coste. Ma non basteranno cannoniere, muri e filo spinato per risolvere il problema. Dobbiamo noi stessi smettere di essere il problema, come scrive Francesco: "Il dramma di una politica focalizzata sui risultati immediati, sostenuta anche da popolazioni consumiste, rende necessario produrre crescita a breve termine.(Rispondendo a interessi elettorali, i governi non si azzardano a irritare la popolazione con misure che possano intaccare il livello di consumo o mettere a rischio investimenti esteri" (Ls 178.). Ma dobbiamo convincerci che rallentare un determinato ritmo di produzione e di consumo può dare luogo a unaltra modalità di progresso e di sviluppo» (Ls 191). In Italia, sulla carta, cè unoccasione utile. I due partiti che preparano 'il governo del cambiamento' saranno allaltezza? Uno, il M5s, ha radici ecologiche ventennali e ha voluto fondarsi proprio il 4 ottobre, giorno di san Francesco dAssisi, perché si dice 'francescano'. Laltro, la Lega, è il più votato partito al mondo tra quelli che hanno il 'verde' come simbolo. Che cosa aspettano? Pubblicato su "Avvenire", 15 maggio 2018

Suolo grigio cemento | Edizioniambiente edizioniambiente.it - Pubblicato 2018.01.05

Frutto di un convegno organizzato a Roma da Fondazione Lelio e Lisli Basso e da Fondazione Responsabilità Etica, Grandi opere contro democrazia analizza da diverse angolazioni il tema del consumo di suolo per opera di una strategia predatoria che ci sta letteralmente togliendo la terra da sotto i piedi. Abbiamo chiesto a Roberto Cuda, curatore del volume, di fare il punto su una questione che viene spesso drammaticamente sottostimata. Cominciamo dal titolo, grandi opere vs democrazia: davvero le grandi opere in Europa e nel mondo sono in conflitto con la democrazia?(In gran parte è così, a meno che non seguano percorsi pubblici e trasparenti lungo tutto il processo decisionale, cosa che accade raramente. Il risultato è la creazione di meccanismi poco trasparenti e luoghi informali dove si prendono le vere decisioni, presieduti da costruttori, banche ed esponenti politici. Tutto al riparo da un reale controllo democratico. Decisori che operano in regime di monopolio, rendite colossali, scarsa trasparenza dei processi decisionali ed elevata discrezionalità dei processi di selezione, anche per via di condizioni di (spesso presunta) emergenza, indebolimento dei meccanismi sanzionatori e di controllo: secondo la letteratura scientifica, sono questi i fattori che segnalano elevati rischi di corruzione. Nelle grandi opere italiane sembrano esserci tutti. È così?(Sì. Aggiungerei tre elementi. Il primo riguarda i conflitti di interesse. In Italia ci sono banche che fanno i concessionari (e li finanziano), concessionari che fanno i costruttori e politici che stanno nei consigli di amministrazione dei concessionari. Il caso di BreBeMi è esemplare. Il secondo è il modo opaco con il quale viene finanziata la politica. I due terzi dei finanziamenti privati della politica provengono dal mondo delle costruzioni, ma le erogazioni non sono affatto trasparenti, senza contare i numerosi casi di corruzione vera e propria. Infine non si fanno valutazioni costi-benefici indipendenti, trasparenti e comparative, che sono fondamentali per valutare lutilità e limpatto complessivo di unopera, anche sul piano ambientale. A che punto è il nuovo corso del ministro Delrio? Ci sono stati scarti rispetto alla linea delineata con la famigerata Legge Obiettivo del 2001, e ribadita negli anni dai vari decreti Salva Italia, Cresci Italia, Sviluppo, Sviluppo 2, Del Fare, Destinazione Italia e Sblocca Italia?(Aspettiamo di vedere la versione definitiva del Codice Appalti, con tutta la normativa attuativa. E soprattutto aspettiamo il nuovo Documento pluriennale di programmazione, atteso a breve, che dovrebbe integrare tutti gli interventi infrastrutturali: li si capirà molto di più del cosiddetto nuovo corso. Sicuramente cè stata una svolta nella politica infrastrutturale del paese, se non altro si è deciso di fare programmazione, un aspetto che mancava da troppo tempo con i risultati che vediamo. Detto questo, siamo piuttosto lontani da quelle opere utili, snelle e condivise di cui parla il ministro. Come spieghiamo nel libro con dati e numeri, sono state eliminate opere assurde come la Orte-Mestre ma ne restano in piedi altre come la Campogalliano-Sassuolo, la Pedemontana Lombarda, lAlta velocità Milano-Genova e altre. Il problema è che molte opere rientrano nella vecchia legislazione (la legge Obiettivo) e parliamo di circa 150 miliardi, ovvero quelle che hanno avuto un iter presso il Cipe e tra le quali potrebbe pescare il nuovo Documento. È un problema, perché si tratta di infrastrutture passate in assenza di programmazione e di valutazioni indipendenti. Hai dedicato Anatomia di una grande opera alla BreBeMi. Il libro è stato pubblicato nel 2015: a distanza di quasi 3 anni, a che punto sta lAutostrada Brescia-Bergamo-Milano? A oggi il traffico è ancora inferiore alla metà delle previsioni più prudenti, quelle del Piano finanziario 2014, nonostante il proliferare di sconti e agevolazioni di tutti i tipi. In tre anni ha accumulato perdite per 153 milioni e, a detta della stessa azienda, non si arriverà al pareggio prima del 2019. Solo gli oneri sul debito di 1,8 miliardi si aggirano sui 90 milioni allanno. Senza il contributo pubblico di 320 milioni il piano finanziario dellinfrastruttura difficilmente starebbe in piedi. Si parla spesso di decommissioning degli impianti nucleari. Si parla invece poco del dopo-Grandi Opere: cosa rimane di una Grande Opera? Ci sono casi virtuosi?(Dipende da quale punto di vista. Ci sono certamente opere che si sono dimostrate utili e finanziariamente sostenibili. Poi bisognerebbe vedere se, considerando il bilancio ambientale complessivo e le possibili alternative, si arriverebbe a una valutazione ugualmente positiva. Per questo è decisivo fare analisi costi-benefici complete, trasparenti e indipendenti. Nel caso delle nuove autostrade avremo in gran parte nastri dasfalto poco utili, che sigilleranno per sempre terreni fertili e che rischiano di pesare sulle spalle dei contribuenti per decenni. Ma anche sullAlta velocità non cè molto da stare allegri, soprattutto su alcune tratte, come la Milano-Torino-Lione, che pesano ancora di più sulla collettività.

Le novità della collana normativa | Edizioniambiente edizioniambiente.it - Pubblicato 2018.01.05

La collana normativa di Edizioni Ambiente si è arricchita nellautunno 2017 delledizione aggiornata di Gestire i rifiuti tra legge e tecnica a cura di Paola Ficco. Gestire i rifiuti tra legge e tecnica è un freebook, cioè un libro in formato digitale, scaricabile gratuitamente dal sito Freebookambiente.it, nel network di Edizioni Ambiente. È leggibile su qualsiasi supporto: computer, tablet, smartphone. LOpera giunta alla sua quinta edizione, è un manuale teorico pratico sulla gestione dei rifiuti che non diverrà vecchio già domani, ma che rimarrà vivo e aggiornato nel corso del tempo, poiché a mano a mano che usciranno novità legislative sullargomento verrà tempestivamente aggiornato. Gli oltre 22.000 download dimostrano che lOpera è diventata un vero e proprio punto di riferimento per il settore della gestione dei rifiuti. Il volume è suddiviso in una parte generale che detta le regole fondamentali per la gestione dei rifiuti (dalla definizione di rifiuto, a quella di produttore; dalla tracciabilità, alla classificazione; dal deposito temporaneo ad Aia/Via e Aua; dai reati ambientali, alla responsabilità ex Dlgs 231/2001) e in una parte speciale che tocca casi particolari di rifiuti (terre e rocce, sottoprodotti di origine animale, rifiuti sanitari, acque di scarico, fanghi, imballaggi, olio usato, Raee). Il libro è realizzato da Paola Ficco e da un gruppo di Esperti (Pasquale De Stefanis, Leonardo Filippucci, Pasquale Fimiani, Eugenio Onori, Claudio Rispoli), grazie alla collaborazione dei principali Consorzi nazionali del riciclo (Conai con i sei Consorzi di filiera, Cic, Conoe, Conou ed Ecopneus). È un testo completamente interattivo, che rimanda a documenti di approfondimento e soprattutto offre i link puntuali a tutte le disposizioni di legge citate, sempre complete e aggiornate nellOsservatorio di normativa ambientale, un servizio in abbonamento di Reteambiente.it. Il testo è anche in vendita sul sito di Edizioni Ambiente nella sua versione cartacea per offrire una diversa consultazione oppure una formativa e selezionata occasione di omaggio a Clienti e Fornitori.

Informat Paper News - nextville.it

Dati ANIE Rinnovabili: FER in ripresa, male solo l'eolico nextville.it - Pubblicato 2019.01.11

ANIE Rinnovabili stima che, con i dati di dicembre 2018, verranno eguagliati i numeri del 2017 in termini di nuova potenza installata, pur con dinamiche diverse per le varie fonti (positive per fotovoltaico e idroelettrico, probabilmente negative per eolico e bioenergie). Dati pi che positivi per il fotovoltaico, che nel solo mese

Basilicata, proroga e modifiche a bando impianti pubblici da FER nextville.it - Pubblicato 2019.01.11

Possono presentare domanda di contributo i Comuni (singoli o associati), gli Enti gestori di aree protette e il Consorzio di bonifica. Il bando finanzia il 100% dei costi ammissibili sostenuti per la realizzazione delle seguenti tipologie impiantistiche: . Eolico inferiore a 200 kW (numero massimo di 2 aerogeneratori); . Fotovoltaico e solare termico fino a 1 MW (solo impianti integrati o semi integrati su edifici di cui venga dimostrata la propriet pubblica); . Biomassa fino a 1 MW (alimentazione impianto con materiali di scarto delle produzioni agricole e forestali reperibili nel raggio di 70 km dall'impianto). Sono ammessi interventi con importi (iva inclusa) da un minimo di ? 20.000 a un massimo di ? 150.000 (il massimale sale a ? 450.000 in caso di intervento presentato da un'associazione costituita da pi di due enti pubblici). La dotazione complessiva del bando ammonta a ? 2.447.321,00. La domanda di sostegno, ai sensi del nuovo bando aggiornato, pu essere presentata a partire dal 2 gennaio 2019 e secondo la seguente tempistica: . entro il 15 febbraio 2019: rilascio della domanda sul portale SIAN . entro il 28 febbraio 2019: presentazione alla Regione Basilicata della documentazione prevista dall'articolo 10 del bando Per ogni ulteriore informazione e per consultare il bando, completo di tutta la modulistica, si vedano i riferimenti qui sotto.

Idro Bolzano, istruzioni per la sottensione di piccole e medie derivazioni nextville.it - Pubblicato 2019.01.10

Le nuove disposizioni regionali regolano la sottensione di piccole e medie derivazioni e le relative procedure, con l'obiettivo di ottenere un pi razionale e sostenibile utilizzo della risorsa acqua, ottimizzando il potenziale di produzione disponibile o riducendo l'impatto sull'ambiente (o entrambi). Nello specifico, la delibera prevede che una sottensione " possibile solo qualora una progettata derivazione d'acqua a scopo idroelettrico, per la quale sia stata presentata domanda di concessione presso il competente Ufficio provinciale, risulti incompatibile con utenze a scopo idroelettrico gi legittimamente costituite o concesse, a causa di un totale o parziale interessamento dello stesso tratto di corso d'acqua". Le nuove regole previste dalla Dgp n. 1466/ 2018 si applicano agli impianti soggetti all'obbligo di concessione per l'utilizzo di acque pubbliche per la produzione di energia elettrica esistenti nel territorio della Provincia autonoma di Bolzano.

Ecobonus 2019, il riepilogo sulle detrazioni nextville.it - Pubblicato 2019.01.10

Dopo la conferma delle detrazioni per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici per tutto il 2019 - arrivata con la legge di bilancio (Legge 145/2018) - ecco l'utile tabella dell'Enea che riepiloga le diverse percentuali di detrazioni riconosciute ai singoli interventi ammessi all'Ecobonus, con qualche specifica in pi a cura della Redazione Nextville. Interventi ammessi all'Ecobonus Percentuale di detrazione riconosciuta Serramenti e infissi 50% fino al 31 dicembre 2019 Schermature solai Caldaie a biomassa Caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla Classe A di prodotto prevista dal Regolamento Ue 811/2013 Riqualificazione globale dell'edifico 65% fino al 31 dicembre 2019 Caldaie a condensazione di efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal citato regolamento delegato (Ue) n. 811/2013 e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02 Generatori di aria calda a condensazione Impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione Pompe di calore Scaldacqua a pompa di calore Coibentazione involucro Pannelli solari termici Sistemi di building automation Microcogeneratori Interventi su parti comuni degli edifici condominiali (coibentazione involucro con superficie interessata superiore al 25% superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio) 70% fino al 31 dicembre 2021 Interventi su parti comuni degli edifici condominiali (coibentazione involucro con superficie interessata superiore al 25% superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio + qualit media dell'involucro) 75% fino al 31 dicembre 2021 Interventi su parti comuni degli edifici condominiali (coibentazione involucro con superficie interessata superiore al 25% superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio + il passaggio ad una classe inferiore di rischio sismico) 80% fino al 31 dicembre 2021 Interventi su parti comuni degli edifici condominiali (coibentazione involucro con superficie interessata superiore al 25% superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio + il passaggio a due classi inferiori di rischio sismico) 85% fino al 31 dicembre 2021 Ricordiamo che la legge di bilancio 2019 ha anche prorogato, per tutto il 2019, le detrazioni fiscali del 50% per gli interventi finalizzati al recupero del patrimonio edilizio, tra cui rientra anche l'installazione di impianti basati sull'impiego delle fonti rinnovabili di energia, compreso il fotovoltaico. Per conoscere tutti i dettagli su chi ha diritto alla detrazione e le modalit di accesso, consulta nei Riferimenti in basso le pagine dedicate alle due agevolazioni, aggiornate con tutte le novit introdotte dalla legge di bilancio 2019.

Piano nazionale energia e clima, proposta inviata a Bruxelles nextville.it - Pubblicato 2019.01.09

Il documento, che consta di ben 238 pagine, frutto di un lavoro di squadra tra i ministeri Ambiente, Sviluppo economico e Trasporti, con il supporto di GSE, RSE, ISPRA, ENEA, Politecnico di Milano e ARERA. Uno dei principali obiettivi del Piano l'obiettivo di copertura, nel 2030, del 30% del consumo finale lordo di energia da fonti rinnovabili, in linea con gli obiettivi europei. In particolare, l'obiettivo per il 2030 prevede un consumo finale lordo di energia di 111 Mtep, di cui circa 33 Mtep da fonti rinnovabili. Invece, la quota di energia da FER nei consumi finali lordi di energia nei trasporti stimata al 21,6% (con 6 milioni di veicoli elettrici), a fronte del 14% previsto dalla Ue. Per quanto riguarda l'efficienza energetica, il Piano prevede una riduzione dei consumi di energia primaria del 43% a fronte di un obiettivo UE del 32,5%. La riduzione dei gas serra per i settori non ETS stimata al 33%, obiettivo superiore del 3% rispetto a quello previsto da Bruxelles. Il Piano vincolante per l'Italia: una volta che l'Europa lo avr approvato, non si potr prescindere dagli obiettivi elencati. Particolarmente soddisfatto del Piano si dichiarato il ministro dell'Ambiente Sergio Costa: "Nel 2024 gli obiettivi potranno essere revisionati solo al rialzo, ecco che il 30% delle rinnovabili potr diventare il 32% e magari anche di pi, partendo per gi da un obiettivo ambizioso e nello stesso tempo concreto e realizzabile". Il Sottosegretario allo sviluppo economico con delega all'energia Davide Crippa sottolinea che il Piano, per raggiungere i propri obiettivi, "avr bisogno del sostegno e della collaborazione attiva da parte di tutti gli stakeholders, sia nella fase di predisposizione che di realizzazione. Per questo, prevediamo una consultazione a tutti i livelli e, soprattutto, con le parti interessate, comprese le parti sociali. Oltre alla consultazione tramite la VAS (Valutazione ambientale strategica) contiamo di realizzare un percorso strutturato di confronto attraverso tavoli tematici di lavoro che coinvolgeranno i diversi player". A breve, inoltre, nel corso di un evento pubblico verr presentato il portale dedicato al PNIEC, pensato per essere uno spazio di informazione e di dialogo sulle principali tematiche oggetto del piano.

Marche, contributi per efficienza e rinnovabili nel settore vitivinicolo nextville.it - Pubblicato 2019.01.08

Destinatari del bando sono gli imprenditori agricoli e le imprese di trasformazione che effettuano una serie di investimenti, materiali o immateriali, tra cui "l'acquisto di impianti per il risparmio energetico e per la produzione di energia da fonti rinnovabili esclusivamente dedicata all'autoconsumo". Gli impianti debbono avere capacit produttiva massima equivalente ai consumi energetici aziendali post investimento; nel caso di impianti fotovoltaici, tale capacit non pu comunque essere superiore a 200 kW elettrici. Sono esclusi dal finanziamento gli impianti FER finalizzati a soddisfare i fabbisogni energetici dei fabbricati adibiti ad uso abitativo o ad uso diverso dalle attivit vitivinicole; esclusi anche gli impianti fotovoltaici realizzati a terra e non integrati negli edifici adibiti alle attivit vitivinicole. Inoltre, gli impianti che accedono ai contributi previsti dal bando non possono fare richiesta di incentivo al GSE. Il sostegno agli investimenti varia dal 19% al 40% della spesa effettivamente sostenuta, a seconda della dimensione dell'impresa (PMI, intermedie, grandi imprese). La dotazione complessiva del bando ammonta a ? 3.780.909,52. Le domande d'aiuto devono essere presentate esclusivamente online sul portale SIAN, entro il 15 febbraio 2019. Per ogni ulteriore informazione e per consultare il Bando, si vedano i riferimenti qui sotto.

Informat Paper News - eea.europa.eu

Acqua di qualità eccellente nella maggior parte delle zone di balneazione in Europa — Agenzia europea dell'ambiente (AEA) eea.europa.eu - Pubblicato 2014.08.25

A Cipro e nel Lussemburgo tutte le zone di balneazione sono state valutate "eccellenti", seguite da Malta (eccellente al 99%), Croazia (95%) e Grecia (93%). All'altra estremità della scala, gli Stati membri dell'Unione europea con la più alta percentuale di siti qualificati "scadenti" sono: Estonia (6%), Paesi Bassi (5%), Belgio (4%),

Acqua di qualità eccellente nella maggior parte delle zone di balneazione in Europa — Agenzia europea dell'ambiente (AEA) eea.europa.eu - Pubblicato 2014.08.25

A Cipro e nel Lussemburgo tutte le zone di balneazione sono state valutate "eccellenti", seguite da Malta (eccellente al 99%), Croazia (95%) e Grecia (93%). All'altra estremità della scala, gli Stati membri dell'Unione europea con la più alta percentuale di siti qualificati "scadenti" sono: Estonia (6%), Paesi Bassi (5%), Belgio (4%), Francia (3%), Spagna (3%) e Irlanda (3%). Nella relazione annuale sulla qualità delle acque di balneazione, l'Agenzia europea dell'ambiente (AEA) valuta 22 000 zone di balneazione nell'Unione europea, in Svizzera e, per la prima volta, in Albania. Oltre alla relazione, l'AEA ha pubblicato una mappa interattiva con l'indicazione della qualità per ciascun sito di balneazione nel 2013. Janez Potonik, Commissario per l'Ambiente, ha dichiarato: "Che la qualità delle acque di balneazione europee continui ad essere elevata è una buona notizia, ma non possiamo permetterci di riposare sugli allori con una risorsa preziosa come l'acqua. Dobbiamo continuare a garantire che le acque di balneazione così come l'acqua potabile e quindi anche i nostri ecosistemi acquatici siano totalmente protetti." Secondo Hans Bruyninckx, direttore esecutivo dell'AEA, "Le acque di balneazione in Europa sono migliorate negli ultimi vent'anni: non si versano più ingenti quantità di acque reflue direttamente nei corpi idrici. Oggi il problema principale sono i picchi di inquinamento di breve durata occasionati da piogge violente e inondazioni, che possono provocare tracimazioni dei sistemi fognari e conseguente riversamento di batteri fecali provenienti dai terreni agricoli nei fiumi e mari." Le autorità locali procedono a controlli prelevando campioni nelle spiagge in primavera e durante la stagione balneare. Le acque di balneazione sono valutate «eccellenti», «buone», «sufficienti» o «scarse» in base alle percentuali di due tipi di batteri la cui presenza è indice di inquinamento da acque di scolo o da liquami di allevamento; tali batteri, se ingeriti, possono provocare patologie (vomito e diarrea). La valutazione delle acque di balneazione non tiene conto dei rifiuti, dell'inquinamento e di altri aspetti che danneggiano l'ambiente naturale. Sebbene la maggior parte delle zone di balneazione sia sufficientemente pulita ai fini della tutela della salute umana, numerosi ecosistemi nei corpi idrici europei si trovano in una situazione allarmante. Ciò è particolarmente evidente nei mari europei: da una recente valutazione è risultato che gli ecosistemi marini europei sono messi in pericolo da cambiamenti climatici, inquinamento, pesca eccessiva e acidificazione. Molti di questi rischi sono destinati ad aumentare. Acque di balneazione: risultati principali Se è vero che oltre il 95% delle zone di balneazione soddisfa i requisiti minimi, solo l'83% ha però raggiunto il più rigoroso livello di «qualità eccellente». Solo il 2% è risultato scarso. La percentuale di siti che soddisfa i requisiti minimi nel 2013 è circa la stessa del 2012. Tuttavia, la percentuale dell'"eccellenza" è aumentata dal 79% nel 2012 all'83% nel 2013. Nelle spiagge costiere la qualità dell'acqua è risultata leggermente migliore, con una percentuale dell'85% di siti classificati eccellenti. Tutte le spiagge costiere in Slovenia e a Cipro sono state classificate eccellenti. La qualità delle acque di balneazione interne sembra essere leggermente inferiore alla media. Il Lussemburgo è il solo paese a ottenere l'eccellenza in tutte le acque di balneazione, seguito a ruota dalla Danimarca (94%). La Germania ha raggiunto il livello eccellente nel 92% dei quasi 2 000 siti di balneazione interna. Per ulteriori informazioni Sito dell'Agenzia europea dell'ambiente sulle acque di balneazione Sito della Commissione europea sulle acque di balneazione

L'inquinamento atmosferico provoca ancora danni alla salute in Europa — Agenzia europea dell'ambiente (AEA) eea.europa.eu - Pubblicato 2014.08.25

Il rapporto "La qualità dell'aria in Europa rapporto 2013", rappresenta il contributo dell'AEA al riesame della politica per la qualità dell'aria effettuato dalla Commissione europea e all'"anno dell'aria" dellUE. Il trasporto su strada, l'industria, l'agricoltura e il settore residenziale contribuiscono all'inquinamento atmosferico in Europa. Nonostante la riduzione delle emissionsi e delle concentrazioni di alcuni inquinanti in atmosfera osservata negli ultimi decenni, il rapporto dimostra che il problema dell'inquinamento atmosferico in Europa è lungi dall'essere risolto. In particolare, due sostanze inquinanti, il particolato e l'ozono troposferico, continuano a causare problemi respiratori, malattie cardiovascolari e una minore aspettativa di vita. Nuovi dati scientifici indicano che la salute umana può essere compromessa da concentrazioni di sostanze inquinanti inferiori a quanto si pensava in passato. Hans Bruyninckx, direttore esecutivo dell'AEA, afferma: "L'inquinamento atmosferico sta causando danni alla salute umana e agli ecosistemi. Un'ampia parte della popolazione non vive in un ambiente sano secondo gli standard attuali. Per avviare un percorso che porti alla sostenibilità, l'Europa deve essere ambiziosa e rendere più severa l'attuale normativa". Il commissario all'Ambiente Janez Potonik aggiunge: "Per molte persone la qualità dell'aria costituisce una della maggiori preoccupazioni. Gli studi dimostrano che un'ampia maggioranza dei cittadini è consapevole dell'impatto della qualità dell'aria sulla salute e chiede alle istituzioni di intervenire a livello europeo, nazionale e locale, anche in tempi di austerità e difficoltà. Sono pronto a dare una risposta a queste preoccupazioni attraverso il prossimo Riesame della qualità dell'aria della Commissione Tra il 2009 e il 2011, fino al 96 % degli abitanti delle città è stato esposto a concentrazioni di particolato fine (PM 2.5) superiori ai limiti delle linee guida dell'OMS e fino al 98 % è stato esposto a livelli di ozono (O3) superiori alle linee guida dell'OMS. Un numero inferiore di cittadini UE e stato esposto a concentrazioni di PM2.5 e O3 superiori ai limiti o agli obiettivi stabiliti dalla legislazione UE. Tali limiti o obiettivi UE in alcuni casi sono meno severi rispetto alle rispettive OMS. Cfr. i dati dell'AEA sull'esposizione nella UE. Ma il problema non riguarda solo le città. Secondo il rapporto anche alcune aree rurali sono caratterizzate da livelli significativi di inquinamento atmosferico. Un confronto tra le nazione Europee è disponibile nelle schede nazionali allegate al rapporto. Sono molte le storie di successo nella riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici; ad esempio, le emissioni di diossido di zolfo (SO2) delle centrali elettriche, dell'industria e del trasporto sono state ridotte negli ultimi dieci anni, comportando una riduzione dell'esposizione. La progressiva eliminazione del piombo, inquinante ritenuto responsabile di problemi dello sviluppo neurologico, dalla benzina ha determinato una riduzione delle concentrazioni di piombo in atmosfera. Eutrofizzazione Oltre alle preoccupazioni di natura sanitaria, il rapporto analizza i problemi ambientali legati allinquinamento atmosferico, come l'eutrofizzazione, un processo che avviene quando una quantità eccessiva di azoto danneggia gli ecosistemi, mettendo a rischio la biodiversità. L'eutrofizzazione è ancora un problema molto diffuso che riguarda la maggior parte degli ecosistemi europei. Nellultimo decennio, le emissioni di alcuni inquinanti a base di azoto sono diminuite. Ad esempio le emissioni di ossidi di azoto e di ammoniaca sono scese del 27% e del 7% rispettivamente rispetto al 2002. Tuttavia, le emissioni non sono state ridotte quanto previsto e otto Stati membri dell'UE violano i limiti massimi consentiti un anno dopo la scadenza del termine per conformarsi. Per fare fronte all'eutrofizzazione, è necessario introdurre nuove misure volte alla riduzione delle emissioni di azoto.

Acque di balneazione in costante miglioramento in Europa — Agenzia europea dell'ambiente (AEA) eea.europa.eu - Pubblicato 2014.08.25

Cipro e Lussemburgo sono i primi della classe, con acqua di eccellente qualità in tutte le zone di balneazione. Valori eccellenti, al di sopra della media UE, si registrano anche in altri otto paesi: Malta (97%), Croazia (95%), Grecia (93%), Germania (88%), Portogallo (87%), Italia (85%), Finlandia (83%) e Spagna (83%). Questi dati segnalano un miglioramento rispetto all'anno scorso, continuando la tendenza positiva in atto da quando, nel 1990, si è iniziato a monitorare lo stato delle acque a norma della direttiva sulle acque di balneazione. Janez Potonik, Commissario per l'Ambiente, così commenta questi risultati: "È incoraggiante vedere che la qualità delle acque di balneazione in Europa continua a migliorare. Occorre comunque fare ancora di più se vogliamo che tutte le nostre acque siano potabili e adatte alla balneazione e che gli ecosistemi acquatici godano di buona salute. L'acqua è una risorsa preziosa e dobbiamo prendere tutte le misure necessarie per proteggerla a dovere." Jacqueline McGlade, direttrice esecutiva dell'Agenzia europea dell'ambiente, ha dichiarato: "Dai fiordi nordici alle spiagge subtropicali, l'Europa è ricca di posti in cui cercare il fresco in estate. Il rapporto pubblicato oggi dimostra che la qualità delle acque di balneazione è in generale ottima, ma indica anche la presenza di zone dove i problemi di inquinamento persistono; è per questo che esortiamo le persone a verificare come si classifica la loro meta preferita per nuotare." A partire dai dati raccolti dalle autorità locali in oltre 22 000 località dei 27 Stati membri dell'Unione europea e di Croazia e Svizzera, nonché dalle misurazioni dei livelli di batteri provenienti dalle acque di scolo e dagli allevamenti, l'Agenzia europea dell'ambiente elabora ogni anno i dati sulla qualità delle acque di balneazione. Più di due terzi delle località controllate sono spiagge costiere, il resto è costituito da fiumi e laghi. Il rapporto annuale si basa sui dati relativi alla stagione balneare precedente, pertanto il rapporto di quest'anno è una compilazione dei dati raccolti nell'estate 2012. Malgrado il miglioramento generale, dal rapporto di quest'anno emerge che la qualità dell'acqua è scarsa in quasi il 2% delle zone di balneazione costiere, fluviali e lacustri. Le percentuali più alte di spiagge non conformi si trovano in Belgio (12%), Paesi Bassi (7%) e Regno Unito (6%) e alcune di esse hanno dovuto essere chiuse nel corso della stagione 2012. Quelle che si comportano meglio sono, in genere, le zone di balneazione costiere, il 95% delle quali soddisfa le norme minime e l'81% può fregiarsi di acque eccellenti, mentre per quanto riguarda laghi e fiumi, è il 91% ad essere al di sopra della soglia minima e il 72% ad avere acqua di qualità eccellente. Le tracimazioni causate da piogge violente in zone con sistemi fognari inadeguati costituiscono ancora un problema, sebbene si sia osservato un certo miglioramento della qualità idrica grazie a un sempre più diffuso trattamento delle acque e alla conseguente diminuzione degli scarichi di acque reflue non trattate nell'ambiente. Agli inizi degli anni 90 solo il 60% circa delle zone poteva vantarsi di acque di qualità eccellente, mentre il 70% soddisfava le norme minime. Contesto Le acque di balneazione in Europa devono rispettare le norme stabilite nella direttiva del 2006 in materia, che aggiorna e semplifica la normativa precedente e deve essere attuata dagli Stati membri entro dicembre 2014. L'UE pubblica ogni anno una relazione di sintesi sulla qualità delle acque di balneazione, che si basa sulle relazioni che gli Stati membri devono presentare entro la fine dell'anno precedente. Nella relazione di quest'anno tutti i 27 Stati membri, così come la Croazia e la Svizzera, hanno monitorato la qualità delle acque delle rispettive località di balneazione e ne hanno dato conto alla Commissione, la maggior parte di essi in base alle nuove disposizioni. Per monitorare la qualità delle acque, i laboratori ricercano determinati tipi di batteri, tra cui gli enterococchi intestinali e l'Escherichia coli, la cui presenza può essere indice di inquinamento, soprattutto da acque di scolo o liquami di allevamento. Le località sono poi classificate come conformi ai valori obbligatori, conformi alle linee guida più severe oppure non conformi. Per conoscere la qualità dell'acqua delle nostre località balneari preferite possiamo visitare l'apposita pagina web dell'Agenzia europea dell'ambiente, da cui è possibile scaricare dati e consultare mappe interattive. È inoltre possibile segnalare lo stato dell'acqua di una determinata zona tramite il sito Eye on Earth. Per ulteriori informazioni: European Environment Agency bathing water site European Commission bathing water site

L'Europa deve adattarsi per stare al passo con i cambiamenti climatici — Agenzia europea dell'ambiente (AEA) eea.europa.eu - Pubblicato 2014.08.25

La relazione Adaptation in Europe (Adattamento in Europa) descrive le politiche e alcune delle misure adottate a livello dell'UE e dai paesi europei. Al momento metà dei 32 paesi membri dell'AEA hanno elaborato piani di adattamento e alcuni hanno iniziato ad agire, benché tutti i paesi abbiano ancora molto lavoro da fare. Mentre gli sforzi di mitigazione globale dovrebbero continuare a cercare di limitare l'innalzamento della temperatura globale a 2 °C , nella relazione si afferma che è necessario prepararsi ad aumenti maggiori della temperatura e ad altri cambiamenti climatici. Ciò è necessario per tenere conto in modo corretto delle molte incertezze nelle previsioni climatiche e socioeconomiche. Una precedente relazione dell'AEA ha mostrato come i cambiamenti climatici stanno già interessando tutte le regioni in Europa, provocando molte conseguenze per la società e l'ambiente. Ulteriori conseguenze sono attese in futuro se non verrà intrapresa alcuna azione. Le rilevazioni mostrano temperature medie più elevate in Europa. Le precipitazioni stanno diminuendo nelle regioni meridionali e aumentando in Europa settentrionale. Jacqueline McGlade, direttore esecutivo dell'AEA, afferma: L'adattamento comporta nuovi modi di pensare e affrontare rischi e pericoli, incertezze e difficoltà. Gli europei dovranno cooperare, imparare l'uno dall'altro e investire in trasformazioni di lungo periodo, necessarie a sostenere il nostro benessere di fronte ai cambiamenti climatici. La relazione è stata presentata oggi in occasione di una conferenza sulla strategia dell'UE di adattamento ai cambiamenti climatici, intesa a sostenere politiche di adattamento coerenti e integrate nei diversi settori in Europa. L'Europa inizia ad adattarsi La relazione raccomanda un insieme di diverse misure: misure grigie come progetti ingegneristici e tecnologici, approcci verdi basati sugli ecosistemi e la natura, e le cosiddette misure morbide come le politiche volte a cambiare gli approcci di governance. Nella relazione si sostiene che i progetti di adattamento più efficaci combinano spesso due o più approcci differenti. Per esempio, l'adattamento presso la costa mediterranea francese si basa su un approccio integrato che tiene conto di cambiamenti climatici, turismo, trasporti e biodiversità. Nelle aree urbane, spazi verdi e corpi idrici rientrano nella progettazione edilizia al fine di ridurre i rischi legati alle ondate di caldo. Anche Barcellona ha iniziato ad adattarsi alla carenza di acqua con un nuovo impianto di desalinizzazione ad alta efficienza. Questo progetto grigio opera in tandem con altre iniziative morbide come gli incentivi per ridurre il consumo di acqua, diminuendo gli impatti derivanti da siccità prolungate. Il costo dell'adattamento potrebbe essere elevato in alcuni casi, tuttavia la relazione sottolinea i risparmi complessivi derivanti da alcune azioni di adattamento. Uno dei più grandi progetti di adattamento basato sullecosistema consiste nel ripristinare il bacino idrografico del Danubio al suo precedente stato naturale. Sebbene il costo stimato sia pari a 183 milioni di euro, esso dovrebbe aiutare a prevenire inondazioni come quella del 2005 che da sola è costata 396 milioni di euro di danni. Sono stati istituiti in Europa sistemi di allarme rapido per aiutare a prevedere incendi boschivi, inondazioni e siccità. Secondo la relazione, tali misure morbide possono aiutare le comunità a superare i rischi. Un progetto simile in Italia ha istituito sistemi di allarme rapido per malattie trasmesse dalle zanzare, previste in aumento con i cambiamenti climatici. Sfide future L'Europa ha bisogno di adeguarsi ai cambiamenti climatici in modo coerente, assicurando l'integrazione dell'adattamento nelle politiche dell'UE e in quelle nazionali, afferma la relazione. Non vi è alcun approccio universale: l'adattamento ai cambiamenti climatici dovrebbe rispondere alle condizioni nazionali e locali. Vi è ancora incertezza nelle previsioni relative ai cambiamenti climatici ed è difficile stimare in modo preciso i futuri rischi poiché anche gli aspetti socioeconomici stanno cambiando. Per tali ragioni la pianificazione dell'adattamento dovrebbe essere abbastanza flessibile da superare circostanze impreviste e una serie di futuri cambiamenti climatici, afferma la relazione. Per esempio, il rafforzamento della barriera del Tamigi, che protegge Londra dalle inondazioni costiere, è stato progettato per lasciare aperte delle opzioni, in modo da poter accogliere degli adattamenti in funzione dell'aumento del livello del fiume. Climate-ADAPT raccoglie un gran numero di studi di casi e altre informazioni per aiutare paesi, regioni e città ad adeguarsi ai cambiamenti climatici. Il sito web contiene informazioni su impatti climatici previsti e azioni nazionali nonché notizie e prossimi eventi.

In Austria e Germania i livelli più alti di riciclo, il Regno Unito e l’Irlanda mostrano invece l’incremento più rapido — Agenzia europea dell'ambiente (AEA) eea.europa.eu - Pubblicato 2014.08.25

Complessivamente è stato riciclato in Europa, nel 2010, il 35% di rifiuti urbani, che rappresenta un notevole miglioramento rispetto al 23% del 2001. Tuttavia molti paesi incontreranno enormi difficoltà a soddisfare gli obiettivi imposti dallUE di riciclare il 50% di rifiuti domestici e simili entro il 2020. I dati provengono da una nuova relazione dellAgenzia Europea dellAmbiente (AEA) che analizza la gestione dei rifiuti solidi urbani, composti principalmente da rifiuti domestici, nei 27 Stati Membri dellUE e in Croazia, Islanda, Norvegia, Svizzera e Turchia. Cinque paesi hanno già raggiunto questo obiettivo, ma molti altri dovranno compiere sforzi eccezionali per conseguirlo prima del termine ultimo. Per esempio, Bulgaria e Romania riciclano adesso piccole percentuali di rifiuti urbani perciò, per conseguire lobiettivo entro il 2020, devono aumentare il riciclo di oltre 4 punti percentuali lanno nel corso di questo decennio, cosa che nessun paese è riuscito a realizzare tra il 2001 e il 2010. Il Regno Unito ha aumentato la quota di riciclo dei rifiuti urbani dal 12% al 39% tra il 2001 e il 2010, mentre lIrlanda ha innalzato i livelli di riciclo dall11% al 36% nello stesso periodo. Anche la Slovenia, la Polonia e lUngheria hanno migliorato notevolmente i livelli di riciclo dal loro ingresso nellUE. LAustria ha la percentuale più alta di riciclo (63%), seguita da Germania (62%), Belgio (58%), Paesi Bassi (51%) e Svizzera (51%). LAEA ha pubblicato, insieme alla relazione principale, anche le relazioni sui singoli paesi. Jacqueline McGlade, Direttore Esecutivo dellAEA, ha dichiarato: In un periodo relativamente breve, alcuni paesi hanno promosso con successo una cultura del riciclo, con infrastrutture, incentivi e campagne di sensibilizzazione. Altri continuano invece a restare indietro, sprecando enormi quantità di risorse. L`attuale elevata domanda di alcuni beni dovrebbe costituire per i paesi un segnale sulle evidenti opportunità economiche del riciclo. La relazione dellAEA è particolarmente importante poiché i rifiuti urbani sono soprattutto competenza del settore pubblico e lattuale situazione economica in molti Stati Membri dellUE richiede una maggiore attenzione su come raggiungere gli obiettivi strategici nel modo più efficace ed economicamente conveniente. La relazione supporta le iniziative della Commissione Europea a sostegno dei Paesi Membri per migliorare le prestazioni nella gestione dei rifiuti. Il documento sarà presentato oggi a Brussels nel corso di un seminario sulle strategie politiche e infrastrutture per migliorare la gestione dei rifiuti urbani. Altre conclusioni LEuropa sta risalendo con successo la gerarchia di gestione dei rifiuti, anche se più lentamente di quanto richiesto dalla normativa. La quantità di rifiuti conferiti in discarica è diminuita dal 2001, mentre è aumentata la quantità di rifiuti inceneriti, compostato e riciclato. Riciclare può ridurre i gas serra e risparmiare risorse preziose, poichè i materiali riciclati sostituiscono quelli vergini. Sotto il profilo del ciclo della vita, il cambiamento nel trattamento dei rifiuti urbani tra il 2001 e il 2010 ha ridotto le emissioni di gas serra provenienti dai rifiuti urbani del 56%, o di 38 milioni di tonnellate di equivalente CO2 nellUE, Norvegia e Svizzera. Priorità della legislazione dellUE sui rifiuti è innanzitutto prevenirne la formazione. I rifiuti urbani prodotti da ciascun cittadino dellUE sono calati del 3,6% tra il 2001 e il 2010. Tuttavia ciò potrebbe essere dovuto alla recessione economica (la produzione di rifiuti pro- capite è stata piuttosto stabile tra il 2001 e il 2007). I rifiuti urbani prodotti in media dagli slovacchi sono cresciuti del 39% tra il 2001 e il 2010, mentre i norvegesi e i croati hanno aumentato i rifiuti urbani annui del 30% e del 25% rispettivamente. Per contro, molti paesi hanno ridotto la quantità di rifiuti prodotti e tra questi cè la Bulgaria (-18%), lEstonia (-17%), la Slovenia (-12%) e il Regno Unito (-12%). Norvegia, Irlanda e Polonia hanno ridotto più di tutti gli altri paesi la percentuale di rifiuti urbani destinati alla discarica tra il 2001 e il 2010. Migliori livelli di riciclo sono dovuti principalmente allevoluzione nel riciclo di materiali, con progressi inferiori nel riciclo di rifiuti organici. I paesi che hanno diminuito con successo i rifiuti conferiti in discarica e aumentato il riciclo hanno solitamente applicato una serie di strumenti nazionali e regionali. Tra questi vi è il divieto di conferimento in discarica di rifiuti biodegradabili o di rifiuti urbani non pretrattati, la raccolta differenziata obbligatoria di parti di rifiuti urbani, strumenti economici come le tasse sulle discariche e sugli inceneritori, le tariffe sulla raccolta dei rifiuti volte a incentivare il riciclo. Contesto Il riciclo include il recupero di materiali come, ad esempio, vetro, carta, metallo e plastica, e il compostaggio. Lobiettivo del 50% del riciclo si applica agli Stati Membri dellUE, alla Norvegia e allIslanda. I paesi possono scegliere tra quattro diversi metodi di calcolo per dichiarare la conformità a tale obiettivo. Nella propria analisi lAEA ha utilizzato uno di questi metodi, e va rilevato che altri metodi di calcolo potrebbero dare origine a esiti diversi. Occorre poi sottolineare che i livelli effettivi di riciclo in alcuni paesi potrebbero essere maggiori rispetto a quelli indicati, poiché i loro dati escludono i rifiuti di imballaggio riciclati dalle famiglie. Inoltre, i paesi con livelli di riciclo molto bassi possono richiedere un periodo di deroga al raggiungimento dellobiettivo. Il 4 marzo 2013 Eurostat ha pubblicato Dati 2011 sui rifiuti urbani, offrendo ulteriori possibilità di valutazione. Eurostat utilizza categorie leggermente diverse dallAEA e tali dati non sono perciò direttamente comparabili con lanalisi dellAEA.

Informat Paper News - Rinnovabili.it

Il Nord Reno-Vestfalia vuole 10 mld di euro per uscire dal carbone Rinnovabili.it - Pubblicato 2019.01.11

Il Ministro dell’Economia della Renania settentrionale-Vestfalia, Andreas Pinkwart. Il lander tedesco è uno degli stati minerari del carbone della Germania (Rinnovabili.it) – Il Nord Reno-Vestfalia, uno degli stati minerari del carbone della Germania e il più popoloso dei sedici lander del Paese, chiede un sostegno strutturale di almeno 10 miliardi di euro se

UE: 7 Paesi non presentano il Piano Nazionale Energia e Clima Rinnovabili.it - Pubblicato 2019.01.11

Il responsabile clima EU, Miguel Arias Cañete. Italia in zona Cesarini ha presentato il Piano Nazionale Energia e Clima lo scorso 8 gennaio (Rinnovabili.it) Sono 7 i Paesi dellUE che non hanno rispettato la scadenza per la presentazione delle bozze di Piano Nazionale Energia e Clima. Entro il 31 dicembre 2018, infatti, tutti e 28 gli Stati Membri avrebbero dovuto consegnare allesecutivo UE una prima bozza di documento che, una volta controllato e verificato, diventerà poi definitivo per essere adottato entro il 31 dicembre 2019. Nonostante la maggior parte degli Stati membri abbia rispettato la scadenza, tra cui lItalia che ha presentato la sua proposta di Piano Nazionale Energia e Clima 2030 lo scorso 8 gennaio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Cipro, Grecia, Ungheria, Lussemburgo e Spagna, invece, non hanno presentato alcuna bozza entro i termini richiesti. I piani nazionali in materia di energia e clima sono essenziali per raggiungere gli obiettivi generali dellUnione europea al 2030, nonché per gli impegni assunti nellambito dellAccordo di Parigi. Agli Stati Membri è stato fornito un modello di Piano nazionale al fine di armonizzare il processo, ma tra quelli che sono stati presentati in tempo, sono tanti quelli in cui mancano molte delle informazioni richieste. I funzionari dellUE, tra cui il capo allenergia, Maroa `efovi, hanno ripetutamente invitato gli Stati membri a fare i compiti nel corso del 2018, ma evidentemente il messaggio non è stato abbastanza forte da convincere tutti i 28 a rispettare i loro impegni. Il capo del Climate Action Network Europe, Wendel Trio, ha invitato la Commissione a garantire che il resto delle bozze venga presentato e che i piani vengano resi pubblici in toto. Gli attuali tagli delle emissioni, per quanto riguarda gli obiettivi giuridicamente vincolanti, sono sulla buona strada per raggiungere un indice di riferimento del -80% entro il 2050, ma una recente strategia a lungo termine pubblicata dalla Commissione potrebbe superare tale obiettivo fino al 90% e al 100% se venisse adottata. Per contribuire, infatti, agli impegni assunti dallAccordo di Parigi, si prevede che gli Stati membri presentino le proprie strategie di lungo termine entro il 1 gennaio 2020. I gruppi ambientalisti temono che alcuni Paesi abbiano presentato o presenteranno piani che sono solo in linea con la traiettoria dell80%, piuttosto che la carbon neutrality, che è al centro della strategia al 2050 dellUE. Nel corso dellanno, il responsabile clima EU, Miguel Arias Cañete, visiterà diversi Stati membri, tra cui Francia, Germania, Italia, Spagna e Polonia, per discutere sia della questione al 2050 sia della bozza di piani nazionali. LEGGI LA NOTA STAMPA UE

Ciaspole, sci di fondo, fat bike: alla scoperta degli sport invernali green Rinnovabili.it - Pubblicato 2019.01.11

Le alternative amiche dellambiente per una vacanza invernale sostenibile (Rinnovabili.it) Con larrivo del freddo più intenso si avvicina il momento, per molti, di programmare lannuale settimana bianca allinsegna degli sport invernali: tra pendii innevati, caldi rifugi e boschi silenziosi, tutto dispone al contatto con la natura, ma spesso, larrivo in montagna di migliaia di sciatori ed escursionisti significa anche un violento impatto ambientale per degli ecosistemi di per sé già estremamente delicati. Basti pensare alle migliaia di automobili utilizzate per raggiungere le località di montagna o al consumo energetico dei vari impianti di risalita, per non parlare dei materiali utilizzati per la loro realizzazione o ancora allo spreco di acqua ed energia elettrica necessario allinnevamento artificiale: parliamo in questo caso di 4 mila metri cubi dacqua e 25 mila kWh per ogni ettaro di pista. Cifre che, se moltiplicate per le sole piste sul versante italiano delle Alpi, danno lassurdo consumo di 95 milioni di metri cubi dacqua (il corrispettivo del consumo di una città di 1,5 milioni di abitanti) e 600 GWh denergia lanno (pari al consumo di 520 mila utenze). Problemi che afferiscono principalmente alle scelte fatte dalle amministrazioni locali, sulle quali, tuttavia, anche i singoli amanti della montagna possono avere peso, ad esempio scegliendo di praticare sport invernali a basso impatto ambientale. Se lo sci da discesa resta la disciplina più praticata, è anche la più inquinante. Colpa soprattutto degli impianti di risalita necessari a praticarlo e al consumo energetico da questi prodotto. Una valida alternativa ecologica è lo sci di fondo: meno adrenalinico, ma più affascinante, permette di esplorare lunghissimi tratti di montagna incontaminati e soprattutto non necessita di impianti di risalita. Fattore da non trascurare: lo sci di fondo è tra gli sport invernali più completi a livello fisico. A completare la scelta eco sostenibile, nel caso si scelga di inforcare gli sci, si potrebbero acquistare sci composti di materiali ecologici, come quelli in fibra di lino, in legno ecosostenibile o materiali riciclati, meglio ancora se trattati con vernici a base acquosa. Per chi non vuole rinunciare alladrenalina procurata dalle discese sugli sci, lalternativa eco è rappresentata dalle fat bike: concepite proprio per terreni a bassa aderenza come la neve e il ghiaccio, le biciclette fat hanno ruota anteriore e posteriore sovradimensionate. Limpressione è quella di guidare una bici da trekking sullo sterrato: lideale per chi sulla neve cerca emozioni forti, ma senza pesare sullambiente. Per chi non volesse acquistare ex novo una bici fat basta solo adattare la propria mountain bike con un ktrak, un kit costituito da uno sci da fissare sulla ruota anteriore e un meccanismo da montare su quella posteriore che trasforma la due ruote in una sorta di atipico gatto delle nevi a zero emissioni. >>Leggi anche Quando lhotel di montagna è ecosostenibile<< Alternativa più soft, ma decisamente suggestiva, sono le racchette da neve, ormai universalmente note come ciaspole. Metterle ai piedi e passeggiare sul manto innevato dà la sensazione di camminare sulla luna. Le ciaspole aiutano a distribuire il peso della persona su unampia superficie così da non affondare anche quando la neve è molto morbida. Grazie alle racchette da neve è possibile quindi fare lunghe passeggiate, scoprire angoli isolati della montagna, lontani dal caos tipico delle piste, senza per questo consumare altra energia che quella del proprio corpo (esattamente come lo sci di fondo, le ciaspolate sono un ottimo metodo di allenamento). Che fare però quando proprio non si riesce a rinunciare al brivido della discesa con sci o snowboard ai piedi? In questo caso, almeno, è meglio scegliere quelle località che si sono già mosse per rendere più green la nostra settimana bianca. Sono moltissimi ormai le stazioni che adottano soluzioni eco friendly come glimpianti fotovoltaici per alimentare sistemi di risalita o le pale eoliche per produrre energia in loco. Ma tantissime sono anche le località montane che promuovono la mobilità sostenibile fornendo sconti e agevolazioni per coloro che raggiungono le stazioni sciistiche tramite mezzi condivisi (car pooling) o a basso impatto (treno, bus, navette) o con la propria auto a pieno carico (minimo 4 persone a bordo) come succede in Alto Adige da diverse stagioni, o ancora per chi usa servizi di car sharing per muoversi a fondo valle, il tutto con la ferma convinzione che relax, divertimento e sport di montagna possono davvero diventare un caposaldo della cultura green.

Concerie al lavoro per ridurre impatto ambientale delle pelli Rinnovabili.it - Pubblicato 2019.01.11

(Rinnovabili.it) Una serie di processi produttivi innovativi a ridotto impatto ambientale nel settore dellindustria conciaria, integrati con un approccio rivolto alleconomia circolare. Questo lobiettivo dellaccordo di partnership triennale tra ENEA, lAgenzia nazionale per le nuove tecnologie, lenergia e lo sviluppo economico sostenibile, e Stazione Sperimentale per lIndustria delle Pelli (SSIP), un Organismo di Ricerca Nazionale delle Camere di Commercio di Napoli, Pisa e Vicenza che dal 1885 opera a supporto di tutte le aziende italiane del settore conciario con attività di ricerca e sviluppo, formazione, certificazione di prodotti e processi, analisi, controlli e consulenza. Lintesa è stata firmata dai rispettivi presidenti Federico Testa e Graziano Balducci. Laccordo prevede la ricerca su materiali avanzati e la sostenibilità ambientale, con particolare riferimento al Life Cycle Assessement e alla carbon footprint dei prodotti. Il trasferimento di tecnologie innovative per accrescere la sostenibilità e la competitività delle imprese è uno degli obiettivi prioritari dellENEA spiega il presidente dellAgenzia Federico Testa Laccordo con la Stazione Pelli si inserisce in questo ambito e si propone di supportare lindustria conciaria per rafforzarne la leadership a livello europeo e la sua collocazione tra i principali protagonisti a livello mondiale. Con questaccordo ci impegniamo a collaborare sul tema della ricerca avanzata dei materiali, allo scopo di valorizzare nuovi materiali provenienti da scarti di produzione, sottoprodotti e fanghi aggiunge il presidente della Stazione Sperimentale per lIndustria delle Pelli Graziano Balducci La nostra convinzione è che si possano identificare materiali di processo a minore impatto ambientale rispetto agli attuali. La Stazione Sperimentale Industria Pelli (SSIP) ha una storia piuttosto lunga: è stata istituita a Napoli per Regio Decreto nel 1885. Originariamente nata per rispondere alle necessità delleconomia locale e mediata dal Ministero Industria Commercio e Agricoltura, con il passare degli anni la SSIP ha progressivamente ampliato i suoi campi di attività, adeguandoli alle esigenze dellintera filiera conciaria, fino ad operare su scala nazionale ed internazionale. Attualmente ha subito un processo di riordinamento giuridico assumendo, a seguito del Decreto Legge 31 Maggio 2010 n. 78, inizialmente la forma di Azienda Speciale della Camera di Commercio di Napoli, per poi costituirsi, nel Dicembre 2014, in un nuovo Organismo di Ricerca Nazionale delle Camere di Commercio di Napoli, Pisa e Vicenza, quali organismi rappresentativi dei principali distretti conciari italiani. La Stazione Sperimentale Industria Pelli svolge attività di ricerca e sviluppo, formazione, certificazione di prodotti e processi, analisi, controlli e consulenza per tutte le aziende italiane del settore conciario. La sua mission è sviluppare e promuovere linnovazione di processo, di prodotto e dei servizi dellindustria conciaria, al fine di migliorare la capacità competitiva a livello internazionale per qualità della produzione, sviluppo tecnologico e sostenibilità ambientale, a vantaggio dellintera filiera e dei principali mercati obiettivo: Arredamento, Automotive, Calzatura, Interiors, Moda, Pelletteria.

Il riscaldamento oceanico mette il turbo: record nel 2018 Rinnovabili.it - Pubblicato 2019.01.11

Senza misure di contrasto il riscaldamento oceanico si moltiplicherà per sei entro la fine del secolo (Rinnovabili.it) Il riscaldamento oceanico è stato sottostimato e i trend a breve termine sono tutti in rialzo. Dopo la ricerca dellUniversità di Oxford sulla quantità di energia termica immagazzinata in mari e oceani (leggi anche Surriscaldamento dei mari equivalente a una bomba atomica al secondo), un nuovo studio punta i riflettori sul global warming marino e sulla velocità con cui il problema stia crescendo. Come spesso accade nella scienza climatica, più si fanno precise e puntuali le misurazioni, più è facile inquadrare il problema in nuove dimensione emergenziali. E secondo larticolo pubblicato sulla rivista Science dal fisico Lijing Cheng e colleghi, il pianeta si trova ora di fonte una situazione poco rassicurate. Il testo parte con una domanda che fa da titolo stesso alla ricerca Quanto velocemente si riscaldano gli oceani? Una risposta puntuale oggi è possibile grazie ad Argo, un sistema di osservazione oceanica costituito da rete di 3.900 galleggianti di profilazione autonomi, in funzione dal 2010. I dati che emergono dal sistema, unitamente ad un miglioramento della qualità delle vecchie informazioni marine, mostrano come il trend di aumento delle temperature sia più elevato rispetto quanto calcolato dallultima valutazione ONU sui cambiamenti climatici nel 2013. E le registrazioni osservazionali del contenuto di calore mostrano che il riscaldamento oceanico sta accelerando, gli autori. Il 2018 sarà probabilmente lanno più caldo per gli oceani, dopo il record del 2017. Da sottolineare che per la temperatura superficiale media mondiale lannus horribilis è stato invece il 2016, in parte a causa degli effetti di El Niño. >>leggi anche Rapporto sul clima: temperatura media in aumento e CO2 a livelli record<< Nel complesso, le temperature nelloceano fino a 2000 metri sono aumentate di circa 0,1 gradi Celsius (0,18F) dal 1971-2010. La valutazione delle Nazioni Unite del 2013 ha stimato tassi più lenti di assorbimento di calore, ma non ha fornito un numero paragonabile. Se non dovessero essere intraprese serie azione di contrasto, gli scienziati stimano che le acque sopra i 2000 metri di profondità si scalderanno di 2000 ZetaJoules entro il 2081-2100, cifra di circa 6 volte più elevata di quella registrata negli ultimi 60 anni.

Investimenti nel fotovoltaico: il risveglio del mercato pubblico Rinnovabili.it - Pubblicato 2019.01.11

Nel 2018 il mercato fotovoltaico ha raccolto investimenti per 9,7 miliardi (Rinnovabili.it) Il 2017 è stato etichettato dal settore energetico come lanno del sole per il numero da record di investimenti attirati dal fotovoltaico rispetto alle altre fonti. Un risultato così buono da rendere quasi impossibile una sua replica nel 2018, soprattutto dopo le ultime rivoluzioni di mercato. Secondo gli analisti di Austin Mercom Capital Group, tra capitale di rischio e private equity, mercato del debito e finanziamenti pubblici, il fotovoltaico ha brindato allanno nuovo con 9,7 miliardi di dollari. La cifra è inferiore del 24% rispetto al totale 2017, ma nasconde in sé due elementi fondamentali: è il risultato degli effetti a catena provocati dalle azioni di soli tre Paesi; mentre il comparto privato ha rallentato, la voce pubblica è aumenta passando da 1,7 miliardi di dollari di due anni fa a oltre 2,3 miliardi di oggi. >>Leggi anche Fotovoltaico 2019, preparatevi ad un altro anno record<< Il 2018 è stato un anno pieno di incertezze che sono iniziate con le tariffe della Sezione 201 (i dazi statunitensi sul fotovoltaico straniero), seguite dallannuncio della Cina di nuove limitazioni alle installazioni e una riduzione della sua tariffa incentivante, commenta Raj Prabhu, CEO e co-fondatore di Mercom. Altre notizie negative sono arrivate dallIndia che ha imposto dazi di salvaguardia sulle importazioni. Lincertezza derivante dai tre maggiori mercati solari del mondo si è riflessa nelle azioni delle società fv quotate in borsa e nellattività di raccolta fondi. Non mancano tuttavia i record: lo scorso anno è salita alle stelle la capacità totale al centro delle nuove acquisizioni: 29 GW rispetto ai 20,4 GW del 2017, per un totale di transizioni, rispettivamente, di 218 contro 228. Una delle tendenze più forti del 2018 è stata la vendita di grandi progetti solari da parte di sviluppatori investitori iniziali, ai portafogli di player secondari. Dal 2010 sono stati acquisiti circa 100 GW di progetti su larga scala, un riflesso di quanto lontano sia arrivato il solare come asset class ha aggiunto Prabhu. I progetti solari di qualità sono ora unopportunità di investimento matura e attraente in tutto il mondo.

Informat Paper News - greenreport_it

Ecco lo studio più aggiornato sugli aspetti ambientali e sociali della geotermia in Italia greenreport_it - Pubblicato 2019.01.11

Ecco lo studio più aggiornato sugli aspetti ambientali e sociali della geotermia in Italia Dieci ricercatori del Cnr, Enel Green Power e della Fondazione Toscana Life Sciences hanno elaborato una «descrizione esaustiva» degli impatti legati alla coltivazione della risorsa rinnovabile geotermica [11 Gennaio 2019] Recentemente è stato pubblicato sulla rivista Geothermics (edita dalla prestigiosa

La geotermia continua a crescere nel mondo, ma non in Italia greenreport_it - Pubblicato 2019.01.11

La geotermia continua a crescere nel mondo, ma non in Italia Nel corso del 2018 la potenza installata è aumentata un po ovunque: dallIslanda alla Croazia, dalla Turchia alla Germania [11 Gennaio 2019] Mentre in Italia la geotermia risulta attualmente esclusa dallo schema di decreto Fer 1, non incentivando, dunque, la produzione di energia elettrica da questa fonte rinnovabile, nel mondo la potenza geotermica installata continua ad aumentare: secondo i dati messi in fila da Alexander Richter presidente dellInternational geothermal association (Iga) su thinkgeoenergy.com, nel corso di tutto il 2018 «il settore geotermico ha aggiunto 587 MW di capacità di generazione in tutto il mondo». A guidare la quota dincremento è la Turchia (+294 MW nel corso del 2018), seguita dallIndonesia (+139 MW), dagli USA (+48 MW), dallIslanda (+45 MW), dalla Nuova Zelanda (+25 MW), dalla Croazia (+18 MW), dalla Cina (+15 MW) e dalla Germania (+3 MW). LItalia non compare nella classifica annuale, mentre con +134 MW occupa il settimo posto tra Islanda e Cile allinterno di quella decennale stilata da Richter, che guarda alla potenza geotermica installata tra gli anni 2009 e 2018 compresi. Complessivamente lItalia che, ricordiamo, è stato il primo Paese al mondo a coltivare la geotermia come risorsa rinnovabile per usi industriali e (altro primato) per la produzione di energia elettrica , ad oggi figura secondo i più aggiornati dati disponibili, riepilogati dallInternational renewable energy agency (Irena) nel corso del 2018 il sesto Stato al mondo per potenza geotermica installata. Eppure le potenzialità della geotermia italiana rimangono ancora oggi largamente inesplorate. Secondo le Stime di crescita della geotermia in Italia 2016-2030, con proiezioni al 2050 elaborate dallUnione geotermica italiana (Ugi) si «stima con prudenza che il potenziale geotermico di medio-alta temperatura esistente in Italia per produrre energia elettrica sia almeno 5000 MWe per un periodo di sfruttamento di almeno 50 anni», senza dimenticare le risorse di medio-bassa temperatura, che offrono potenzialità ancora più ampie in termini di usi diretti del calore geotermico. Uno scenario su cui impatterebbe gravemente la mancata incentivazione della geotermia prevista nello schema di decreto Fer 1, venisse confermata: non a caso sia Ugi sia Iga parlano di «un attacco violento e ingiustificato contro unindustria nata in Italia».

Decreto blocca trivelle, No-Triv: «Rischia di avere vita breve» greenreport_it - Pubblicato 2019.01.11

Decreto blocca trivelle, No-Triv: «Rischia di avere vita breve» Arrigoni (Lega): emendamento M5S profondamente sbagliato. Crippa: ma non eravate contrari alle trivelle? [11 Gennaio 2019] Dopo che il ministero dello sviluppo economico ha preannunciato limminente discussione nelle Commissioni riunite Affari Costituzionali, Lavori Pubblici, Comunicazioni, di un emendamento blocca trivelle al Decreto Semplificazione, Il Coordinameto nazionale NO-Triv fa notare che «Dellemendamento non è stato reso disponibile il testo (definito blindatissimo da fonti giornalistiche); sicché sarà possibile esprimere una valutazione compiuta solo quando lo stesso sarà di pubblico dominio nella sua formulazione ultima». Ma gli anti-trivelle aggiungono che «Stando alla lettera del comunicato diramato dal Mise, un emendamento così congegnato potrebbe correre il rischio di avere vita corta. Preliminarmente, facciamo presente che le attività upstream non rivestono più carattere strategico, di urgenza e indifferibilità, da tre anni a questa parte; esattamente da quando, nel Dicembre 2015, il Parlamento inserì una norma ad hoc nella Legge di Stabilità 2016, recependo il contenuto di uno dei sei quesiti No Triv depositati in Cassazione. Laspetto concernente la pubblica utilità non fu preso in considerazione, allora, perché a rischio di censura da parte della Corte Costituzionale». ll Coordinamento ricorda che il Piano per la transizione energetica Sostenibile delle aree idonee (Ptesai) «Si rifà concettualmente a quel Piano delle Aree abrogato dalla Legge di Stabilità 2016 per eludere uno dei sei quesiti referendari No Triv, in seguito rilanciato, sempre da No Triv, a più riprese e, in ultimo, insieme al Pacchetto Volontà e ad una nota indirizzata nei giorni scorsi al Ministro dellAmbiente. Il Piano è stato anche oggetto di ben quattro disegni di legge presentati nel corso della precedente legislatura. Se ben articolato nel metodo e nei contenuti, si tratta di uno strumento utile e necessario nellottica della regolamentazione di un settore ad elevata impronta ecologica». Ma il sottosegretario Davide Crippa (M5S), ha evidenziato che «Lemendamento prevede &.. che, fino allapprovazione del Ptsai, con un termine massimo di tre anni, saranno sospesi i permessi di prospezione e di ricerca già rilasciati, nonché i procedimenti per il rilascio di nuovi permessi di prospezione o di ricerca o di coltivazione di idrocarburi. Grazie a tale moratoria, sarà impedito il rilascio di circa 36 titoli attualmente pendenti compresi i tre permessi rilasciati nel mar Ionio». Secondo i NO-Triv, «Questo passaggio è quello che presenta forti criticità, prestando fin troppo facilmente il fianco al rischio di possibili contromisure delle compagnie Oil&Gas. Sul punto è bene chiarire subito che un conto è sospendere i procedimenti in corso -divenuti 36 contro i 40 del sottosegretario Crippa di qualche giorno fa fino allapprovazione del Piano; mentre tuttaltra cosa è sospendere e poi revocare, sulla base dello stesso Piano, i permessi di prospezione e ricerca già rilasciati, compresi i tre di Global Med nello Ionio. Il primo provvedimento di revoca di un permesso già rilasciato che il Mise dovesse adottare sulla base di questa norma, verrebbe immediatamente impugnato dinanzi al Tar dalla società che ne detiene la titolarità. La norma blocca trivelle, posta al vaglio della Corte Costituzionale, finirebbe per essere dichiarata illegittima con tutte le conseguenze del caso». I sospetti dei No-Triv vengono confermati dalla freddezza ostile con la quale la Lega di Salvini ha accolto lannuncio dellemendamento targato M5S, aprendo una nuova crepa nel governo del cambiamento: il senatore legista Paolo Arrigoni ha scritto che «Lemendamento sulle trivelle al DL semplificazione del M5S è profondamente sbagliato. Il provvedimento bloccherebbe qualsiasi nuova attività anche oltre le 12 miglia dalla costa, mettendo ulteriormente in difficoltà il nostro Paese, che già dipende per l80% dellenergia dallestero, con un conseguente costo delle bollette di luce e gas per famiglie e imprese italiane maggiore rispetto a quelle degli altri paesi. La tutela dellecosistema può convivere con queste attività, che comunque non prescindono da rigorose valutazioni di impatto ambientale. Così facendo si esporrebbe a elevato rischio di chiusura un comparto imprenditoriale di eccellenza del nostro paese, con perdita sicura di centinaia di posti di lavoro. La sospensione per due anni di tutte le attività di ricerca e prospezione già autorizzate e la previsione ex-post della revoca dei permessi già rilasciati farebbe correre al nostro paese il rischio di pesanti contenziosi in sede arbitrale a livello internazionale con fortissime ricadute sullerario e dunque sugli italiani che sarebbero costretti a pagare pesantissime conseguenze». Il sottosegretario Crippa ha risposto di essere molto stupito per le dichiarazioni di Arrigoni: «In primo luogo perché la Lega, in più occasioni, ha espresso la propria contrarietà alle trivellazioni. Inoltre, ci sono numerose imprecisioni nelle parole del senatore. La produzione di petrolio e gas sul nostro territorio supera a stento il 10% del consumo di queste fonti e le bollette delle famiglie dipendono da altri fattori. Infine, ricordo che lemendamento prevede proprio la messa a punto di un Piano per tutelare lecosistema, individuando aree idonee con conseguente valutazione degli impatti in termini ambientali. Il tutto a vantaggio dei territori e delle popolazioni che sono costantemente minacciate dai rischi connessi dalle attività di ricerca ed estrazione».

I Verdi: alle elezioni europee un’alleanza per dare all’Italia un futuro ecologista, europeista e civico greenreport_it - Pubblicato 2019.01.11

I Verdi: alle elezioni europee unalleanza per dare allItalia un futuro ecologista, europeista e civico Aderiscono Verdi, gli ex M5S di Italia in Comune, Green Italia. Interesse a sinistra [11 Gennaio 2019] Verdi Europei, Federazione dei Verdi italiani, Italia in Comune e personalità del mondo ecologista e associativo, hanno annunciato «lavvio di un percorso di costruzione di unalleanza per dare allItalia un futuro ecologista, europeista e civico, che sia fondato sulla salvaguardia dellambiente, sulla tutela dei diritti di tutte le donne e tutti gli uomini e sulla giustizia sociale: per unItalia e unEuropa libere e unite». Philippe Lamberts, co-presidente del Gruppo Greens al Parlamento europeo e Monica Frassoni, co-presidente del Partito Verde Europeo, hanno detto: «Noi Verdi Europei siamo convinti che anche in Italia ci può essere unonda verde nel 2019. Guardiamo infatti con interesse alla costruzione di una proposta politica credibile per una transizione giusta, democratica ed ecologica, chiara alternativa non solo alle forze conservatrici e nazionaliste che stanno disgregando il sogno europeo e aprendo la strada allautoritarismo, ma anche a chi nega la necessità di un cambio radicale nelle priorità e nel funzionamento della Ue. Queste elezioni europee rappresenteranno un momento cruciale nella partita per la direzione che prenderà la Ue, ma anche una occasione per rafforzare lalternativa in Italia». Il sindaco di Parma, lex Movimento 5 Stelle e presidente di Italia in Comune Federico Pizzarotti, ha sottolineato: «Siamo qui per gettare le basi di unidea di politica che riporti al centro temi fuori dallagenda dei partiti al governo e dei populisti europei, appiattiti sul solo sullimmigrazione. Invece vogliamo parlare della qualità della vita dei cittadini italiani ed europei, di lavoro e di diritti, della salvaguardia dellambiente, del rilancio dellEuropa come la casa di tutti noi, più democratica e aperta al cambiamento. Ci sentiamo italiani dEuropa ed europei dItalia». I co-portavoce dei Verdi italiani Elena Grandi e Matteo Badiali, hanno spiegato: «Da tante parti ci chiedono di agire per contrastare i cambiamenti climatici e di farlo in una direzione precisa, condividendo i valori di una società aperta e dellEuropa come uno spazio irrinunciabile di diritti e di libertà: a questi valori e a questa idea di Europa si può e si deve dare futuro, e sta qui la forza e differenza del progetto che stiamo avviando. I cittadini ci chiedono di collegare come parti inseparabili di uno stesso orizzonte trasformazione ecologica delleconomia e della società, limpegno per un garantire lavoro e reddito a tutte e tutti e la lotta contro razzismo, xenofobia, corruzione. In questo senso, anche le parole dellEnciclica Laudato Si danno forza a chi si batte per la conversione ecologica e di nuovi e diversi stili di vita». Allincontro ha partecipato anche la deputata di Liberi e Uguali Rossella Muroni che sulla sua pagina Facebook riassume così il suo intervento: «Per i temi e le sfide che ci aspettano l#ecologismo rappresenta un fattore di speranza per il Paese, per lEuropa e per il pianeta. Una cultura, quella ecologista, che può essere largine al populismo, se contemporaneamente riuscirà ad essere anche popolare perché non bisogna dimenticare la lezione dei gilet gialli francesi, che hanno opposto le ragioni di chi si preoccupa della fine del mondo a quelle di quanti sono preoccupati per la fine del mese. Dobbiamo dimostrare che le questioni che poniamo sono prioritarie, che hanno un consenso sociale e che le soluzioni che indichiamo sono utili e desiderabili, come ci insegnava Alex Langer. Lambiente è una chiave strategica per fare politica economica e sociale, per costruire una società più giusta e capace di colmare le disuguaglianze, per proporre una ricetta di governo valida tanto a livello locale che globale. Perché la lotta al mutamento climatico parla di lotta alle disuguaglianze, nuovi posti di lavoro, sicurezza, salute, politiche industriali, di partecipazione, di cittadini consapevoli e democrazia, di migrazioni e geopolitica. Ma per farlo è fondamentale incrociare la dimensione civica, dei territori, dove le crisi ambientali esplodono e dove le soluzioni possono essere trovate: penso alle città e alle nuove politiche urbane ma anche ai piccoli comuni che combattono contro il dissesto idrogeologico o per unagricoltura pulita e di qualità. Una proposta ecologista, civica, femminista aperta e da costruire insieme che contribuisca alla costruzione di una nuova Europa: che sia dei popoli più che delleuro, che abbia una politica per gestire le migrazioni e non si chiuda come una fortezza. UnEuropa che ritrovi il suo protagonismo in campo ambientale e che sappia garantirci un futuro di pace e benessere condivisi». Secondo il coordinatore nazionale di Italia in Comune, Alessio Pascucci, «Quello delle europee è un appuntamento al quale Italia in Comune intende partecipare portando il contributo degli amministratori locali per un progetto politico che veda rappresentate le vere istanze ambientaliste e ecologiste che vengono dai territori. Apprezziamo il lavoro svolto dai Verdi italiani ed europei e siamo convinti che partendo da questi temi si possa cominciare a ricostruire unEuropa dei popoli in cui i territori e le loro istanze siano al centro». Per Carmine Maturo, co-portavoce di Green Italia, «Tra i mali dellItalia ce nè uno ormai antico e cioè che i temi ambientali non abbiano nessuno che li rappresenti in politica e che, quindi, ne faccia il cuore di unidea di futuro e di progresso. Lorganizzazione che rappresento è nata per contribuire a colmare questo vuoto, e liniziativa che presentiamo oggi serve allo stesso scopo». Marco Affronte, eurodeputato eletto col M5S e poi passato al Gruppo Greens al Parlamento europeo, conclude: «Ho sempre sostenuto che lecologismo di cui abbiamo bisogno sia un ecologismo che cambia il sistema economico attuale, trasformandolo da sistema di sfruttamento a sistema sostenibile. Ho iniziato ad organizzare incontri per arrivare a questo cammino circa un anno e mezzo fa, e in questo periodo i motivi per andare avanti sono aumentati vedendo lincapacità di dare una risposta seria ai cambiamenti climatici, le crescenti minacce per il nostro mare e le lacerazioni sociali che scuotono il Paese».

Legambiente: «Roma mai stata così piena di rifiuti, ogni cassonetto è una discarica» greenreport_it - Pubblicato 2019.01.11

Legambiente: «Roma mai stata così piena di rifiuti, ogni cassonetto è una discarica» «Lazione dellamministrazione è chiaramente insufficiente visto che non sta accadendo niente perché si possa pensare a un miglioramento futuro» [11 Gennaio 2019] Neanche il rogo che a inizio dicembre scorso ha interessato il Tmb di via Salaria ha dato il via allauspicata rivoluzione nella gestione dei rifiuti che Roma produce ogni giorno, peggiorando semmai ulteriormente comera del resto prevedibile il contesto locale. Come documenta Legambiente Lazio con la fine delle festività a Roma è terminato anche il picco di produzione giornaliera dei rifiuti ma continuano a esserci discariche ovunque, intorno ad ogni cassonetto, su marciapiedi, strade, aiuole in una città in condizioni igieniche e ambientali pessime. «Roma non è mai stata così piena di rifiuti, ogni cassonetto è diventato una discarica e lazione dellamministrazione è chiaramente insufficiente visto che non sta accadendo niente perché si possa pensare a un miglioramento futuro dichiara Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio non cè alcun aumento della differenziata e della diffusione del porta a porta, se non su cifre irrisorie e inutili per cambiare rotta». Secondo dati pubblicati dal Comune di Roma, la percentuale di raccolta differenziata della capitale, in cifre complessive del primo semestre 2018, è ancora ferma al 44,3%, identico dato del 2017. Ed è ferma anche la diffusione della raccolta porta a porta che nel primo semestre 2018 raggiunge il 33% delle utenze, stesso dato del 2017 e del 2016. Ma ben più critico per la gestione della perenne emergenza rifiuti è la strutturale carenza degli impianti necessari a trattarli sul territorio, contando che anche quando era attivo il Tmb di via Salaria (dati Ispra 2017), solo da quellimpianto sono partite circa 51 mila tonnellate di rifiuti urbani indifferenziati con destinazione Austria. Quali impianti sarebbero dunque necessari? Se la sindaca Raggi parla di un non meglio precisato «impianto di riciclo creativo» da costruire al posto del Tmb di via Salaria, in realtà occorrono impianti industriali adeguati e interventi lungo tutta la filiera (dalla selezione allavvio al riciclo, dal recupero energetico allo smaltimento). La più recente analisi di Fise Assoambiente basata sul Rapporto rifiuti urbani 2018 di Ispra individua vari punti critici: «Mancanza di impianti sufficienti per il trattamento della frazione organica, di termovalorizzatori, di discariche, bassa efficienza dei Tmb, bassa raccolta differenziata, forte vulnerabilità e fragilità del sistema (dipendenza da altri impianti e da intermediari)». «Immaginando che Roma sia in grado di riciclare nel 2035 il 65% dei rifiuti, come chiede la Direttiva sui rifiuti del Pacchetto sull economia circolare, andranno colmati argomenta lassociazione almeno 30 punti in più di raccolta differenziata, per raggiungere il 75%, visto che non tutto quello che si raccoglie in modo differenziato può essere riciclato. Un obiettivo oggi ancora molto lontano. Inoltre, per il restante 35% (inclusi gli scarti della raccolta differenziata) e per il trattamento della frazione umida serviranno i seguenti impianti: 4/5 impianti di digestione anaerobica per la frazione umida (capacità media pari a 100.000 ton ciascuno ); 1 termovalorizzatore per almeno 600.000 ton (più o meno come Acerra); 1 discarica di servizio a Roma o nel Lazio; solo così si potrà arginare il turismo dei rifiuti».

Moda sporca: i marchi dell’abbigliamento devono assumersi la responsabilità dei loro impatti greenreport_it - Pubblicato 2019.01.11

Moda sporca: i marchi dellabbigliamento devono assumersi la responsabilità dei loro impatti Sondaggio: pochi italiani associano i brand della moda a una filiera sostenibile [11 Gennaio 2019] I consumatori italiani stanno diventando sempre più consapevoli dellimpatto ambientale e sociale sia dellindustria alimentare che di quella dellabbigliamento, un settore questultimo che nel 2020 arriverà a un valore di mercato di 42 miliardi di dollari. Mentre i Bangladesh continuano gli scioperi e le manifestazioni (duramente repressi) delle operaie e degli operai tessili per chiedere un salario e condizioni di lavoro dignitose, secondo il sondaggio Sustainable Fashion Survey effettuato da Isos Mori per conto di Changing Markets Foundation e Clean Clothes Campaign/Campagna abiti puliti, «I grandi brand non possono più contare su una fiducia indiscussa ma devono mettere in conto, da parte di chi compra, un occhio sempre più vigile e attento sugli aspetti che riguardano lambiente, la salute e le condizioni dei lavoratori». Il sondaggio è stato effettuato online in Italia, Gran Bretagna, Usa, Francia, Germania, Polonia e Spagna e Ipsos Mori sottolinea che «I confronti tra i vari paesi vengono fatti solo se statisticamente significativi. Trattandosi di unindagine on line, e quindi con campione auto-selezionato, i margini di errore sono più alti. Tecnicamente la significatività e gli intervalli di confidenza si applicano solo a campioni randomizzati; tuttavia, i campionamenti causali di buona qualità si sono rivelati altrettanto accurati nella pratica». Il questionario verteva sui seguenti argomenti: Domande sulle abitudini di acquisto di articoli di abbigliamento e sulle scelte fatte in merito alla sostenibilità; Percezione delle questioni della sostenibilità nellambito dellindustria della moda e la filiera dei marchi dellabbigliamento; Opinioni sui diritti dei lavoratori e sui salari pagati nel settore della produzione di articoli di abbigliamento; Opinioni specifiche sulluso della viscosa nei processi produttivi dei capi di abbigliamento; Opinioni sui sistemi di certificazione dei capi di abbigliamento attuali e alternativi. Il sondaggio evidenzia che «solo due Italiani su dieci (22%) ritengono che lindustria informi adeguatamente i consumatori riguardo allimpatto produttivo sullambiente e sulla popolazione e otto su dieci (82%) ritengono che i marchi debbano fornire informazioni sugli obblighi assunti e le misure adottate per ridurre linquinamento». Inoltre, due Italiani su tre (64%) dichiarano di non essere disposti a comprare articoli di abbigliamento da marchi la cui produzione è associata allinquinamento e addirittura il 72% (i tre quarti degli Italiani) pensa che «i marchi di abbigliamento debbano assumersi la responsabilità di ciò che avviene nelle loro catene di produzione e distribuzione e debbano garantire che i loro articoli siano prodotti in maniera ecosostenibile». Per quanto riguarda le condizioni di lavoro e di salario ben il 78% degli italiani considera importante che «i marchi dellabbigliamento dichiarino in maniera trasparente se i dipendenti che lavorano nelle proprie filiere ricevono un salario dignitoso» e il 58% dice che «non comprerebbe prodotti da un marchio che non paga i giusti compensi». Urska Trunk, della Changing Markets Foundation, evidenzia che «Si tratta dellindagine di mercato più approfondita mai realizzata relativa alla percezione da parte dei consumatori degli standard ambientali e lavorativi nellindustria dellabbigliamento. Lindagine rivela che i consumatori si aspettano che i marchi si assumano la responsabilità di ciò che avviene allinterno delle proprie filiere e chiedono maggiore trasparenza sia per quanto riguarda le condizioni di lavoro sia per il rispetto dellambiente. I risultati dellindagine puntano tutti verso un netto cambiamento di mentalità da parte dei consumatori i quali chiedono una maggiore assunzione di responsabilità da parte dellindustria e più informazioni». Sono sempre più numerosi gli appelli rivolti allindustria della moda italiana perché adotti processi produttivi più responsabili. Clean Clothes Campaign denuncia che nonostante lalto valore di mercato del settore, le sue »rivelazioni sulle misere condizioni di lavoro nelle fabbriche in Albania e Macedonia, dove vengono prodotte le calzature cosiddette Made in Italy per i marchi di lusso, e i risultati non soddisfacenti delle analisi di internal auditing relative alle condizioni di lavoro, hanno causato un danno di immagine e hanno condotto lopinione pubblica a fare pressione affinché questa situazione cambi». Generalmente, i marchi del lusso elencati nel sondaggio non sono considerati migliori dei marchi più economici o dei rivenditori al dettaglio. Il sondaggio ha infatti messo in luce alcuni dati sorprendenti riguardanti i brand del lusso: «Il 10% degli Italiani associa il marchio Gucci a una filiera ecosostenibile, contro il 13% di Zara e il 17% di H&M. Ricerche condotte dalla Clean Clothes Campaign tra laltro rivelano come Gucci si rifornisca in diversi Paesi dove sussistono misere condizioni di lavoro, come la Serbia». Secondo il sondaggio di Ipsos Mori, il 54% degli italiani ha la sensazione che lindustria della moda paghi salari troppo bassi ai lavoratori delle proprie filiere e il 67% ritiene che sia difficile sapere con certezza se gli articoli di abbigliamento che acquistano rispettano gli standard etici più alti. Deborah Lucchetti della Campagna Abiti Puliti evidenzia che «I consumatori non sono più disposti a comprare prodotti di quei marchi che non pagano salari dignitosi. Se lindustria dellabbigliamento non si decide ad agire concretamente, convertendo la produzione verso una maggiore sostenibilità e legalità, è giunta lora che lo facciano direttamente i governi». Insomma, varcati i confini di casa nostra gli italiani sembrano meno razzisti e poverofobici di quanto appaiono in patria quando si parla dei migranti economici che fuggono proprio da quelle condizioni che, nel sondaggio, la stragrande maggioranza ritiene intollerabili. Poi cè il problema della viscosa, una fibra vegetale che sta diventando unalternativa sempre più diffusa al cotone o ai prodotti sintetici. Ma Clean Clothes Campaign fa notare che «La produzione della viscosa necessita di sostanze chimiche tossiche che hanno effetti nocivi documentati sullambiente e sulla salute delle persone se non debitamente controllate». Più di 303.000 consumatori dellUE hanno firmato una petizione lanciata da WeMove per chiedere allindustria dellabbigliamento di impegnarsi nella produzione di viscosa pulita. Secondo il rapporto Dirty Fashion: on track for transformation della Changing Market Foundation i brand del lusso italiani quali Gucci, Prada e Fendi risultano tra i marchi peggiori per quanto riguarda la viscosa, accanto a rivenditori al dettaglio della fascia più bassa come Lidl ed Asda. Lindagine Ipsos Mori ha anche rivelato che «Il 71% degli Italiani concorda sul fatto che i marchi dellabbigliamento dovrebbero fornire informazioni sui loro produttori di viscosa e il loro impatto sullambiente». La Trunk conclude: «Questa indagine indica un forte sostegno da parte dei consumatori alle azioni intraprese dallindustria della moda per garantire che i marchi producano articoli di abbigliamento in maniera ecosostenibile. Le aziende del settore dovranno passare a metodi più puliti per soddisfare le aspettative dei consumatori. Ci stiamo rivolgendo alle aziende italiane che si occupano di abbigliamento chiedendo di seguire lesempio di altri marchi Ue e firmare la nostra Roadmap per una filiera della viscosa più pulita. Abbiamo bisogno della massima trasparenza e di uno spostamento verso un modello produttivo che non distrugga la vita delle persone e gli ecosistemi naturali».